Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

CLOCHARD

Son passata
dai vecchi portici
m'è sovvenuta
alla mente
la tua casa di cartoni
mentre stendevi sul cemento
nella velata malinconia
i tuoi libretti di poesia
chiamavi i passanti
"Sono il re dei barboni!"
esclamavi
nella folla quasi indifferente
E a tutti sorridevi
chiedendo solo un momento
d'attenzione...
eri sempre lì
in quel posto
sembrava avessimo appuntamento
non volevi ti regalassero niente
vivevi così
cercando di vendere
un po' d'emozione
e dicevi:
"La strada m'ha fatto poeta!"
Mentre davanti
sfilavano
anche persone che t'additavano
per i capelli arruffati
i vestiti non lavati
e la bottiglia aperta
odorosa di forte cattivo vino
che ti tenevi spesso vicino
fonte forse di finta allegria
parlavi anche ad invisibili amici
ma alla fine ti ritrovavi
sempre in quella condizione...
amaro con te il destino
eppure ricordo
il tuo fiero
sguardo d'uomo libero...


Share |


Poesia scritta il 12/10/2015 - 10:03
Da Sabry L.
Letta n.534 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


Grazie Luciano G. per le tue parole...la vorremmo tutti una libertà incondizionata anche io....purtroppo però ha sempre delle condizioni e quelle di queste persone sono davvero dure...grazie dell'attenzione

Sabry L. 16/10/2015 - 06:58

--------------------------------------

E certo,la vera libertà,è quella di chi non possiede niente e non deve difendere niente. Condizione che metti in evidenza nella tua bella poesia e che molto spesso ho desiderato anche'io. Un caro saluto.

Luciano Guidotti 15/10/2015 - 21:13

--------------------------------------

Grazie Maddy
Si Salvo,hai ragione, ci sono sfumature nelle diverse definizioni ma in pratica la vita di strada è sempre vita di strada...ciao

Sabry L. 14/10/2015 - 05:58

--------------------------------------

C'è differenza fra le parole clochard e mendicante, ma entrambi condividono la strada. Scelta di vita obbligata fra il teatro e la tragedia.

salvo bonafè 13/10/2015 - 17:38

--------------------------------------

Scusami nel messaggio di prima ho sbagliato la faccina. Volevo mettere questa

Maddalena Clori 13/10/2015 - 13:11

--------------------------------------

Brava Sabry! Molto commuovente. Ti do 5 *****

Maddalena Clori 13/10/2015 - 13:10

--------------------------------------

Brava Sabry! Molto commuovente Ti do 5 *****

Maddalena Clori 13/10/2015 - 13:10

--------------------------------------

Grazie Luciano per il bel commento. Sono d'accordo, c'è una miseria molto peggiore dell'essere clochard o senzatetto o simili che è l'aridità e l'indifferenza
verso chi vive in modo diverso.E' vero la vita di strada è libera e forse questo le riserva un certo fascino, ma di certo la fame, la solitudine non hanno nessun fascino. Grazie delle tue parole.ciao

Sabry L. 13/10/2015 - 11:11

--------------------------------------

Clochard un lemma affascinate tutto sommato ma che nasconde una tragedia di vita che con il passare degli annai ha cambiato la sua connotazione del soggetto interessando purtroppo tante categorie di persone. La società d'oggi ne è piena e questo denota non tanto la miseria e le difficoltà quanto la indiferenza che circonda queste persone quasi e spesso divenute parte del paesaggio. La sera le città si popola di nuova popolazione. Sono loro conil loro incerto incedere, con il loro trascinare la vita in un carrello o in un fagotto. Grande la sensibilità dell'autrice che cattura il lettore, ammirato.

luciano rosario capaldo 13/10/2015 - 10:06

--------------------------------------

HOLA SABRY prima di chiudere voglio omaggiare questa tua poesia che rispecchia il tuo animo gentile e sensibile. La dignità dell'uomo non si vede dal vestito, ma da quello che ha dentro..."infatti io vado sempre nudo"!! ah ah ah Hola chica

Lucio Del Bono 13/10/2015 - 01:55

--------------------------------------

Grazie a tutti voi per aver prestato attenzione alle mie parole. E' un tema a cui tengo...anche perché non è frutto di fantasia, risale a molti anni fa e quel poeta che con orgoglio si definiva davvero come ho detto viveva davvero in strada e davvero aveva quello sguardo segnato ma fiero di essere libero. Spesso si giudicano gli altri in base al loro status o per come si vestono o per le apparenze. Spesso si scartano quelli apparentemente diversi da noi...invee io sono affascinata da quello che c'è dietro...tanti chiamano con disprezzo questa gente meno fortunata o che vive in strada, pensano che non abbia voglia di lavorare, che sia sporca...ma ci sono tanti motivi per finire così...malattie, abbandoni...potrebbe succedere a tutti...ecco questo era il mio messaggio, grazie d'averlo recepito. Buona notte Anna. Maria, Rocco, Arcangelo, Paolo e Sauveur

Sabry L. 13/10/2015 - 01:46

--------------------------------------

Cara tu sai arrivare al cuore di chi ti legge... e lo fai con tanta delicatezza. Ciao Sabrydolce notte mia cara.

Maria Cimino 13/10/2015 - 00:03

--------------------------------------

Chi poteva scriverla una così commovente e vera poesia, solo tu...Ho capito subito che era una tua opera. Super brava. Bacione

Anna Rossi 12/10/2015 - 18:01

--------------------------------------

bravissima , delicata

sauveur antibes 12/10/2015 - 16:48

--------------------------------------

Una toccante realtà in un commovente costrutto diligentemente versicolato. La mia lode Sabry.

Rocco Michele LETTINI 12/10/2015 - 15:38

--------------------------------------

Versi che comunicano mestizia profonda, presentando una figura assai nota verso la quale, spesso, reagiamo con poca, o persino, totale indifferenza. Purtroppo, la società odierna è cultura della non accoglienza e del rifiuto. Siamo abitudinariamente presi dal nostro benessere e cinismo, per guardarci attorno. Davvero grazie per averci ricordato che, nel mondo, esistono persone meno fortunate. Opera di intensa sensibilità a cui va tutto il mio apprezzamento sincero. Brava, Sabry L., per l'attenzione dedicata ad un tema umanitario importante.

Arcangelo Galante 12/10/2015 - 15:31

--------------------------------------

Profuma di dignità questa Poesia, dall'elevatissimo spessore umano. Lodi e complimenti infiniti Sabry

Paolo Ciraolo 12/10/2015 - 14:31

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?