Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Sazio d'Amore...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Giustiziere

Sereno, al lavacro, si dedica
il giustiziere.
Grondano sangue le sue forti mani
e l’acqua si tinge
di un delicato color di rosa.
Sfuma così l’atto severo,
imposto dal dio senza pietà
senza coraggio e senza meta
che delega ai figli la collera sua.
Il giustiziere riposa sereno
stringe la donna e bacia i suoi figli,
domani la terra sarà meno dura.


O mio giustiziere, si sa cosa temi.
Ti terrorizza il libero senso
e ti atterrisce il pensiero diverso.
Non è l’assassino che passi di lama
è chi non crede nel tuo folle dio
che arma il tuo misero pugno.
Servo fedele, ma pur sempre servo
conosci il mandante e ne sei fiero.
Ti aspetti, alla fine, il giusto compenso
di gioia e bellezza, com’era promesso.
Avrai la medaglia e sarai il suo rovescio
mentre la testa chinata sul ceppo
farai l’ultimo tuo gesto di fede.



Share |


Poesia scritta il 08/02/2016 - 10:40
Da Valerio Poggi
Letta n.240 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Una poesia forte, d'impatto, figlia dei nostri giorni. Molto apprezzata! Ciaooo

Fabio Garbellini 08/02/2016 - 12:34

--------------------------------------

UN INTENSO ET ACUTO VERSEGGIO IN STROFE DILIGENTEMENTE FORGIATE. LIETA SETTIMANA.
*****

Rocco Michele LETTINI 08/02/2016 - 12:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?