Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Giustiziere

Sereno, al lavacro, si dedica
il giustiziere.
Grondano sangue le sue forti mani
e l’acqua si tinge
di un delicato color di rosa.
Sfuma così l’atto severo,
imposto dal dio senza pietà
senza coraggio e senza meta
che delega ai figli la collera sua.
Il giustiziere riposa sereno
stringe la donna e bacia i suoi figli,
domani la terra sarà meno dura.


O mio giustiziere, si sa cosa temi.
Ti terrorizza il libero senso
e ti atterrisce il pensiero diverso.
Non è l’assassino che passi di lama
è chi non crede nel tuo folle dio
che arma il tuo misero pugno.
Servo fedele, ma pur sempre servo
conosci il mandante e ne sei fiero.
Ti aspetti, alla fine, il giusto compenso
di gioia e bellezza, com’era promesso.
Avrai la medaglia e sarai il suo rovescio
mentre la testa chinata sul ceppo
farai l’ultimo tuo gesto di fede.



Share |


Poesia scritta il 08/02/2016 - 10:40
Da Valerio Poggi
Letta n.229 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Una poesia forte, d'impatto, figlia dei nostri giorni. Molto apprezzata! Ciaooo

Fabio Garbellini 08/02/2016 - 12:34

--------------------------------------

UN INTENSO ET ACUTO VERSEGGIO IN STROFE DILIGENTEMENTE FORGIATE. LIETA SETTIMANA.
*****

Rocco Michele LETTINI 08/02/2016 - 12:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?