Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
Passerà la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicità...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...
e dimenticare...
Imparare dalla sempl...
Ah, l'amour......
O il babbo...?...
L' Ancora Di Salvezz...
La retta via...
L'oscuro contadino (...
Sangue e Jack Daniel...
Calessi...
La pulizia...
Mareggiata...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Rima

Sposami,
femmina d’ebano con intarsi d’oro.
Lascia il tuo mantello di solitudine
in mani altrui
mentre volgi lo sguardo
verso di me, che mi attardo.


Cammina sui cocci di vetro turchino
a piedi nudi.
Non sarà il dolore a farti freno,
per te basterà il mio
che, da molto, è il mio dio.

Seguimi,
da mille secoli aspetto senza riposo
che tu raggiunga la vetta
di questa montagna infinita,
la nostra semplice vita.


Potrai cercare le mie
gocce di sangue,
illuse lacrime, mani riverse,
ormai disperse.


Accoglimi,
senza di te, ormai, morirò
ma non per amore
o per orgoglio
ma solo perché tutto non è
più come prima
senza la rima,
una piccola rima.



Share |


Poesia scritta il 17/11/2016 - 12:24
Da Valerio Poggi
Letta n.316 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


bellissima

laisa azzurra 18/11/2016 - 12:34

--------------------------------------

Bella questa rima d'amore!

margherita pisano 17/11/2016 - 22:04

--------------------------------------

Bella poesia

Mirko Faes 17/11/2016 - 20:45

--------------------------------------

***** che bella "rima"!

Marilla Tramonto 17/11/2016 - 20:41

--------------------------------------

Direi che la rima non ti manca ed esprimi l'amore mirabilmente

Flavia Spadiliero 17/11/2016 - 18:53

--------------------------------------

Un amare, a cuore aperto, mirabilmente firmato.
Un fascino sentimentale... indiscutibile... che sgorga poesia... limpida.
Lieto meriggio, Valerio.
*****

Rocco Michele LETTINI 17/11/2016 - 16:07

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?