Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L'albero dalle foglie lucenti

Piegato dagli anni
un vecchio albero
lascia alle fronde
lambire la strada.


Senza notarlo
le auto ai suoi piedi
si affrettano veloci
sull' asfalto bagnato.


La chioma maestosa
puntata d' arancio
lentamente oscilla
armonica e sinuosa.


Muovendo i suoi rami
sembra chiamarmi
con i gesti aggraziati
di un vecchio saggio.


Sottovoce mi parla
col sussurro del vento
che fruscia sui nodi
e le crepe del legno:


"E' triste il tuo cuore
lo sento distante
come avesse smarrito
la passione e l' ardore.


Guarda il mio corpo
condannato alla terra
a restare immobile
a contare i decenni.


Ci sono qui intorno
solamente una via
le colline sfumate
poche case lontane.


Tra le mani ho la sorte
di questi piccoli uccelli
do' riparo e una casa
ai minuscoli insetti;


ma non conosco il mare
il gorgheggio del fiume
gli abbaglianti ghiacciai
sopra immensi deserti


non conosco l' amore
le carezze di un bimbo
l' emozione di un bacio
di una madre raggiante.


Se tu hai tutto questo
non ti puoi lamentare
prendi in mano la vita
non esiste la sorte".


Quindi torna il silenzio
le parole svaniscono
nello spazio già colmo
di grigiore d' autunno.


Quelle foglie lucenti
di sgargianti colori
ora sembrano lacrime
mille gocce di pianto



Share |


Poesia scritta il 29/11/2016 - 18:47
Da Dario Menicucci
Letta n.227 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Quartine sublimi. Molto bella.

antonio girardi 30/11/2016 - 10:23

--------------------------------------

Bellissima Dario, incantata. Complimenti sinceri

Anna Rossi 30/11/2016 - 06:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?