Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LA BALLATA DEI DEMONI URLANTI

Sulla pelle io del tempo sento il graffio,
sul mio cuore ferito a morte
spicca come un precoce epitaffio
Al dolore, si sa, soccombe anche il più forte


non è più il momento del silenzio
in questa notte crudele
da bere piano come assenzio
misto a gocce di fiele


voglio danzare nella cieca frenesia
ubriacando la mia povera mente
in un giro di euforica follia
nel mio inferno latente


in questa dannata bolgia
non si ferma la giostra
si consuma dei pensieri l'orgia
ma una maschera il mio volto non mostra


sfilano nudi e maledetti tutti quanti
selvaggi, virili, torbidi
i miei demoni urlanti
terribili, eppure assurdamente splendidi


È forse il ritrovarsi la vera dannazione,
non la perdizione



Share |


Poesia scritta il 20/01/2017 - 19:44
Da Sabry L.
Letta n.298 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Un incipit che introduce in un mondo fantasioso fatto di immagini forti con i quali si condivide un odio-amore forse per poterli esorcizzare o quanto meno domarli lasciandoli muovere in un recinto delimitato. Poe originale di impatto forte ma di ottimo gradimento.

Francesco Scolaro 21/01/2017 - 18:34

--------------------------------------

Grazie a tutti...visto che far visita ai miei demoni non è così pericoloso? Scherzi a parte grazie dei bei commenti.

Sabry L. 21/01/2017 - 18:19

--------------------------------------

Ciao Sabrymbaud.
Che poesia! Con una rima che la rende molto musicale.
Per il testo: sembra un esorcismo alle tue paure, il vedere splendidi i tuoi demoni urlanti.
Ciao, piaciuto il nome?

Loris Marcato 21/01/2017 - 08:48

--------------------------------------

SABRY.... incomincia a piacermi questo tuo inferno, frequentato da demoni nudi e virili...per i tipacci oscuri e maledetti ho avuto sempre una spiccata simpatia...Molto bella la poesia come tutte le tue. Notte

mirella narducci 21/01/2017 - 00:48

--------------------------------------

Vibrante intensa, è Bellissima!!!
Un abbraccio Sabry

margherita pisano 20/01/2017 - 22:55

--------------------------------------

Particolare e graffiante...sembra una danza di guerra,dove chi si ferma è perduto.Effetto del dolore?
Ha un ritmo che trascina.

Teresa Peluso 20/01/2017 - 21:58

--------------------------------------

UUUAAUUUU che calderone che borgia di demoni travestiti da angeli peccatori una stupenda poesia che mi piace un sacco ma non la so definire comunque 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 20/01/2017 - 21:54

--------------------------------------

bravissima anche in rima cara Sabry.un affettuoso saluto

andrea sergi 20/01/2017 - 21:43

--------------------------------------

wow
dagli angeli ai demoni
così le tue poesie
amore e inferi
gioia e rabbia graffiante
si, perchè è questo che ti contraddistingue...sai essere estremamente PUNGENTE....
BRAVISSIMA

laisa azzurra 20/01/2017 - 20:17

--------------------------------------

Un intenso poetar avallato da una chiusa espressivamente chiara.
Il mio lodevole giudizio e il mio lieto fine settimana, Sabry.
*****

Rocco Michele LETTINI 20/01/2017 - 20:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?