Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...
La rosa...
Una notte in aeropor...
Vorrei tu fossi qui...
celate in uno scrign...
NONNO RACCONTAMI...
Tediosa....
Diceva mio Padre ......
La tremenda profezia...
voglia in cerca di l...
Datemi una stella...
Le tue lunghissime c...
ESTATE BRUCIANTE...
L 'isola...
Filastrocca d'amore...
Chi sei?...
Diamante...
Il lamento dei poeti...
Troppe-D 2...
amor sofferto...
Notte di S.Lorenzo...
L' IPOCRITA...
Ci sono cose che acc...
Occhi di vetro...
VIAGGIATORE.........
La mia storia come u...
Grigio di citta'...
VIVO PER AMARTI...
UN ANGELO ALLO SPECC...
A LEI...
SOLI INSIEME...
batuffolo...
Alla luna...
Ossimori....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Benvenute paure

Governarmi.
Seppur furioso di desiderio.


Arde il solleone.
Titani da domare.


Poderosi da flettere le ginocchia
e fargli praticare il suolo.
Spazi che valicai eretto tuo alunno,
a piedi decisamebte spogli..
padroni e incuranti, alla stregua dei tuoi ciceroni.


Fervore e impeti ad ogni passo che mossimo.


Dita, pelle, labbra da incastri perfetti, divenute custodi quanto bramanti.


Annusai immacolati guai dacchè ti vidi..
..li accolsi..



Share |


Poesia scritta il 11/02/2017 - 04:48
Da Riccardo Ingannè
Letta n.205 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


bellissima
soprattutto la chiusa

laisa azzurra 11/02/2017 - 19:25

--------------------------------------

RICCARDO I. Chi meglio di te poteva svelarne il significato...delle volte si esprimono emozioni difficili anche per chi le scrive. Io dico sempre che la poesia è un dipinto che lo si osserva e poi si hanno sensazioni a seconda del nostro stato d'animo. La tua opera non è male forse un pò ermetica. Continua c'è una prima volta per tutto. E' gia incoraggiante che esprimi i tuoi sentimenti e non è facile. Ciao grazie per l'esauriente spiegazione sei stato molto gentile le mie 5* sono tue

mirella narducci 11/02/2017 - 19:22

--------------------------------------

Ciao, noto perfettamente che si evince da ogni riga che sono totalmente acerbo. Mi sto approcciando ad una persona nuova che sto scoprendo di essere col tempo e con la maturità che esso mi regala. Dunque sarò sicuramente lontano dallo scrivere una buona poesia, ma volevo comunque buttarmi! Grazie per i commenti!
Per rispondere a Mirella Narducci: quella parte, come il resto, dovrebbe far intendere che soltanto in presenza della persona "a cui scrivo" riuscii a camminare in maniera completamente eretta, e che adesso il peso della sua mancanza mi schiaccia con forza fino a piegarmi le ginocchia e farle toccare terra, dunque una sensazione umiliante. Per il resto, nonostante io abbia annusato tutto questo prima di cominciare accettai lo stesso per l'irresistibile voglia di sentirmi vivo, pagandone le conseguenze. :)

Riccardo Ingannè 11/02/2017 - 18:50

--------------------------------------

RICCARDO INGANNE'Perdonami non sono riuscita a fare un commento alla tua poesia,di alcune rime mi sfugge il significato. Te le riporto -( Spazi che valicai eretto tuo alunno,a piedi decisamebte spogli..
padroni e incuranti, alla stregua dei tuoi ciceroni.)
Naturalmente se hai tempo e se ti va....Grazie

mirella narducci 11/02/2017 - 17:59

--------------------------------------

un po' criptica ma...arriva! 5*

SILVIA OVIS 11/02/2017 - 12:43

--------------------------------------

BENVENUTO RICCARDO in questa pagina di poesia e racconti spero tu ti trovi bene e relazioni con gli altri autori bella opera 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 11/02/2017 - 12:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?