Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Sulla buona strada

Mi lascerò andare
alla necessità della fatica
sollevando ancora pietre
su pietre
per sentirmi ancora vivo
o invecchiare
come gli uomini di una volta
che imprecavano
contro le improbabili divinità
per i dolori alle articolazioni
ma che avevano imparato
a trovare la libertà
dentro di loro


Mi lascerò andare
sulla buona strada
che intravedo
all’orizzonte
e scaverò una fossa
per seppellire le disillusioni
e molte altre buche
lungo il viale
per i giovani alberi
fino a che io stesso
sarò forse
un buon innesto
per i fiori di pesco



Share |


Poesia scritta il 17/03/2017 - 08:54
Da Francesco Gentile
Letta n.268 volte.
Voto:
su 10 votanti


Commenti


Grazie..

Francesco Gentile 24/03/2017 - 07:49

--------------------------------------

bella poesia...intensa tensione vitale..
ogni gesto ci trasforma seppelliamo le
disillusioni e assaporiamo la libertà di essere.

demetrio locatelli 23/03/2017 - 22:39

--------------------------------------

Splendida poesia! Invita a riflettere sul nostro passaggio in questa dimensione...

Morena Menzani 19/03/2017 - 08:38

--------------------------------------

La trovo splendida, con quell'immagine dei lavoranti oberati dalla fatica e la chiusa finale. Giulio Soro

Giulio Soro 18/03/2017 - 10:18

--------------------------------------

FRANCESCO GENTILE in questa tua c'è tanta malinconia e tanta poesia....Il tuo soffermarti sulla vita, sono lezioni che ci dai...le tue odi finiscono per essere amate! Ciao poeta

mirella narducci 17/03/2017 - 19:32

--------------------------------------

mescolarsi alla nostra madre terra.... bella bella arriva dritta....
grande forza grande armonia...
il tuo stile è unico
grazie
*****

Paolo Pedinotti 17/03/2017 - 19:24

--------------------------------------

Molto bella sopratutto positiva... piena di veri valori. 5*

donato mineccia 17/03/2017 - 19:13

--------------------------------------

Dalla terra alla terra...non c'è cosa più bella!
Intensa e molto bella

margherita pisano 17/03/2017 - 18:57

--------------------------------------

Un messaggero decanto come invito a non mollare... per poter ritrovarsi sempre in un sorriso...
Mirabilmente composto.
Lieto meriggio, Francesco.
*****

Rocco Michele LETTINI 17/03/2017 - 15:15

--------------------------------------

Ops....dare

laisa azzurra 17/03/2017 - 15:00

--------------------------------------

Dolce Francesco,
La terra come ritorno alla freschezza...e quelle buche per ricominciare a per fare continuità alla propria esistenza....semplice, con un innesto
Molto bella
E grazie per i tuoi commenti

laisa azzurra 17/03/2017 - 15:00

--------------------------------------

una meraviglia di poesia molto profonda 5*

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 17/03/2017 - 12:49

--------------------------------------

Una bella e sentita poe ove l'Autore ci fa riscoprire il piacere di faticare e magari di imprecare quando necessario perchè si vuole quasi riscoprire i vecchi valori intrisi di lavoro rispetto ed educazione. OK

Francesco Scolaro 17/03/2017 - 12:44

--------------------------------------

E si va avanti, perchè la vita è costruire, anche con fatica, accettando le disillusioni e le delusioni, per migliorarsi sempre e rifiorire ad ogni primavera...

Mimmi Due 17/03/2017 - 12:34

--------------------------------------

Molto bella Francesco,poesia intensa e profonda.5*

Paolo Perrone 17/03/2017 - 12:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?