Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Decoupage...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...
Figlia mia...
NA SERA DORCE DE PER...
Due cuori e un'anima...
SHOPPING...
Una mano che mi rega...
Riflessi di seduzion...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'ultima stazione

Ti immagini come deve essere l'ultima stazione?
io sono già lì con la mente
fiumi di soldi ci vengono rovesciati addosso da clericali impazziti
donne discinte ci invitano a salire sui treni
vecchi frustrati si strappano fuori la bile
la mordono per la rabbia di non stare più al comando
Pensa lo sberleffo
per noi che abbiamo sofferto tutte le file al caldo
per noi che cercavamo il numero del vagone sul quale sederci
Ti immagini come deve essere l'ultima stazione?
sedersi ai tavoli a bere con i poeti
che ci avevano avvisati in ogni modo
che ci offrivano piccole goccie per darci la strada della fonte
Vecchi cugini si incontrano come non hanno fatto da giovani
e i peccati del mondo sparsi nell'oceano sono solidali con loro
C'era un vecchio pazzo nella spiaggia a sud di un'isola
ora sento il suo flauto che ci chiama fuori dalla scatola
sento il suono gutturale salire dal suo petto
e sputare via le anime che non ha mai incontrato
Ti immagini come deve essere l'ultima stazione?
tirare le somme di tutto il tempo perso
mentre fuori i fiori sbocciano baciati dal sole
giovani donne li colgono mettendoli all'orecchio
e ridono delle loro madri mandate al manicomio
C'erano un sacco di cose da dire e non le abbiamo dette
le abbiamo scritte a chi non aveva voglia di leggere
ora prendi la mira e inspira bene
il cuore non ce l'hanno
punta alla testa
e sparale fuori tutte insieme facendola esplodere
Ti immagini come deve essere l'ultima stazione?
uno spazio mistico dove ci stanno tutti
Vederti bambino esiliato dagli altri
vederti da grande che prendi senza permesso
io sto già lì con la mente
sento il fracasso delle sirene che suonano inutilmente
le sane urla impazzite e il via vai della gente.


Share |


Poesia scritta il 27/10/2017 - 13:57
Da Ernest Navi
Letta n.163 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?