Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Franz e la storia

Proprio in quel momento a qualche chilometro di distanza stava nascendo Josip Broz Tito, ma quando nasce un uomo che farà la storia nessun giornale ne pubblica la notizia, perciò Franz non lo sapeva, mentre era occupato a presiedere la consueta riunione del sabato sera del suo sgangherato "esercito dei pacifisti".
Il gruppo, dal nome altisonante, consisteva in non più di una mezza dozzina di giovani con molte idee in testa e pochi quattrini in tasca, che si riunivano in un vecchio scantinato alla periferia di Braunau, passavano ore ed ore discutendo su come rendere il mondo migliore e su come risvegliare la coscienza collettiva, per poi finire la serata in qualche birreria nei paraggi.
Ma quella sera le cose si svolsero in modo un po' diverso: Franz aveva lanciato l' idea di passare all' azione. Un' azione pacifica e simbolica, ma almeno qualcosa di concreto dopo tanti discorsi.
E così, nottetempo, procedendo furtivamente per nascondersi dalla luce della luna quasi piena di quella notte di maggio, che rischiava di mandare a monte i loro piani, avanzavano armati di un piede di porco e di un barattolo di vernice rossa verso il loro obiettivo.


Domenica mattina Franz si era levato di buon' ora, e alle dieci era già per strada, per cogliere i commenti sulla loro impresa notturna, se ce ne fossero stati.
La piccola cittadina ferveva della consueta attività domenicale. Gente che andava in chiesa o in pasticceria per la prima colazione, gente che tornava a casa. Tutti sereni ed intenti a scambiarsi il buon giorno, come usa, o meglio usava ancora alla fine del diciannovesimo secolo, in un borgo di poco più di cinquemila anime in cui tutti più o meno si conoscono.
In quell' atmosfera idilliaca strideva la figura di un ometto sulla cinquantina, tutto rosso in faccia, che stava tornando a casa con un diavolo per capello dei pochi rimastigli.


Otto era sergente di polizia, e la sua vita si svolgeva in modo tranquillo. Ogni tanto un ubriaco a cui far passare la notte al fresco, qualche lite familiare da placare, e niente più.
Mai vista una cosa simile!
Possibile che in una città così piccola ci fosse un imbecille così grande?
Stava passando mentalmente in rassegna i possibili colpevoli, e Franz non era certo all' ultimo posto nella sua lista.
Qualche cretino, e proprio non riusciva a capacitarsi del perché, aveva forzato nella notte la porta dell' ufficio di polizia, era entrato, e dopo aver scardinato l' armadio del guardaroba aveva imbrattato di vernice rossa le uniformi appese al suo interno.
Adesso stava tornando a casa per prendere l' uniforme di scorta, che aveva appena fatto lavare e stirare.


La donna si era rotta un tacco camminando sull' acciottolato sconnesso, ed ora stava cercando di aggiustarlo alla meglio proprio nel bel mezzo della strada, con il bambino accanto che la stava guardando. Occupata in quell' operazione, non si era accorta della carrozza con i cavalli imbizzarriti che arrivava alle sue spalle.
Tutto avvenne in un attimo: Otto vide la scena e senza indugiare un istante si gettò in strada, prese la donna per un braccio ed il bambino per il colletto, e li portò in salvo sul marciapiede, giusto un secondo prima del passaggio dei cavalli.


Franz, che passava in quel momento di lì, vide tutta la scena e fu preso da un po' di rimorso: in fin dei conti Otto era una brava persona, e non meritava lo scherzetto che gli avevano fatto la notte precedente. Si fermò un attimo a guardare i tre sul marciapiede di fronte, incerto se andare a scusarsi con lui.
- Ma in ogni caso se non avessimo imbrattato quelle divise ora non sarebbe stato qui, e chissà cosa sarebbe successo a quei due - concluse.
- L' azione di ieri non sarà servita a cambiare la storia, ma almeno ha salvato due vite umane - e se ne andò tutto contento.


Poco lontano, ancora sconvolta e tremante, la signora Hitler stringeva a sé il piccolo Adolf non stancandosi di ringraziare Otto, con le lacrime agli occhi.




Share |


Racconto scritto il 28/11/2014 - 23:21
Da livio benvenuti
Letta n.497 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


E benvenuto!!!


elisa longhi 29/11/2014 - 12:33

--------------------------------------

E' bellissimo il tuo racconto, scritto molto bene, scorrevole e con profondi significati ...secondo me Eccellente
Elisa

elisa longhi 29/11/2014 - 12:32

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?