Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

DIARIO DI UN UOMO COSÌ: capitolo quarto

Ho deciso che voglio mangiare la vita, non lasciarne neanche una briciola. Voglio correre senza rancori, voglio stingerla, assaporare ogni singolo giorno.
Vorrei averlo fatto anche con Lei.
Avevo 26 anni e mi stavo risvegliando dalla catatonia. Ero inquieto, un giorno mi sentivo un fallito, ancora dentro quella concessionaria, il giorno dopo sentivo di avere il mondo in mano, potevo alzarmi e fare della vita la mia giostra.
Non è stato facile ma i giorni della mia realizzazione sono arrivati.
L’ho conosciuta a casa di amici, un classico. Non l’ho notata subito ad essere sincero, non ero ‘alla ricerca’ se così si può dire.
Poi l’ho sentita ridere.
Chiacchierava con la padrona di casa, sua amica di infanzia, aveva i capelli raccolti, una ciocca color rame le ricadeva sulla guancia destra, distrattamente la spostava mentre continuava a ridere. Era così bella.
Non ho mai creduto a tutte quelle stronzate sui colpi di fulmine, roba da ragazzine secondo me. Non so cosa sia successo, ma se c’è una cosa di cui sono maledettamente certo è che in quel preciso istante ho capito che era Lei.
Agganciare una ragazza è il mio mestiere, se ci fosse una facoltà mi darebbero una laurea ad honorem. I miei amici si sono sempre presi i pro e i contro, se puntavamo un gruppo la più figa era mia non si discuteva, non andava male neanche a loro alla fine dei conti.
Mi sono avvicinato con assoluta tranquillità come sempre, qualche chiacchiera, due battute, se riuscivo a farla ridere ancora era fatta.
Per ridere ha riso, ma non era fatta per niente.
Mi ha dato del filo da torcere la ragazza!
È sempre stata bella, la più bella di tutte neanche a dirlo. Più bella di me, rode ammetterlo.
Non le interessava la superficialità, tutto quì. Le ho chiesto di uscire immediatamente, quando mi ricapitava una così? Niente da fare.
Per la prima volta ho dovuto chiedere aiuto agli amici, che smacco. Siamo riusciti a combinare un’uscita di gruppo pochi giorni dopo, io da sempre il capo branco, ero nervoso come un ragazzino. Lei, disinvolta e socievole, parlava con tutti meno che con me.



Share |


Racconto scritto il 19/09/2015 - 14:03
Da Co Co
Letta n.267 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Sono curiosa di sapere come andrà a finire...ciao Costanza

Anna Rossi 19/09/2015 - 19:49

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?