Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Tra patria e lacrime.

È iniziato tutto per gioco. Per scherzo. Eravamo giovani e pieni di speranze, senza nessuna donna accanto,nulla da perdere. Inizialmente eravamo allettati dall'idea dir entrare nell'esercito, servire la nostra patria per quanto poco se lo merita e imbracciare armi. Ma adesso tutto è cambiato. Ci hanno preso.
Come dirò a tua moglie, amico mio, che dovrà crescere due bambini senza il padre? Con quale coraggio? Siamo stati abbandonati in questo posto di merda, siamo stati abbandonati proprio dalla nostra patria, da tutti.
Siamo stati abbandonati anche da Dio. Il tuo respiro incomincia ad abbandonarmi e le mie lacrime scavano solchi tra la barba. Eravamo giovani. Ricordo quando mi spiegasti che secondo te noi siamo solo di passaggio e che noi siamo ospiti su questo mondo. Ma che mondo è se tratta i suoi ospiti così? Mi stringi la mano. Tieni duro. Tieni duro. Tieni duro.
Qualcuno arriverà e ti metterà a posto, tornerai come nuovo. Doveva essere un controllo di routine, non dovevano sapere che noi eravamo là. Ma l'hanno saputo. Ci hanno fottuti. La tua mano molla la presa. Ti prego tieni duro. Un fiume di sangue esce dalla tua bocca. Cosa c'è? Stai tranquillo non parlare.
"Dì a mia moglie che la amo, e di ai miei figli che sarò al loro fianco per sempre".
Mi sembra tanto la scena di un film, "Lone Survivor". "Glielo dirai tu" ti rispondo. Ma tu non mi senti più, il cuore non ti batte più, la tua mano mi ha mollato. E le mie lacrime scendono ancora. Ti porterò a casa, penso, e avrai una sepoltura degna della tua persona. Mi tiro su. Sento i nemici avvicinarsi,
"come cazzo fanno?". Ci hanno seguito. Eccolo. Eccoli. Due, tre, cinque. Ah, saranno almeno una decina. Non ci sono speranze di salvezza, ci hanno visto. Mi hanno visto. Mi metto davanti al tuo corpo ormai privo di vita. Un po' per proteggerti, un po' per morirti accanto. Insieme nella vita insieme nella morte. Mi vedono. Incominciano a parlare e a gridare. Non capisco la loro lingua, ma tirano su le armi e mirano contro di me. Non c'è bisogno di capire quello che dicono, mi basta capire quello che stanno facendo. Penso alla donna della mia vita che mi sta aspettando a casa, penso a mio figlio che è a scuola. Ha tanta voglia di diventare come me. Sento uno sparo e chiudo gli occhi. Un dolore acuto e in un secondo sono per terra. Mi giro ancora un attimo verso di te amico mio. Ti chiedo scusa se non sono riuscito a portarti a casa. Sono sopra di me. Non hanno pietà di nulla. Mirano con i loro fucili su me.
"Chi dirà a mia moglie che la amerò per sempre e a mio figlio che sarò sempre al suo fianco? "



Share |


Racconto scritto il 27/11/2015 - 09:04
Da Antony Mandaglio
Letta n.240 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Frammento di narrativa bellica. Mi è sembrato abbastanza inquietante... e questo è un pregio. Lo stile incalzante con frasi brevi è adeguato.Ci sono alcuni piccoli refusi.

Giuseppe Novellino 28/11/2015 - 11:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?