Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NATALE...
urlo muto...
L’ARENA DEL TORERO E...
Verso l'onerosa cata...
Vorrei...
Siamo creature in ca...
Sei acqua...
Un amore speciale...
Femme fatale...
La voce del silenzio...
Da Lui mi aspetto qu...
NELL'EMOZIONE... UN ...
essentia...
Nell'immensità del m...
A mio padre...
BUON NATALE...
volo libero...
Talvolta...
Mezzogiorno d'invern...
Vigilia di Natale...
E' così vicino il ci...
A Babbo Natale...
Serata in auto con u...
FRAGILE Mistero...
Rivivo la notte in s...
Accenti d'inverno...
Il faro....
ARIA CHE MANCA...
Falsi amori...
Mare in tempesta....
pensieri dicembrini...
LUPO SOLITARIO...
nella tela del ragno...
TORNERANNO...
....CRISTIANO sul...
quella sera...
Senza luce...
La terra è pronta...
INCHIOSTRO ROSSO...
Il Santo...
Un giorno speciale...
Cànone inverso...
NATALE S’AVVICINA d...
Il gioco dei dadi...
Insonnia...
Se avessi un francob...
Caspita!...
SOLO L'AMORE E' COMP...
Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
Buon NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...
Immagine Marina...
Per te...
Verrò....
DOLCE TORMENTO...
L’innocenza del carn...
Le burla di Cappucce...
In paradiso...
un guizzo…....
IL CAPRO ESPIATORIO ...
Io e il blu...
Troppi anni dopo......
Nevica...
Le lune di Dalla...
RIFLESSIONE - ORME F...
DONARE SE STESSI...
oasi...
Il destino del però...
Dove sei ora...
SARO' PER TE ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



IL PROFUMO DELLA VITA

Il gelsomino si arrampicava, veloce come i miei primi anni, spandendo il suo profumo nelle notti chiare, riempite da sogni infantili e da carezze materne. Io respiravo felice ignara del futuro, aspettavo soltanto il latte caldo ed i biscotti della mattina che sarebbe arrivata con la nonna, le sue storie infinite, gli abbracci e la cura meticolosa per i fiori del nostro giardino.


Le ginestre riflettevano il sole dell'isola, riempiendola di quell'inebriante profumo che mi toccava l'anima. Correvo con lui su per le colline e giu' fino al mare. Ci buttavamo stanchi sulla sabbia appena tiepida e mi guardava con occhi seri, che avevano dentro tutta l'adolescenza che stava arrivando e lo turbava. Mi prendeva la mano ed io che non capivo, ridevo di lui e della sua improvvisa serietà.


La camomilla con il suo profumo tranquillo si mischiava ai papaveri, la terra odorava d'estate ed i tuoi occhi erano dello stesso colore dei fiordalisi, i miei dell'erba che cresceva intorno. Quelle stagioni sono chiuse nel cuore, cosi' come nel cuore resta imprigionato per sempre il tuo sorriso. Eri il mio primo amore violento come i colori dell'estate, arrabbiato come a volte é il mare, perduto come si perde una cosa preziosa che non ritroveremo mai piu'.


I fiori d'arancio tra le mani, le lacrime agli occhi, un abito lungo e bianco, la chiesa profumata di gigli e tuberose, l'organo che suonava l'Ave Maria ed io che tra fiori e musica felicemente davo un addio definitivo alla spensieratezza per entrare nella consapevole giovinezza di moglie di un uomo che pensavo essere il mio. Ma i fiori appassiscono, il profumo svanisce lasciando il posto allo sgradevole odore della fine. Cosi' le illusioni passano lasciando il posto all'infelicità.


I grandi mazzi colorati composti da tanti fiori sontuosi nella loro eleganza ed i profumi mischiati e stordenti che ogni mese di luglio ti mettevo e ti metto tra le giovani braccia , scandiscono i tuoi compleanni e la mia gioia di esserti madre. Ti ho amata senza riserve appena ti ho vista cosi' piccola, rosea e con il nasino schiacciato. Abbiamo ricevuto, io e te, tantissimi fiori per festeggiarci, per dimostrarci amore, affetto, amicizia. C'è sempre un girasole per te. Ogni anno, per ricordarti che sei nata in un giorno caldo di sole, per augurarti tanti giorni felici.


Le rose erano tutte intorno a te. Le avevo volute io, cosi' come avevamo voluto insieme i garofani rossi per papa'. Il loro profumo mi stordiva, il dolore mi distruggeva dentro, le lacrime non scendevano piu'. La vita é la vita, certo, e gli uomini sono mortali, ma tu mamma, tu non dovevi andartene. Avro' sempre bisogno di te, sentiro' per sempre il tuo profumo dolce di mughetto intorno, sarà come averti ancora qui.


Oggi siedo qui sul mio terrazzo fiorito, nel tramonto mio e del giorno, circondata dai gelsomini della mia innocenza, dai limoni e dall'arancio che con il loro profumo intenso mi portano la' dove tutto è iniziato e finito, dalle rose del mio dolore, dalle due piante di fiordaliso che anche se non sono ancora fiorite mi ricordano chi non scordero' mai, da tutti i fiori che amo, dalle gioie e dai rimpianti, dagli anni vissuti, a respirare l'aprile che corre veloce ormai, in compagnia della mia vita.




Share |


Racconto scritto il 20/04/2016 - 15:03
Da marisa cappelletti
Letta n.450 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


La vita attraverso i profumi. Originale e ben scritto. Ci sono momenti molto intensi, pieni di nostalgia. Complimenti!

Giuseppe Novellino 03/05/2016 - 12:26

--------------------------------------

Ringrazio la Redazione per il lusinghiero commento! Onorata.

marisa cappelletti 21/04/2016 - 15:24

--------------------------------------

Rocco Michele ti ringrazio e ti auguro un buon pomeriggio

marisa cappelletti 21/04/2016 - 15:23

--------------------------------------

Grazie Margherita! e buona giornata.

marisa cappelletti 21/04/2016 - 15:22

--------------------------------------

Sensazionale e' dire poco... hai sequelato con maestria un racconto pregno di fascino...
Lieta giornata.
*****

Rocco Michele LETTINI 21/04/2016 - 08:58

--------------------------------------

Un profumo intenso si sente in questo bellissimo racconto di vita, tra gioie e dolori...Scritto quasi come una poesia...Tanto piaciuto. Complimenti! Buona serata Marisa

margherita pisano 20/04/2016 - 22:42

--------------------------------------

Molto gentile Paolo, ti ringrazio.

marisa cappelletti 20/04/2016 - 18:46

--------------------------------------

Chiedo scusa per il doppione

marisa cappelletti 20/04/2016 - 18:45

--------------------------------------

E' un grande piacere sapere che sono riuscita a trasmettere delle sensazioni!
Ti ringrazio moltissimo Patrizia.

marisa cappelletti 20/04/2016 - 18:45

--------------------------------------

Racconto che è veramente scritto molto bene, trascina il lettore in una lettura piacevole, tra gioie e dolori della vita. Complimenti!

Paolo Ciraolo 20/04/2016 - 18:29

--------------------------------------

E' un grande piacere sapere che sono riuscita a trasmettere delle sensazioni!
Ti ringrazio moltissimo Patrizia.

marisa cappelletti 20/04/2016 - 18:23

--------------------------------------

Semplicemente bellissimo! Non ci sono parole per dirti quanto mi è piaciuto! È una sagra di profumi, colori, mescolati alle gioie e dolori della vita! Scritto in modo che entra nelle narici, nella testa, nel cuore! Davvero straordinario! È una tela di Van Gogh!

Patrizia Bortolini 20/04/2016 - 18:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?