Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Viaggio dentro me st...
Tutto scorre......
Io fuggo...
STUPORE...
INGANNEVOLI APPARENZ...
E' estate e sono vec...
Malattia...
Salve, sono Lupo...
Non è da uomini......
Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it






Share |


Racconto scritto il 01/01/1970 - 01:00
Da
Letta n.1 volte.
Voto:
su votanti


Commenti


Cara Giulia, oltre che con la poesia, sei molto brava anche con il genere racconto.
L'ho letto tutto d'un fiato, hai saputo romanzare un qualsiasi episodio conflitto generazionale madre/figlia tristemente attuale ed estrapolato da vicende legate a famiglie borghesi nonchè capitaliste in cui i soldi e il prestigio vengono messi sempre al primo posto, a discapito dell'interiorità. Elisabetta voleva soltanto più dolcezza ed essere capita...la madre pagherà tutto questo nel tragico finale. Brava!!!

Giuseppe Scilipoti 16/12/2016 - 11:51

--------------------------------------

Una triste realtà insita nel dorato mondo delle persone così dette arrivate, pretendendo dai figli più di quello che loro hanno dato...sono d'accordo con Teresa, sul fatto di non avere confidenza con i figli e tantissima mancanza d'amore...Molto bene descritto questo spaccato di nuda realtà!*****

ANNA BAGLIONI 14/12/2016 - 18:26

--------------------------------------

sembra una storia vera.Bella,ciao

andrea sergi 14/12/2016 - 17:58

--------------------------------------

Molto forte e decisa nei contenuti e nel messaggio. Hai saputo ben descrivere una dura e purtroppo diffusa realtà. Ciao

Ilaria Romiti 14/12/2016 - 14:24

--------------------------------------

Una conclusione tragica che ha messo fine alla giovane vita di una ragazzina che voleva solo vivere la sua fanciullezza e le è stato impedito dal fato e da una madre la cui unica preoccupazione era l'apparire...la conclusione del racconto con le tue considerazioni mi è piaciuta molto, se fosse possibile tornare indietro...Bella storia piena di significati...complimenti

Anna Rossi 14/12/2016 - 13:13

--------------------------------------

Brano molto crudo e reale. Una storia dolorosa, specchio dei tempi e delle incomprensioni relazionali, troppo spesso più attente all'apparenza che all'interiorità.

Patrizia Bortolini 14/12/2016 - 10:10

--------------------------------------

Diatribe che non mancano... purtroppo.
Ha ragione la madre, con le sue pretese? O, la figlia, coi suoi dispetti?
Difficile... dar risposta!
scorrevole... quanto espressivo racconto.
Lieta giornata, Giulia.
*****

Rocco Michele LETTINI 14/12/2016 - 10:00

--------------------------------------

Il più grande castigo , per una madre, è non avere le confidenze dei figli e, pur volendo gli bene, essere la causa delle loro sconfitte.Realistica e dolorosa.

Teresa Peluso 14/12/2016 - 09:15

--------------------------------------

molto dolorosa 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 14/12/2016 - 09:00

--------------------------------------

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?