Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it






Share |


Racconto scritto il 01/01/1970 - 01:00
Da
Letta n.1 volte.
Voto:
su votanti


Commenti


Cara Giulia, oltre che con la poesia, sei molto brava anche con il genere racconto.
L'ho letto tutto d'un fiato, hai saputo romanzare un qualsiasi episodio conflitto generazionale madre/figlia tristemente attuale ed estrapolato da vicende legate a famiglie borghesi nonchè capitaliste in cui i soldi e il prestigio vengono messi sempre al primo posto, a discapito dell'interiorità. Elisabetta voleva soltanto più dolcezza ed essere capita...la madre pagherà tutto questo nel tragico finale. Brava!!!

Giuseppe Scilipoti 16/12/2016 - 11:51

--------------------------------------

Una triste realtà insita nel dorato mondo delle persone così dette arrivate, pretendendo dai figli più di quello che loro hanno dato...sono d'accordo con Teresa, sul fatto di non avere confidenza con i figli e tantissima mancanza d'amore...Molto bene descritto questo spaccato di nuda realtà!*****

ANNA BAGLIONI 14/12/2016 - 18:26

--------------------------------------

sembra una storia vera.Bella,ciao

andrea sergi 14/12/2016 - 17:58

--------------------------------------

Molto forte e decisa nei contenuti e nel messaggio. Hai saputo ben descrivere una dura e purtroppo diffusa realtà. Ciao

Ilaria Romiti 14/12/2016 - 14:24

--------------------------------------

Una conclusione tragica che ha messo fine alla giovane vita di una ragazzina che voleva solo vivere la sua fanciullezza e le è stato impedito dal fato e da una madre la cui unica preoccupazione era l'apparire...la conclusione del racconto con le tue considerazioni mi è piaciuta molto, se fosse possibile tornare indietro...Bella storia piena di significati...complimenti

Anna Rossi 14/12/2016 - 13:13

--------------------------------------

Brano molto crudo e reale. Una storia dolorosa, specchio dei tempi e delle incomprensioni relazionali, troppo spesso più attente all'apparenza che all'interiorità.

Patrizia Bortolini 14/12/2016 - 10:10

--------------------------------------

Diatribe che non mancano... purtroppo.
Ha ragione la madre, con le sue pretese? O, la figlia, coi suoi dispetti?
Difficile... dar risposta!
scorrevole... quanto espressivo racconto.
Lieta giornata, Giulia.
*****

Rocco Michele LETTINI 14/12/2016 - 10:00

--------------------------------------

Il più grande castigo , per una madre, è non avere le confidenze dei figli e, pur volendo gli bene, essere la causa delle loro sconfitte.Realistica e dolorosa.

Teresa Peluso 14/12/2016 - 09:15

--------------------------------------

molto dolorosa 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 14/12/2016 - 09:00

--------------------------------------

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?