Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ACINI ACERBI...
se questo è un uomo...
Sei solo riflesso de...
Può darsi...
Il vento dell'invern...
Non me ne vado...
L'Angelo custode...
Carezze lontane...
‘NA SETTIMANA A NATA...
l'ultimo petalo...
In questo abbraccio ...
Dopo le onde il Mare...
L' ANIMA HA PAURA...
Il mio sentire di do...
orizzonti...
IL mio compleanno...
Memorie...
Luci...
NATALE...
urlo muto...
L’ARENA DEL TORERO E...
Verso l'onerosa cata...
Vorrei...
Siamo creature in ca...
Sei acqua...
Un amore speciale...
Femme fatale...
La voce del silenzio...
Da Lui mi aspetto qu...
NELL'EMOZIONE... UN ...
essentia...
Nell'immensità del m...
A mio padre...
BUON NATALE...
volo libero...
Talvolta...
Mezzogiorno d'invern...
Vigilia di Natale...
E' così vicino il ci...
A Babbo Natale...
Serata in auto con u...
FRAGILE Mistero...
La solitudine di una...
Rivivo la notte in s...
Accenti d'inverno...
Il faro....
ARIA CHE MANCA...
Falsi amori...
Mare in tempesta....
pensieri dicembrini...
LUPO SOLITARIO...
nella tela del ragno...
TORNERANNO...
....CRISTIANO sul...
quella sera...
Senza luce...
La terra è pronta...
INCHIOSTRO ROSSO...
Il Santo...
Un giorno speciale...
Cànone inverso...
NATALE S’AVVICINA d...
Il gioco dei dadi...
Insonnia...
Se avessi un francob...
Caspita!...
SOLO L'AMORE E' COMP...
Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
Buon NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'incontro atteso

"Ti amo veramente,credimi ..". "Chi ama soffre, passa notti in bianco, piange, sta male, è felice a volte, non si arrende e soprattutto non se ne va da nessuna parte, ma resta. Tu invece cosa hai fatto? Te ne sei andato alla prima occasione che ti è capitata, non ti sei nemmeno posto il problema di dirmi i tuoi motivi, di spiegarmi le tue ragioni, hai voltato le spalle e te ne sei andato. Sono passati cinque mesi se ancora non lo sai e non puoi nemmeno sapere quello che io ho patito per tutto questo tempo. Un "scusa" pronunciato, a volte, non serve a niente, serve solo a complicare la situazione e a far capire che tutto passa e tutte le delusioni si dimenticano con un semplice perdono. Non è così credimi. Io non voglio niente da te, non ho mai voluto nulla e, anche quando mi accusavi di essermi fatta tutto da sola, anche lì ti sbagliavi di grosso, perché non ho mai avuto intenzione di chiederti cose simili. Hai capito fischi per fiaschi, mi hai ignorato per un anno intero dopo tutta la verità che ti ho buttato addosso, poi prima di sparire, non mi hai neppure salutato e, ora dopo cinque mesi, vieni a dirmi che mi ami!?? Se me lo avresti detto al suo tempo, ti avrei creduto e avrei vissuto almeno un paio di giorni della mia vita felice, ma non l'hai fatto. Non ti credo. Non voglio crederti perché se lo faccio di nuovo e poi scopro che mi hai mentito di nuovo, credimi che mi spezzerò. Mi capisci? Non potrò alzarmi di nuovo e affrontarti come sto facendo adesso. Non voglio il tuo amore, non perché mi è arrivato tardi, ma perché ormai non mi serve più, non ho più bisogno né di te, né della tua presenza. L'attesa di te per tutto lo scorso tempo, mi ha frantumato tutte le belle cose che di te avevo e credimi che non bastano queste due parole, per farmi tornare come ero. Ma poi l'assurdo è che lasci sempre che io inizi a costruire di nuovo la mia vita, poi vieni come adesso è rompi tutto. Dimmi ora, quando uscirò da qui, come affronterò quello che mi sta aspettando? Come potrò iniziare di nuovo a vivere con questa nuova realtà che mi hai appena presentato? Ci godi a vedermi triste, ferita e delusa? No, io vorrei veramente saperlo, sembra che lo stai facendo apposta. Tu non.. tu non sai nemmeno quante volte ho pensato, quante volte, mentre la gente si divertiva dentro, io uscivo al freddo, sola, sperando di sentirsi pronunciare il mio nome o almeno fare capolino da qualche parte, per confermare che anche tu mi stai pensando. Non sai quante volte ho pensato che la colpevole fossi io, perché forse avevo fatto qualcosa che, invece, non dovevo fare. Ho passato giorni a darmi della scema, mentre la gente, parlandomi di argomenti seri, io mi distraevo, cercando di trovare qualche collegamento che riesca a farmi pensare di nuovo a te. Adesso tutto è finito e questa volta sono io che lo dico e, ringraziami perché prima di abbandonarti, ti ho spiegato le mie ragioni e ti ho dato motivi accettabili, non come avevi fatto tu ... girandomi semplicemente le spalle e sparendo all'improvviso".



Share |


Racconto scritto il 03/05/2017 - 20:32
Da Rajaa Sarboub
Letta n.143 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?