Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La partita di pallon...
Ci sei!...
IL PRESENTE...
Foglia frale Ness...
La comparsa...
LENTEZZA...
La Scatola Laccata, ...
Come soltanto nei so...
ACINO ACERBO...
Il dolce vento dell\...
Un'altra dimensione...
Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L'incontro con la foca monaca

Nuotare in un mare primitivo come quello delle isole greche, specialmente le Cicladi, non può certo essere un mero esercizio fisico, fine a sé stesso.
Io lo facevo da anni, ma sempre con una speranza: quella di un incontro magico. Non che ci pensassi veramente, come quando si cerca un'emozione in maniera convinta, con insistenza.
Era come una sensazione che avevo dentro, ogni volta, ogni miglio di mare che lasciavo alle mie spalle. La sensazione di un incontro. Una specie di vuoto al centro del cuore, pronto ad accogliere qualsiasi forma di meraviglia.
Da anni. Da molto, molto tempo.
Passavo, a volte, davanti a spiaggette emerse all'interno di una grotta, e pensavo: ecco un posto ideale per la foca monaca. Lì potrebbe allattare il suo cucciolo e lasciarlo senza rischio, quando fosse costretta ad andare in mare aperto per nutrirsi.
Quante grotte ho visto, e quante volte ho pensato alla foca, o al bue marino, o alla vacca di mare, come viene chiamata in forma dialettale nelle varie parti dell'Italia marinara.
Quel tardo pomeriggio, a Fylakopi, spiaggia nord orientale dell'isola di Milo, non avevo in mente l'eventualità di un tale incontro. Avevo deciso di nuotare per il puro piacere fisico, senza entrare nel pensiero del mare, nella sua anima, nel mistero delle sue acque.
Ed invece, stranamente, il mare quella volta mi regalò la più emozionante storia della mia avventurosa vita marina.
Ero passato davanti a quella grotta da poco, forse un centinaio di metri, ma già avevo dimenticato che poteva essere una di quelle buone. Troppe volte avevo trovato ambienti adatti, anche molti anni prima, quando di foche forse ce n'era qualcuna, nel mediterraneo.
Ma non avevo mai avuto il piacere di incontrarlo quell'animale a metà strada tra il pesce e la donna, una specie di sirena senza capelli.
Accadde all'improvviso, ed il cuore si fermò; stava riempiendo quel vuoto, quel posto che io avevo lasciato libero per il mare.
Non per dire; si fermò davvero il mio cuore. Quanto, non saprei, ma a me sembrò un tempo lungo, perché grande era l'emozione da stipare dentro un piccolo organo pieno di sangue; il tempo necessario a far sì che quell'emozione mi prendesse tutto, anima e corpo. Il sangue divenne agro, come per darmi una sferzata, e sentii la mia pelle farsi d'oca.
Si fermò anche il respiro, e le braccia si paralizzarono, insieme ai pensieri.


Dapprima mi sembrò una specie di tonno, tanto era grande. Poi i miei occhi si spalancarono, mentre guardavo i suoi. Aveva gli occhi umani e una triste espressione di donna, sola nella vastità del mare.
Girò il collo verso l'alto, e mi guardò, con quella che io immaginai essere un'espressione di tristezza. Gli occhi, grandi e scuri, quasi neri, mi fecero tremare dentro.
Era sconsolata, come certe donne che hanno perso l'amore, e mi guardava, ipnotizzandomi e rimanendo forse, a sua volta, ipnotizzata dal mio stupore.
Mi parve pure che implorasse di non essere attaccata. Forse mi confuse per un cacciatore, e mi scrutava, sospettosa.
Poi, quando capì la mia gioia, iniziò a giocare. E fu vera magia.
Volteggiava intorno a me, curiosa, dimostrandomi quanto fossi impacciato, io. Io che avevo sempre creduto di essere un pesce, io che stavo meglio in mare che in bicicletta, io che amavo l'acqua più che i monti fra i quali ero nato.
La parte di pesce che era in me s'innamorò di quella parte di donna che era in lei. Un colpo di fulmine nei pensieri ed un tuono nel mio intimo sentire, come se fosse crollata dal cielo tutta quanta la bellezza del creato: e proprio davanti a me.
Giocammo per un po', per un tempo che a me sembrò troppo breve. Lei volteggiava, come può fare solo un aquilone, ed io davo al mio corpo la forza del desiderio, seguendola.
Sarebbe rimasta dentro di me, per sempre.
Improvvisamente, scomparve. La cercai, ogni volta con una segreta speranza, inutilmente.
Tutti i giorni tornavo su quella spiaggia, mi buttavo in mare con un pensiero e restavo per ore a nuotare. Niente. Finì tutto così, quasi fosse stato un sogno, una specie di visione, un regalo irripetibile del mare. Una sorta di riconoscenza alla mia fedeltà.


Sono passati alcuni anni, eppure mi succede, nei giorni di festa, di camminare per strada e sentire che il cuore batte stanco, in quel bagno di folla. Niente mi tiene qui, tra questa gente. Fra loro cammino anch'io, eppure sono assente.
Sono dove il mare chiaro, primitivo, cede il passo al blu cobalto. E quegli occhi, tristi come il dolore, sono ancore qui, nella mia mente.
Son rimasti i suoi occhi, solamente, e la tristezza della sua solitudine che richiama il mio forte desiderio di poterle fare compagnia, in qualche modo. Anche per poco. Anche per una sola volta...




Share |


Racconto scritto il 06/05/2017 - 19:34
Da Spartaco Messina
Letta n.242 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Con piacere ti ritrovo su O.S. come autore.È bellissimo,emozionante il tuo racconto .Le tue due grandi passioni, quella per il mare e quella per la scrittura ti danno una marcia in più. Alla prossima lettura.Sono tue le 5 stelle,per quello che possono contare.Con amicizia Aurelia

Aurelia Strada 09/05/2017 - 00:28

--------------------------------------

Un racconto bellissimo come tutti i tuoi.
Si respira un'atmosfera magica...

Mimmi Due 08/05/2017 - 14:48

--------------------------------------

Un bellissimo racconto pieno di emozioni e stati d'animo trasmessi al lettore in modo davvero efficace
Leggendolo, sembra di riviverle

Giulia Bellucci 07/05/2017 - 08:52

--------------------------------------

Una magia unica e irripetibile....emozionante racconto.
Bellissimo quel blu cobalto del mare. Complimenti

margherita pisano 07/05/2017 - 08:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?