Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il grappolo...
Alba antica...
Farò di te la mia ma...
D'ora in poi...
TUTTI contro TUTTI...
Pioggia dalla luna...
Pioggia....
ALBERTONE...
Campagna elettorale...
Soliliquio...
L’AMORE VERO DIO LO ...
Anche se pioveva...
Ne riparliamo domani...
Scrivere poesie...
L'odiamore...
Causa sui...
Vivo...
ER BOVE PIO di Enio ...
UNA DOMENICA INSIEME...
Il vento...
Un giorno da uomo...
Mia cugina Maria...
Incompleta...
Ricordi?...
Valigie Di Emozioni...
Io sono il fulcro di...
Mare...
Speriamo.......
Raul...
Ai posteri...
...ma le gambe ?...
Come quando piove...
AD ALDO MINIUSSI (+2...
Per la felicità?...
Confini e certezze...
A te. A me....
Cocci... d'Eternità....
Paralisi....
UN CORIANDOLO DI CAR...
LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ricordi

Ogni volta che mi viene in mente quel momento, vivo di nuovo quel dolore che dopo tutti questi anni è ancora lì, nel suo posto, a farmi male ... Ricordo ancora quanto ero ferita da quello che avevo sentito. Quelle parole hanno saputo farmi sanguinare di nuovo la ferita che pensavo di aver già curato e chiuso. Impiego sempre tanto tempo per poter dimenticare qualcosa e, in un secondo, magari ridendo, c'è qualcuno che me la fa venire in mente. E iniziano di nuovo i rimpianti e i dolori.
Ero insieme a degli amici, ci stavamo divertendo e quasi quasi ero anche riuscita a dimenticare i miei problemi, quando ad un tratto, ho sentito pronunciare una parola, poi una frase, poi addirittura tutto il discorso che, per tanto tempo, ho cercato di eliminare da tutta la mia vita.
Nessuno sapeva il peso e il significato di quelle parole e, mentre ci ridevano, li odiavo.
Me ne sono andata, non perché mi sono sentita male, ma volevo fuggire da quel ricordo che invece, non aveva nessuna intenzione di smettere di perseguitarmi. Provavo a dimenticare, non ce la facevo ma nonostante ciò, continuavo a camminare, senza fermarmi per chiarire a me stessa la mia vera meta.
E quella fu la prima volta in cui non sentivo niente ... Non provavo il solito dolore al cuore, non combattevo per fermare le lacrime, ma neanche soffrivo. Camminavo e basta. Senza sentire niente. Senza pensare.
Non mi ero accorta del luogo dal quale ero circondata. Ero assorta così tanto nei miei pensieri che neanche feci attenzione all'acqua che mi stava bagnando.
Ero ancora ferita da quelle parole.
Cercavo di uccidere quelle lettere,per poter eliminare quelle frasi e far sparire della mia mente quel discorso, ma ogni volta che mi riprendevo, capivo quanto era inutile continuare a farlo. Neanche sapevo che ero già a casa, nella terrazza, con gli occhi che fissavano le stelle. Le stavo contemplando, le stavo osservando in silenzio e con tanto interesse e, in silenzio, lasciavo che le lacrime scorressero e si confondessero con l'acqua della tempesta che mi stava bagnando. Le guardavo, come se apettassi una loro risposta, una loro spiegazione al problema che stavo vivendo ... Guardavo la loro forma, la loro luce che riusciva debolmente ad illuminare lo spazio che occupavano e, mi immaginavo lì al loro posto, da sola, illuminata dalla mia presenza e lontana da tutti gli altri. Esattamente immersa nella mia tristezza come ora.
Ad un certo punto, ho iniziato a sentire freddo.
Le ore scorrevano ed era già notte fonda quando mi sono accorta che dovevo assolutamente entrare a casa, per evitare di ammalarmi.
Per l'ennesima volta, mi sono cancellata la faccia, ancora bagnata di lacrime e ancora una volta ho fatto finta di niente e sono entrata ridendo e scherzando, pronta a subire altre tristezze e momenti dolorosi.



Share |


Racconto scritto il 17/05/2017 - 21:44
Da Rajaa Sarboub
Letta n.169 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?