Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
Passerà la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicità...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...
e dimenticare...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Lächeln ~ Sorriso

Lo vedo avvicinarsi, con quell’aria da eterno bambino alla ricerca di coccole. Lo osservo, e dentro di me sorrido nel notare quell’andatura incerta, in completo contrasto con la direzione che segue senza alcuna esitazione. Lo sguardo corre lungo la sua figura alta e muscolosa, si sofferma sulle labbra morbide, su quegli occhi che sono bollente ghiaccio, di un azzurro quasi grigio. La mia mente si prepara ad essere avvolta dal profumo caldo delle sue membra, ma quando le sue mani sfiorano la mia vita, il cuore sussulta. Il suo tocco bollente mi annulla, ed io rimango lì, impietrito, fino a quando non si allontana. Non ricambio, perché quando mi rendo conto di ciò che sta accadendo tutto è finito, e quello che rimane è solo una sensazione formicolante di calore, un nodo allo stomaco. Ma nei suoi occhi, sulle sue labbra leggermente incurvate riesco a ritrovare un’ombra di quell’abbraccio: un’impronta indelebile, un codice che solo io riesco a decifrare, capace di farmi rivivere le sensazioni di quel contatto troppo breve, e di prolungarlo, permettendomi, almeno nei miei pensieri, di stringerlo finalmente a me.


Mi colgono impreparato, i gesti d’affetto.
Indifeso.
È così che mi sento quando, da dietro, decide di piegarsi su di me e, di fronte a tutti, mi sfiora il collo con la lingua, piano.
Inerme.
Perché non voglio respingerlo, ma non intendo nemmeno essere colto in momenti di tenerezza con un altro ragazzo.
Spaventato.
Perché il desiderio di piegare il capo all’indietro per permettere alle nostre labbra di incontrarsi, finalmente, è così forte da farmi tremare.


Un soffio caldo s’infrange sulla mia pelle attraversata da brividi freddi, il suo naso sfiora la linea della mia mandibola. E il mio respiro si fa più profondo, la corsa del mio cuore più frenetica. Non temere i tuoi istinti. Un sussurro lieve, che penetra le mie difese. Un sussurro che diventa un consiglio, un ordine, un grido. Un sussurro che comincia a scavare, ed arriva fin troppo in profondità. Esito, cercando i suoi occhi.
E capisco.
Capisco che l’unica cosa che posso fare, adesso, è abbandonarmi contro di lui e premere le mie labbra sulle sue, senza rimorsi. Capisco che non devo pensare alla gente che ci vedrà, a ciò che dirà. E solo quando ormai il nostro respiro è uno solo, mi rendo conto che non c’è niente di sbagliato, niente di malato, niente di sporco o disgustoso in quello che stiamo facendo. Mi lascio invadere dal suo sapore, mi lascio stringere ed accarezzare, senza irrigidirmi sotto il suo tocco.
Sorride, per questa mia nuova consapevolezza.
E, seguendo le sue labbra, anche io torno a sorridere.




Share |


Racconto scritto il 24/04/2013 - 14:29
Da Sole Biancalani
Letta n.545 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?