Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La partita di pallon...
Ci sei!...
IL PRESENTE...
Foglia frale Ness...
La comparsa...
LENTEZZA...
La Scatola Laccata, ...
Come soltanto nei so...
ACINO ACERBO...
Il dolce vento dell\...
Un'altra dimensione...
Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

UN NARRATORE INATTENDIBILE

Le istruzioni sono:

Scrivete una storia in cui il narratore è inattendibile (può essere un folle, un bambino appena nato, un animale che racconta delle sue tribolazioni per vivere, un adolescente che critica i genitori, una persona morta in un incidente che spiega le cause e via dicendo). Scatenate la vostra fantasia.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

OLTRE L'ALDILA'

( Ritornerò subito.La mamma deve fare una cosa importante. Ritornerò a prenderti.Promesso.Aspettami.)


Fin da piccola,osservare cadere la pioggia mi rendeva serena e rilassata. Le piccole gocce d'acqua, che da sole sono innocue, ma unite ad altre sono letali, bagnano tutto ciò che è materiale.Ma allo stesso tempo purificano i cocci dei sentimenti lasciati in giro. Eppure questa volta,la
pioggia mi ha lasciata solo una sensazione di gelo e malinconia. Facendomi piombare nell'oblio piu oscuro, finchè non rimane
altro che il nulla.

tip tap tip tap tip tap
tip tap tip tap tip tap.....................

All'inizio non c'era niente ma solo il vuoto, non ci sono suoni ma solo il silenzio, il corpo non ti
rispondeva, ma poi pian piano i colori
variano dal grigio al bianco andando poi a schiarisi e diventi
nitida, poi senti un formicolio
che parte dalle punte delle dita dei piedi e sale su fino alle punta dei capelli. Allo stesso tempo i suoni cominciano ad ampliarsi ed
aumentare per poi calare, passavi dal sonno al dormiveglia. Uno dopo l'altro a susseguirsi finchè non combaciano tra di loro ed allora sai di
essere sveglia. Ma anche allora ti senti intonita,confusa e disorientata.


(Ci sono io adesso. Non ti abbandonerò. Promesso)
Queste furono le prime parole che mi disse
il mio salvatore quando aprii gli occhi. Era un uomo burbero e rozzo,ma aveva un
cuore d'oro. Mi amava. Come se fossi la sua vera figlia,che non aveva mai
avuto. Ogni giorno si prendeva cura di me. Raccontava spesso di come mi aveva
trovata,sola e smarrita, senza
memoria vicino alla pattuniera.
Mi diceva che nel momento stesso che mi aveva vista mi aveva voluto subito bene. Ed a quel punto cominciava
a raccontare di tutto e di più.Ed io me ne stavo lì a sorridere e a godere quei momenti mettendo
da parte le preoccupazioni sui
ricordi smarriti.

I giorni passavano, le
stagioni vanno e vengono ed il tempo lascia indietro una traccia di sè. Arrivava primavera, io ed il vecchio andavamo
a raccoglire fiori profumati dai mille colori.In estate ci rinfrescavamo nei
ruscelli tuortuosi su in montagna,in autunno andavamo a raccogliere i frutti
maturi, ammirando i colori intensi e caldi delle foglie che partono per un
lungo viaggio trasportati dal vento prima di posarsi per terra a riposare. Ed in
inverno ce ne stavamo rintanati a casa a guardare le stelle cadenti mentre io esprimevo un desiderio. Ed in quei momenti mi crogiolavo nell'amore caldo,
morbido donatomi dal vecchio.Mi sentivo in pace e riempita dal colore. Fu
proprio in uno di questi giorni che ebbi qualche flash di ricordi passati. La voce di una donna,lo scroscio della pioggia e
il buio totale.Più il tempo passava piu il
velo che copriva il mio passato si calava.A volte sentivo il grido di dolore di
una donna,il rumore stridulo di una macchina ed infine una sensazione di gelo. Dentro di me
sapevo che prima o poi avrei dovuto affrontare quella parte della mia vita
precedente.Eppure speravo di non doverla mai affrontare,di restare così per sempre.Ma le mie speranze furono vane.


Avvenne in un giorno piovoso e malinconico.

Solo adesso capisco perche avessi tanta paura.

Quando anche l'ultima
resistenza si dissolse, i ricordi mi travolsero.Ricordai tutto.Ma allo stesso
tempo il mio mondo stava cominciando a
sgretolarsi.Ricordai di lei e della sua promessa , delle lacrime versate cammuffate dalla pioggia e la sensazione di
gelo.Rimembrai della mia morte.

Scoprire di essere morta
non è una cosa di tutti giorni, tanto meno se sei un
fantasma sospesa nel limbo, vivendo in una realta creata dalla tua stessa mente
che rifiuta l'idea di aver abbandonato il mondo terreno.

Accettare la verità è dura. Eppure mi ritrovo qui.A chiedermi cosa mi attende
dall'altra parte se abbandono il mio piccolo mondo.Vedevo quel tunnel così brillante che sprigiona calore.Sapevo che una
volta avuti indietro i
ricordi avrei dovuta scegliere, di attraversare il tunnel illuminato o restare qui insieme al vecchio.Scgliere è difficile.Specialmente se hai paura di
prendere la strada sbagliata.
L'ansia mi attanagliava.Sentivo
il tempo scorrere via dalle mie
mani. Ogni minuto che passava la luce della galleria
diminuiva sempre di più.Sentivo il tempo volare
via, il ticchettio dell'orologio...


Tic tac tic tac
tic tac tic....................


Il tempo è scaduto.
Guardai per un'ultima
volta l'entrata del tunnel e presi una
decisione.

Rimarrò qui.Non è la paura a non farmi scegliere la luce ma nemmeno il vecchio. Sono le parole dette da mia
madre a legarmi qui.Nonostate quel giorno lei mi abbia abbandonata ho visto la
sua forza nel mantenere la calma cercando di non spaventare la figlia nel suo
momento piu doloroso,le lacrime trattenute senza lasciarle cadere, nemeno una
goccia e lo sforzo per allontanarsi.

Ma ho visto anche quando
correva verso di me con la pioggia che la bagnava. La sua espressione di terrore e di disperazione
quando venni investita da una macchina fuori controllo. Grida di agonia, le lacrime che scorrono scavando un solco lungo le sue guance.E le sue grida di aiuto. Alla fine lei aveva mantenuta la promessa.

Questa volta sarò io ad aspettarla.

Nonostante io sia arrivata
a capolinea

Viaggerò oltre

A modo mio.




Share |


Scrittura creativa scritta il 18/03/2015 - 12:28
Da Tingting yu
Letta n.370 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Trama splendidamente orchestrata perché avvincente... bella storia!
Necessario però aver cura dell'impaginazione...
Il mio voto è "molto buono"!

Maria Valentina Mancosu 18/03/2015 - 17:50

--------------------------------------

Ehi, ma sei tanto, tanto brava,
tesoro mio! Sei piena d'immaginazione,
fantasia e scrivi benissimo.BRAVISSIMA!
Ciao...

Gio Vigi 18/03/2015 - 17:31

--------------------------------------

Eilà ma cosa fiorisce sulle sponde del Benaco ? Giovanissima e così brava. I miei ricordi da adolescente sono ...cavolo oggi c'è il tema cosa potrò scrivere per riempire almeno tre facciate. Dai continua così, al primo libro che venderà 50.000 copie ricordati di me. "pensandoti".

Roberto Colombo 18/03/2015 - 17:09

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?