Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
Il duetto dei fiori...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...
Da Argada a Runcatin...
Il mulino...
Occhi negli occhi...
Tutto il bello che c...
La ballata di Rocky ...
Vorrei poterti dire....
Colori miei disegnat...
Passato....
OLTRE IL RESPIRO...
Volcano...
Un qualche fiore...
Ricatto...
Partita persa...
QUANDO VORRAI, SOLO ...
Tramonto...
Se volesse il cielo...
HAIKU N.16...
La Sera...
Impermeabile...
Fabrizio De Andrè...
DOV' E' LA FEL...
OGNI VOLTA...
sedotto ed increspat...
La scintilla e la ce...
Guarda lontano...
IL ROSPO...
SUBLIME...
Liscio Gassato e Fer...
Mi perdoni Padre per...
Quando ti accorgi ch...
Un Pesce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Legenda Leggenda

- Volgare villàn
che prosa tu agogni?


- Parlo italian,
o forse tu sogni?
Scrivo e poeto
con garbo e con stile
nel mio uliveto
il verso è monile.


- Allora tu spiega
l’allocco tuo verbo,
di zappa e di sega
mi sembri coacervo.


- Qual dire ti urta
gentile mio sire?
Facciamola curta
vuoi farmi arrossire?


- Se scrivi "Leggenda"
io penso a Sigfrido
se scrivi "Legenda"
allora mi fido.


- Tu dici "Leggenda"
com’è in hoc sito?
E leggi “Legenda”
e abbassa il tuo dito.


- Ben dici, ben dici
mio caro villano
abbasso il mio dito
ma trema la mano.



Share |


Poesia scritta il 02/12/2014 - 10:54
Da Valerio Poggi
Letta n.458 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Hai ben ragione Salvatore. Tutti sbagliamo e se qualcuno ce lo fa notare la dobbiamo prendere come un'occasione di crescita. Sui refusi, poi, ne so qualcosa. Sono giornalista da quarant'anni e credo di averne infilati parecchi (e spero di farne almeno altrettanti). Ciao, grazie.

Valerio Poggi 03/12/2014 - 08:23

--------------------------------------

Come vedi ho pasticciato anch'io, ma non è facile scrivere di getto, senza sbagliare

Salvatore Linguanti 02/12/2014 - 23:35

--------------------------------------

Mi permetto d'inserirmi in questo sorta di chgiarimento e benevolmente faccio osservare a Valerio Poggi come sia molto facile fare dei refusi.
Per esempio, tu, mi permetto di darti del tu, hai scritto "dò" quando saprai bene che il do si scrive senza accento.
Buonanotte e scusa per il disturbo

Salvatore Linguanti 02/12/2014 - 23:33

--------------------------------------

Per la verità ve l'ho segnalato una decina di giorni or sono. E' stata corretta solo una delle scritte sbagliate. Sbagliare è di tutti ci mancherebbe...
Comunque dò atto alla redazione di garbo e onestà intellettuale nel pubblicare la mia breve satira. Grazie.

Valerio Poggi 02/12/2014 - 21:40

--------------------------------------

Forse questo scritto è nato da un refuso presente nelle pagine interne del sito poi sistemato (in prima pagina Legenda era stata scritta esattamente ed all'interno in modo errato). Si vorrebbe che un sito letterario non contenesse refusi ma la cosa può succedere proprio perché siamo umani. Da rilevare soltanto che tale errore è nato in fase di programmazione quando il tecnico era impegnato nel complesso lavoro di codifica per cui la svista è comprensibile.
Se incidentalmente siamo incorsi in altri errori saremo grati a coloro che vorranno segnalarcelo... magari non in poesia.
LA REDAZIONE

Adriano Martini 02/12/2014 - 19:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?