Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il tempo...
HAIKU N.18...
La vita in un attimo...
LEGAMI...
La domenica...
IL SOGNO DI DOM...
Lettera dal carcere...
Parvenze teatrali...
CATERINA...
Il ciottolo e la nuv...
Il figlio del male...
Dentro...
addio veramente a...
Il bacio del mattino...
A MALI ESTREMI...
ISTANTI...
Macedonia Onirica...
L'UMANO...
Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\\\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'ULTIMA AMICA

L'ULTIMA AMICA


Accolsi la Morte come un'amica
venuta col suo calesse di pace.
Salutai il vuoto dietro di me
e entrai nella carrozza grigia.
Lei mi parlò e mi rivelò
il mio vero nome,
dimenticato tra gli uomini.
In quel luogo sì triste e scuro
trovai la mia casa,
il compimento di questo dolore.


Non fu lungo il viaggio
e raccontando la mia vita
quasi non m'accorsi d'essere giunto
alla finale meta di quiete.
Parlammo di re e di potere
di superbia e ricchezze
e lì trovai la risposta
alle mie perpetue domande.


Era vestita di stracci
e un consunto mantello la ricopriva,
Lei che decideva d'ogni creatura.



Share |


Poesia scritta il 12/12/2014 - 21:53
Da Federico Maria Di Vizio
Letta n.508 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


"Il vestito della morte è senza tasche"
Così diciamo noi, per stare a significare che niente porteremo con noi, se non le nostre mancanze. Le ricchezze, semmai ne avassimo, restano qua
Molto particolare ma da riflettere su questa tua. Ciao...

Gio Vigi 13/12/2014 - 21:03

--------------------------------------

Un po' particolare ma efficace!
Ciao
Aurelio

Aurelio Zucchi 13/12/2014 - 16:41

--------------------------------------

Un'amica che fa capire che non d'oro si debba rivestire il corpo ma d'umiltà ,
molto profonda,piaciuta

genoveffa 2 frau 13/12/2014 - 15:27

--------------------------------------

Perdona il refuso...ma l'augurio era ed è autentico!

Vera Lezzi 13/12/2014 - 14:54

--------------------------------------

Quanti stracci accumuliamo tutti, quanti! Anziché puntare a vestirci unicamente di ciò che conta davvero!
Profonda e preziosa introspezione.
BUONA GIOUNATA! Vera

Vera Lezzi 13/12/2014 - 14:52

--------------------------------------

Questa tua visione, così ben espressa, la faccio mia, nel profondo. Grazie.

Valerio Poggi 13/12/2014 - 10:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?