Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
Il duetto dei fiori...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...
Da Argada a Runcatin...
Il mulino...
Occhi negli occhi...
Tutto il bello che c...
La ballata di Rocky ...
Vorrei poterti dire....
Colori miei disegnat...
Passato....
OLTRE IL RESPIRO...
Volcano...
Un qualche fiore...
Ricatto...
Partita persa...
QUANDO VORRAI, SOLO ...
Tramonto...
Se volesse il cielo...
HAIKU N.16...
La Sera...
Impermeabile...
Fabrizio De Andrè...
DOV' E' LA FEL...
OGNI VOLTA...
sedotto ed increspat...
La scintilla e la ce...
Guarda lontano...
IL ROSPO...
SUBLIME...
Liscio Gassato e Fer...
Mi perdoni Padre per...
Quando ti accorgi ch...
Un Pesce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Favola Ideologia

"Scendete caprili dal monte
e cince e lioni, anche voi.
La regina degli elfi vi attende
la foresta più nera vi accoglie.
Troverete i maghi e i coboldi
i folletti più strani, la quiete."


E vennero, dunque, felici
in frotte più grandi del mar
portavano i vessilli del cuore
cantavano gli inni più belli,
e alfin la foresta si chiuse.
In silenzio attendevan la Dea
la foresta fremeva d'incanto
tutti i cuori eran sospesi
e alla fine la Regina parlò.


"Millanta secoli ormai son passati
da quando il mio credo vi prese
non c'è strega, né drago, nè unicorno
che non abbia la mia fede nel cuor.
Ora è giunto il tempo preciso
ora è giusto svegliare per sempre
la coscienza da voi relegata
a un simbolo, splendido e nero".


Così detto la Regina mutò d'improvviso
il bel volto divenne di mummia
le sue braccia artigli taglienti
il suo corpo serpente di fuoco.
Un riso glaciale tagliò la foresta
il terrore vibrò tra i vessilli.


Più di questo, amor mio, non lo so.
Ma tu veglia durante la vita
Non donare alla prima sirena
il tuo spirito sacro e sovrano.
Chiedi sempre ragione di tutto
Non temere la vana risposta
non danzare fidente quel ballo
che porta alla morte,
la morte del cuor.



Share |


Poesia scritta il 16/01/2015 - 09:19
Da Valerio Poggi
Letta n.509 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie a tutti. Troppo buoni.

Valerio Poggi 17/01/2015 - 07:48

--------------------------------------

Complimenti e m'inchino a cosi tanto poetar. Eccellente.

Romualdo Guida 17/01/2015 - 07:00

--------------------------------------

Di un livello straordinario questa tua, sia per forma che per contenuto.
Ho letto invece che non ti è stato chiaro il mio ultimo aforisma sulla libertà ed ho tentato di aggiungere qualche parola intenzionalmente chiarificatrice...Non so se ci sono riuscita.
Vera

Vera Lezzi 16/01/2015 - 20:21

--------------------------------------

Faccio mio il commento di Salvatore Linguanti, almeno sono sicura di fare una bella figura.
E' davvero splendida nella forma e nel contenuto!
Complimenti Valerio!
Ciao Elisa

elisa longhi 16/01/2015 - 18:30

--------------------------------------

Bella come una favola e significativa nella realtà,complimenti VALERIO

genoveffa 2 frau 16/01/2015 - 18:29

--------------------------------------

Veramente molto bella e scritta molto bene.
Ottima, molto significativa la chiusa.
Complimenti Valerio.

Paola Collura 16/01/2015 - 18:18

--------------------------------------

Una sequela che legittima il tuo carisma letteraio... Un vate d'oggi... insomma...

Rocco Michele LETTINI 16/01/2015 - 16:31

--------------------------------------

Un linguaggio scorrevole, ma raffinato per questa metafora, in stile favolistico, che nasconde una profonda verità che ci riguarda molto da vicino. Per quanto mi è dato d’intendere, l’autore vuol mettere in guardia coloro che, nella realtà di ogni giorno, si lasciano attrarre dalle promesse di una terra promessa – mi scuso per la cacofonia - i cui contenuti potrebbero esprimere, poi, una ben differente realtà.
Questo vuol essere anche un invito a svegliare le coscienze, le capacità critiche e individuali di pensiero, per evitare di ritrovarsi in situazioni, anche peggiori di quelle d’origine e, spesso, senza alcuna possibilità di ritorno.
Veramente eccellente, complimenti a te!

Salvatore Linguanti 16/01/2015 - 16:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?