Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Primavera...
Pioggia d’agosto...
La vita è bella L...
RIVERBERI...
Ponte...
Se scrivi i codici d...
DOV'ERI?...
I MIEI ARTI...
Ohibo`!...
IO E TE...
La disillusione è co...
UN SALTO NEL ...
e quell\'uomo lonta...
L'hai mai visto il m...
Solitudine...
Un ponte per la vita...
In me...
Resto a guardare...
Pensieri...
Sere d'estate...
QUEL FILO SOTTILE DE...
Per Eraclito gli opp...
Funerale di Stato...
In omaggio alle vitt...
Tratto Dionisiaco...
Mi sei entrato sotto...
Scriverei il mio dia...
Madre terra...
MORIRE AD AGOSTO...
Quell'arancia...
Giardini giapponesi...
MASTURBAZIONE MENTAL...
Catena senza chiave...
La festa...
AMICI VERI...
il prodigio...
TEMA: UN AMORE SUL W...
Una carezza al cuore...
La più grande ricche...
Un amore virtuale di...
Prendimi l'anima...
ACCADE...
I Poeti non guardano...
Molte persone posseg...
I peggior cattivi so...
SEMPRE MIA...
Alba...
Canzone maldestra...
La Dea che canta...
chiedetelo a Siri...
Il Pirata...
Davanti al mare......
Vietnam anni sessant...
Orca Assassina...
Brecciame...
Sognare o arrendersi...
Errore umano...
Se mi guardi e non p...
BOSCO...
Segni indifferenti...
QUANDO TI ABBRACCIO...
ricordare...
L'amore e l'amicizia...
Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lasciare Ur dei Caldei

Mia madre e mio padre
vogliono sapere cosa sarà di me.
Lui guarda il giardino
seduto sulla panchina rossa
la tazza del caffè tra le mani,
spia i bulbi spuntati del giacinto.
Lei in piedi, accanto al cancello
scuote la testa grigia
e ammutolisce.
Un riflesso del giorno gioca
con i suoi orecchini.
" Se vuoi partire, parti" dicono
" Non pensare a noi".
Non penso a voi
che rimarrete nel chiuso della noce,
nel bisogno di sole
a riscaldarvi.
Per me, lasciarvi, è come perdere
Ur dei Caldèi dalla sabbiosa voce,
incontro ad una terra promessa
dove dune squassate
mi confonderanno le oasi.


Share |


Poesia scritta il 12/03/2015 - 10:22
Da mariateresa morry
Letta n.651 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Mi è piaciuta moltissimo la tua poesia ,per profondità di contenuto e ricercatezza di stile.Davvero bravissimo!

Rosa Chiarini 13/03/2015 - 16:07

--------------------------------------

Poesia profonda e ben disegnata, bellissima l'immagine del riflesso che gioca con gli orecchini, bellissima la chiusa!
Ciao Elisa

elisa longhi 12/03/2015 - 19:17

--------------------------------------

Apprezzo moltissimo questa tua poesia. Difficilissimo distaccarsi dalle proprie radici in cerca di una terra promessa dove oasi difficilmente si potranno vedere perché confuse da dune squassate!
Che bella. Eccellente è il mio voto.

luciano rosario capaldo 12/03/2015 - 19:07

--------------------------------------

Il distacco dalle radici non è mai facile, ma spesso urge per tante ovvie ragioni. Molto apprezzata. Ciao...

Gio Vigi 12/03/2015 - 18:59

--------------------------------------

Un intrigo di emozioni si celano nei tuoi componimenti. Il tema dell'andare
si mischia con l'attrazione delle "radici".
Sempre elegantissimi i tuoi versi

Giancarlo Gravili 12/03/2015 - 18:55

--------------------------------------

Ci hai messo dentro le emozioni più forti che ci prendono o ci hanno preso tutti nel prendere quella decisione.Brava come al solito. Ciao

Nino Curatola 12/03/2015 - 17:33

--------------------------------------

Ad un certo momento della vita bisogna cedere al richiamo della vita e lasciare il giardino di casa. La terra è promessa, ma non garantita.. Molto bella. Saluti, Fabricio

Fabricio Guerrini 12/03/2015 - 16:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?