Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

chiedetelo a Siri...
Eterea...
Il Pirata...
Sommerso...
Davanti al mare......
MURO ANTICO...
Vietnam anni sessant...
Orca Assassina...
Brecciame...
Sognare o arrendersi...
Errore umano...
Se mi guardi e non p...
BOSCO...
Segni indifferenti...
QUANDO TI ABBRACCIO...
ricordare...
L'amore e l'amicizia...
Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Dirti ciao...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...
Una amicizia special...
L ' ultima Thule...
Al rincasar degli sb...
Gli anni vanno via e...
POETARE...
In riva al mare...
NON FRIGNARE PIÙ...
Ho bisogno di te...
IL QUINTO ANNIVERSAR...
Nello spazio senza g...
Io e l’estate....
Giovani...
Come rugiada...
Senso di colpa...
quando il tutto sara...
Tu mi colori la vita...
HO CONOSCIUTO L'AMOR...
L'inverno nel cuore...
L'AMORE...
Sul Meeting di Rimin...
NAVIGO DENTRO UNA ...
A RISCHIO DI COTTURA...
Fiordifragola...
L’Abete...
Uno scorcio di io(C)...
Ho cercato di amarti...
Non andar via...
Le esistenze non son...
L' AMORE SUL WE...
Un ombrellone...
Amore virtuale...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La madonna che ride

Io no, nun ciò rimpianto
e puro cor còre affranto
vivo sempre come ar giubbileo,
nu’ mme va ggiù 'sto piagnisteo


Ciavranno si tante beghe
'ste pore mi’ colleghe,
a mme si mme guardate er viso
ciò sempre un ber soriso.


Io sto co li penzionati,
li sfrattati, li disoccupati,
li dannati e l’operai,
ciò pur’io ‘n sacco de guai,


ma ar poraccio e ar pellegrino
che pe’ mme appiccia er lumino
invece de languore o pianto
je regalo un soriso ch’è ‘n incanto.


L’omo vabbè cià tante mani,
quelle de ieri, quelle de domani,
una ch’unisce, una che divide,
una ch’accarezza, una ch’uccide


e a voi che a mme venite
pe’ tutti io so' la madonna,
la madonna che te ride.



Share |


Poesia scritta il 25/04/2015 - 19:37
Da paolo di cristofaro
Letta n.438 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Anna e Millina, ciao gentilissime!!!

paolo di cristofaro 26/04/2015 - 12:01

--------------------------------------

Bellissima Paolo!
Magari ce ne fossero di più di queste madonne a lenire le pene altrui.
Magari ci fosse più predisposizione al semplice ed impagabile sorriso. Non arrenderti ai piagnistei e continua ad esser madonna!
Buona domenica.

Millina Spina 26/04/2015 - 11:17

--------------------------------------

Bella Paolo,la Madonna che invece di piangere ci sostiene con il suo sorriso.Ciao

Anna Rossi 26/04/2015 - 05:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?