Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il tempo...
HAIKU N.18...
La vita in un attimo...
LEGAMI...
La domenica...
IL SOGNO DI DOM...
Lettera dal carcere...
Parvenze teatrali...
CATERINA...
Il ciottolo e la nuv...
Il figlio del male...
Dentro...
addio veramente a...
Il bacio del mattino...
A MALI ESTREMI...
ISTANTI...
Macedonia Onirica...
L'UMANO...
Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\\\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La madonna che ride

Io no, nun ciò rimpianto
e puro cor còre affranto
vivo sempre come ar giubbileo,
nu’ mme va ggiù 'sto piagnisteo


Ciavranno si tante beghe
'ste pore mi’ colleghe,
a mme si mme guardate er viso
ciò sempre un ber soriso.


Io sto co li penzionati,
li sfrattati, li disoccupati,
li dannati e l’operai,
ciò pur’io ‘n sacco de guai,


ma ar poraccio e ar pellegrino
che pe’ mme appiccia er lumino
invece de languore o pianto
je regalo un soriso ch’è ‘n incanto.


L’omo vabbè cià tante mani,
quelle de ieri, quelle de domani,
una ch’unisce, una che divide,
una ch’accarezza, una ch’uccide


e a voi che a mme venite
pe’ tutti io so' la madonna,
la madonna che te ride.



Share |


Poesia scritta il 25/04/2015 - 19:37
Da paolo di cristofaro
Letta n.495 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Anna e Millina, ciao gentilissime!!!

paolo di cristofaro 26/04/2015 - 12:01

--------------------------------------

Bellissima Paolo!
Magari ce ne fossero di più di queste madonne a lenire le pene altrui.
Magari ci fosse più predisposizione al semplice ed impagabile sorriso. Non arrenderti ai piagnistei e continua ad esser madonna!
Buona domenica.

Millina Spina 26/04/2015 - 11:17

--------------------------------------

Bella Paolo,la Madonna che invece di piangere ci sostiene con il suo sorriso.Ciao

Anna Rossi 26/04/2015 - 05:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?