Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
Il duetto dei fiori...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...
Da Argada a Runcatin...
Il mulino...
Occhi negli occhi...
Tutto il bello che c...
La ballata di Rocky ...
Vorrei poterti dire....
Colori miei disegnat...
Passato....
OLTRE IL RESPIRO...
Volcano...
Un qualche fiore...
Ricatto...
Partita persa...
QUANDO VORRAI, SOLO ...
Tramonto...
Se volesse il cielo...
HAIKU N.16...
La Sera...
Impermeabile...
Fabrizio De Andrè...
DOV' E' LA FEL...
OGNI VOLTA...
sedotto ed increspat...
La scintilla e la ce...
Guarda lontano...
IL ROSPO...
SUBLIME...
Liscio Gassato e Fer...
Mi perdoni Padre per...
Quando ti accorgi ch...
Un Pesce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Come una tombola

Le cerco guardando il sole,
sono andate
come nuvole
spazzate dal vento,
come foglie secche
decomposte
in un angolo del giardino.
Le cerco, ma non trovo
più le parole
con cui liberarmi
dei pesi dell’anima,
con cui descrivere
le gioie dei miei giorni.
E provo ad estrarre le lettere
da quel vecchio sacco consunto
della tombola,
ma le pesco in disordine
e non so dar loro un senso,
non so combinarle,
appaiono come pesanti mattoni
e non lievi sussurri,
o bianco vapore
che deterge il mio cuore.
Rimetto le lettere nel sacco
e aspetto:
forse la vita è sì un gioco
ma non un gioco di parole.



Nota: ecco la descrizione di questo mio momento, mi trovo a corto di parole...o d'inchiostro!



Share |


Poesia scritta il 28/05/2015 - 14:32
Da Millina Spina
Letta n.682 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


Grazie Ugo e Chiara.
E' proprio vero, più le cerco le parole e meno affiorano....per il momento mi sazio delle vostre!
Ciao

Millina Spina 03/06/2015 - 18:50

--------------------------------------

Cara Millina, più cerchi le parole e più loro non vogliono farsi trovare!! Vedrai che, al momento giusto, saranno loro a venire da te, Buona serata,

Chiara B. 03/06/2015 - 18:21

--------------------------------------

Il verso riesce ad esprime con delicata sequenza il pensiero inespresso delle parole che spesso non aiutano. Palesi i sentimenti repressi, ottimo il risultato della composizione.

Ugo Mastrogiovanni 03/06/2015 - 15:05

--------------------------------------

Oooops.....credo di aver maldestramente rifiutato/cancellato una richiesta di autorizzazione per la messaggistica...
Se mi leggi, riprova!....

Millina Spina 02/06/2015 - 20:53

--------------------------------------

.....non trovo le parole....per dirti quanto sia vero e credo proprio molto comune quel che dici; ed allora mi limito a darti 4 stelle super lusso.

Roberto Colombo 29/05/2015 - 10:43

--------------------------------------

Siete tutte persone veramente care, Arcangelo, Rocco Michele, Luciano, Maria, Salvo ed Anna e tutti coloro che son passati a leggermi e si son ritrovati nella mia stessa condizione.
Anche se penso sia una situazione normale e molto comune mi trovo a disagio nel non saper collegare il cuore alla penna, ma saprò attendere e riuscirò a riempire questa bottiglia vuota!
Grazie carissimi!

Millina Spina 28/05/2015 - 18:44

--------------------------------------

Ciao Millina ti comprendo e riesco a sentire lo sconforto quando non si riesce a dar vita con le parole a situazioni,sensazioni,emozioni e sembra che tutto sia sospeso nel nulla.Non c'è a mio avviso un momento più brutto quando l'anima non riesce a trovare conforto nemmeno con quello che piace di più,ma sembra che sia sotterrata nella terra del niente.Ma passerà vedrai e troverai una valanga di parole che troveranno ordine e armonia nel tuo cuore. Bella poesia,ciao

Anna Rossi 28/05/2015 - 18:18

--------------------------------------

Non ci si trova mai a corto di parola o d'inchiostro, quasi mai. Nei rari momenti in cui accade, cara Millina,mi piace pensare che si tratti di un più grande tentativo di raggiungere alte vette fuori dal banale. Un caro saluto. Salvo Bonafè

salvo bonafè 28/05/2015 - 18:11

--------------------------------------

Ciao Millina ci cono momenti della vita dove non vengono fuori nemmeno le parole, momenti un cui si va in totale standby.. Ma poi sta a noi uscire da quella pausa e ritornare a credere e a scrivere con anima e cuore, ed io sono certa che anche tu lo farai. Ti abbraccio forte ciao.

Maria Cimino 28/05/2015 - 18:07

--------------------------------------

Millina come un caso la tua poesia segue la mia pubblicazione precedente. C'è un periodo in cui le parole veramente non ci sono. Invece è solo l'imbuto della nostra anima dove affluiscono così tante situazioni,emozioni e confusione da credere di non aver più nulla da dire o da fare.Intanto le tue parole sembrano ricamate e descrivono molto bene la confusione di cui parlavo. Sappi attendere...

luciano rosario capaldo 28/05/2015 - 16:08

--------------------------------------

Un giorno estrarrai le lettere desiderate... e come per magia sarà un mutar sì gaudioso... Versi che prendono... Il mio encomio Millina...

Rocco Michele LETTINI 28/05/2015 - 15:47

--------------------------------------

Pure una tombola, se ben giocata, può divenire un'occasione di crescita, una necessaria pausa di riflessione, un momento per fermarsi, aspettando che escano i giusti numeri per superare lo stand-by dell'anima. Versi comunque scorrevoli e ben congeniati, da renderti omaggio, cara Millina Spina, con un applauso ben meritato. Una vincente introspezione.

Arcangelo Galante 28/05/2015 - 15:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?