Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\\\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Morte viva

Cosa ti resterà di questo mondo,
della felicità che tanto osanni
nel tener stretto un comodo princìpio?
Guàrdati, avviluppato tra matasse
imbrogliate e intricate d'una mera
esistenza. Non scorre acqua, chimera
di mortali assetati, ma la roccia
spuntata, spigolosa è il tuo dio.
Taci e ascolta il silenzio, che risuona
dalla realtà divina e variopinta.
Tutt'attorno e anche dentro un gran mistero
cova ciò che non vedi: questo muro
sgretolato dal sole; il mare in spuma;
il brontolio del cielo. Il mondo sfuma
dai tuoi occhi umani, troppo umani, e resta
questo lieve tepore e il mal di vita.


Share |


Poesia scritta il 15/06/2015 - 01:50
Da Gianluca Geraci
Letta n.406 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Intima e dolorosa...mi associo al commento di Arcangelo. Buona giornata,

Chiara B. 15/06/2015 - 15:46

--------------------------------------

Scusami per il refuso. Ricopio il commento. Non riuscire ad ascoltare il mistero della vita, nè il divino, restando ancorati ad un "comodo princìpio" , significa possedere una MORTE VIVA.

Arcangelo Galante 15/06/2015 - 11:24

--------------------------------------

Non riuscire ad ascoltare il mistero della vita, nè il divino, restando ancorati ad un "comodo princìpio" , signifa possedere una MORTE VIVA.

Arcangelo Galante 15/06/2015 - 11:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?