Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
Il duetto dei fiori...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...
Da Argada a Runcatin...
Il mulino...
Occhi negli occhi...
Tutto il bello che c...
La ballata di Rocky ...
Vorrei poterti dire....
Colori miei disegnat...
Passato....
OLTRE IL RESPIRO...
Volcano...
Un qualche fiore...
Ricatto...
Partita persa...
QUANDO VORRAI, SOLO ...
Tramonto...
Se volesse il cielo...
HAIKU N.16...
La Sera...
Impermeabile...
Fabrizio De Andrè...
DOV' E' LA FEL...
OGNI VOLTA...
sedotto ed increspat...
La scintilla e la ce...
Guarda lontano...
IL ROSPO...
SUBLIME...
Liscio Gassato e Fer...
Mi perdoni Padre per...
Quando ti accorgi ch...
Un Pesce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Mi pesa il cuore - parte seconda -

Forse te ne accorgi anche tu:
non so affidarti un corpo di parole,
perché so che vestito
delle mie percezioni
assumeresti le stesse forme
che io e io solo ho scelto per te.
Potrei scorrere sui contorni
della sagoma che io
e sempre io ho dipinto di te,
che in fondo corrisponde
a ciò che ho voluto vedere
e non a chi sei veramente.
Non so nemmeno farti realtà,
realtà d'aria, realtà sonora,
perché allora saresti
ad un passo appena
dall'essere tangibile,
una scultura di nubi,
vagabonde nella radure
dei miei istinti seviziati.
Questo ore sono buie,
dei tuoi occhi scintillanti
ne percepisco che un algido
fulgore, come una saetta
nel mezzo del petto,
e niente più
che rischiari l'orizzonte
iniettato di seppia.
Mi traghetti
nel porto in rovina
della tua vita in tempesta,
e lo vedo, e lo so,
ma sono folle
o forse solo disperato
ad abbracciarti da maledetto.
Mi conduci
nelle linee sfocate
dei tuoi mutamenti,
ai quali ho agganciato
le curve dei miei umori,
come fossero un corpo appeso
alla trave precaria di un soffitto,
e devo essere pazzo
o magari solo incosciente
per farti conducente delle mie decisioni.
O forse è che solo
mi pesa il cuore
a stare in piedi da solo:
le gambe dolgono,
e sono come un vaso
in cui sono confluite
le pulsazioni ,tutte,
che ho collezionato negli anni.
Raccoglimi allora,
raccoglile queste eccedenze,
raccoglilo questo straccio
di muscolo,
condividiamolo,
consumiamolo in due
il cuore mio
e il cuore tuo.


Share |


Poesia scritta il 10/01/2017 - 22:47
Da Matih Bobek
Letta n.148 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?