Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il tempo...
HAIKU N.18...
La vita in un attimo...
LEGAMI...
La domenica...
IL SOGNO DI DOM...
Lettera dal carcere...
Parvenze teatrali...
CATERINA...
Il ciottolo e la nuv...
Il figlio del male...
Dentro...
addio veramente a...
Il bacio del mattino...
A MALI ESTREMI...
ISTANTI...
Macedonia Onirica...
L'UMANO...
Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
D\\\'amaranto colore...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



NE UCCIDE PIU LA LINGUA CHE… (proverbi) di Enio2

So’ rientrato a casa ‘na matina
reduce da ‘na gara de fioretto
co’ ‘na gran voja de annammene a letto
ciavevo sete. Ho operto la cucina
che era invasa da li bacarozzi.
Mortacci vostri… mo ve faccio a tozzi…


Tanto che lì er fioretto ho sfoderato
e ho provato a infirzalli tutti quanti.
Più ne infirzavo e più ereno tanti
che schizzaveno fòra da ‘gni lato.
Così che io, pe’ tojeme d’impaccio
dissi drento de me: Lo sai che faccio?


Mo comincio a acciaccalli co’ le sòle
pe’ sorti’ fòra presto da le pene.
E pare me riuscisse proprio bene
perché ho capito che così se pole
cambia’ er proverbio tanto saggio e antico.
State a senti’ quello che mo ve dico


Io so’ sicuro che, comunque vada
-nun se tratta de un verbo o de ‘n avverbio-
perché a ‘sto punto cambierò er proverbio:
“Ne ammazza più la sòla che la spada!”


Mo richiedete ando’ le vado a pia’
dite che questa qua nun è poesia?



Share |


Poesia scritta il 13/10/2017 - 12:18
Da enio2 orsuni
Letta n.310 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


La faccina non c’entra. È comparsa per errore. Ciao Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:17

--------------------------------------

Bravissimo Enio, con i tuoi versi ho chiuso in bellezza la giornata. 5* Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:16

--------------------------------------

grazie a tutti amici la satira continua...
Mirella, non serve che mi sporco le suole ha già istallato delle bombole al cianuro devo solo schiacciare un bottone

enio2 orsuni 15/10/2017 - 12:45

--------------------------------------

Fantastico Enio!!!!!!!!!!!

Grazia Giuliani 13/10/2017 - 22:34

--------------------------------------

si si
è poesia
ma i bacarozzi Enio, no
sono terrorizzata

laisa azzurra 13/10/2017 - 20:22

--------------------------------------

Non si può fare a meno di leggere una delle tue poesie e farsi una sonora risata. Dissacrante come al solito. Giulio Soro

Giulio Soro 13/10/2017 - 18:13

--------------------------------------

ENIO...lo sai che te dico....che se le sole tue funzionano cosi bene, perche non t'apposti a Montecitorio e appena vedi quei bacarozzi che entrano e che escono Daieeee giù con le sole e ammazzane più che poi!!!!! (nota che ho cercato di scrivere in romanesco, ma non riesco a superare il maestro). Bravo ciao un bacio

mirella narducci 13/10/2017 - 18:00

--------------------------------------

Perché no? Tu sei mitico!!!!!!!!

Teresa Peluso 13/10/2017 - 15:48

--------------------------------------

"..e allora dai de sola a sti baccarozzi
che a furia di botte li ridurrai a pezzi"..ahahahah, sempre esilarante e divertente, ciao

Francesco Scolaro 13/10/2017 - 14:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?