Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PASSEGGIATA SOLITARIA

Sulle note di questa melodia
dico addio a tutto ciò che è stato:
Addio speranze!
E mi sento un po' Leopardi
priva di tutte le mie illusioni
che a terra cadono
come le foglie in autunno.
Ma la vita va avanti
e camminando in questa città
illuminata dalle luci
e dai sorrisi della gente,
vorrei vivere controvento.
Eppure è difficile essere diversi
tanto quanto respirare senza te.
Non mi sono mai sentita
più sola di così
e vorrei camminare per le strade
come se tu fossi qui.
Mi sembra che le persone
mi vengano addosso,
spingendomi e buttandomi a terra
come questo dolore
che mi preme il petto.
Perché mi sento così spezzata?


Share |


Poesia scritta il 14/10/2017 - 23:37
Da Lucia Frore
Letta n.296 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Sono assolutamente onorata di quello che mi dici e di questa tua iniziativa e anche molto curiosa! Forse i tuoi versi mi daranno quella speranza che ora mi manca. Grazie GianMaria sei un tesoro!

Lucia Frore 16/10/2017 - 19:43

--------------------------------------

Se permetti, quando lo posterò te lo dedicherò, facendo riferimento a questa poesia...un saluto...

GianMaria Agosti 16/10/2017 - 14:02

--------------------------------------

Bella poesia...mi hai messo addosso una tristezza che devo vincere in qualche modo, e lo farò postando un pensiero dedicato a questo tuo dolore d'amore, il più terribile e pernicioso dei dolori, il quale ha una caratteristica subdola: scava in fondo fino a minare le radici dell'albero dell'amore, che invece con i suoi lunghi rami vuole dirci che l'amore è grande, e sta nell'aria che respiriamo, e prima o poi se ci crediamo sarà di nuovo nl nostro cuore, nel nostro esistere. Un saluto a 5 stelle.

GianMaria Agosti 16/10/2017 - 14:01

--------------------------------------

lasciarsi andare è rinunciare alla lotta per un futuro migliore. reagisci Lucia i momenti neri li abbiamo tutti ma prima o poi passano.

enio2 orsuni 16/10/2017 - 12:35

--------------------------------------

Può capitare nella vita un momento di scoramento come questo che la bravissima Autrice interpreta. Nell'incamminarsi poi per le vie della città Ella trae infinite impressioni che al tempo stesso però gli ricordano che bisogna reagire onde modificare il ciclo delle cose......Bellissima poe, ciao

Francesco Scolaro 15/10/2017 - 11:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?