Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
È AUTUNNO...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



OSSERVARE ANCORA

Sguardo fisso, sempre in quel punto
ad osservare una terra arida,
ritardo di una civiltà sconfitta,
un treno a vapore, che sbuffa
e innalza nel cielo rantoli scuri.
Brevi singhiozzi, ad invocar qualcosa,
mentre tutto sembra essere dimenticato.
Volti uguali, pallidi, senza presente,
senza redenzione, non chiesta,
non necessaria, forse.
Ricerca affannosa
di esser solo terra nella terra.
L’ansia di un respiro,
di qualcosa di non umano,
non si rammenta più.
Così il senso della vita
diventa sempre più vuoto,
quasi a sfidare ogni giorno il nulla.
Non c’è più dramma,
anche la morte è abitudine,
la vita lo è già ormai da tempo.


Share |


Poesia scritta il 16/10/2017 - 19:55
Da ALFONSO BORDONARO
Letta n.312 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Poesia elevata, profonda e significativa.. molto apprezzata

Francesco Gentile 02/11/2017 - 08:40

--------------------------------------

Complimenti per il significato e lo stile. Troppo bravo. Grazie ancora

MARIA ANGELA CAROSIA 01/11/2017 - 20:41

--------------------------------------

Guardare e trovare il vuoto,
ovunque.
Da leggere. Un saluto...


Grazia Giuliani 17/10/2017 - 19:42

--------------------------------------

La delusione e la consapevolezza di vivere in un mondo senza valori, dove la vita é vista alla stessa stregua della morte...
Ma siamo noi che dobbiamo girare pagina,siamo noi che non dobbiamo far morire la speranza...Ognuno deve ricercare il bello, il giusto...e avoltenon sono poi tanto lontani da noi...

Teresa Peluso 17/10/2017 - 19:36

--------------------------------------

Una visione sconsolata della vita in questa tua opera, dove tutto procede solo per inerzia e senza nessuna spinta interiore.... Effettivamente in determinati casi la vita può dare luogo a simili sensazioni desolazione ma la vita sa anche regalare , dietro quell'angolo, spettacoli inusitati e che possono far volare il cuore....
Un quadro di efficace impatto visivo e meeditativo...

Alessia Torres 17/10/2017 - 15:57

--------------------------------------

Molto profonda Alfonso, 5*

Paolo Perrone 17/10/2017 - 12:39

--------------------------------------

Si avverte per intiero lo sconcerto che l'Autore prova nell'osservare questo paesaggio sconsolato ove la civiltà non ha attecchito le sue radici e la storia ha scritto una pagina triste in cui anche la vita così come la morte perdono il loro significato e vengono declassati a pura e semplice "abitudine". Una riflessione di alto spessore.

Francesco Scolaro 17/10/2017 - 10:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?