Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un uccello, un uomo ...
Notte in periferia...
Riflessi d'amore...
Spire...
Amore virtuale...
INVITO ROSSO MARTE...
PROPOSIZIONI...
Haiku #3...
Alexander una storia...
Vecchio borgo...
LETTERA AL FIG...
BAMBOLA DI PEZZA...
Soliloquio...
Quando mi cerco...
Squaw...
Pentirsi...
Che senso ha......
Haiku...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Come l'eu de toilett...
AGONIA D'UN AMORE...
IN UNA MATTINA D\'AU...
che cos'è questa sol...
Fantasmi d'Autunno...
Cribbio !...
Contrasto a colori...
Il segreto della fel...
Misica classica...
Amarti...
haiku - in autunno, ...
mestizia di una tavo...
la Storia...
L’ESILIO DEL SALUTO...
l'amore...
PASSI...
Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'anima perduta

Viaggiammo
e in capo al mondo quel coraggio
di fermarci,poi
non avemmo.
Prigioniera fui d'un corpo
e seppi , ridente
guardarti negl'occhi tuoi
O mio Amato,
senza volto
Non m'appartenesti mai;
e come ombra m'accompagnasti
nei posti più bui
angoli riposti
lontana la paura
e impetuosamente avvolti
dall'arida frescura.
Amanti,
andammo , e ciechi
che la meta non fu detta mai,
i passi ogni secondo decisi
dalla nebbia
ch'avvolgente
strangolava i nostri corpi
sotto al cipresso andato,
ove
sapemmo dirci uno
e l'altri non seppero,
vivendo nell'oscuro
dir lo stesso e fui
avvelenata
dall'altri corpi presa
duro e lento fu il cammino,
senza te
bollente cianuro.
Morte lenta,docile
accarezzò un cuore non più nobile
povero viandante
vagò giorno e notte
alla ricerca dell'amata sua
cieco e accompagnato
d'ogni suo battito
nell'attimo che seppe farsi eterno
con la paura dell'inverno,
d'un sangue gelido
rosso carmineo
cos'è l'eterno?
E,
Non seppe arrendersi al tempo e alla tempesta
non seppe rinunciare all'affacciarsi
ogni calda ora
notte pura,alla finestra.
Alone di speranza,all'orizzonte la tempesta.
Ciò che l'occhi non seppero vedere
il cuore sentire.
E per i sentieri mai da nessuno scritti
percorsi
come mai dolorosi , tumultuosi
dal tempo arsi
tu,cuore mio,andasti.
Seppi lasciarti andare via
d'un corpo scamazzato
senz'un anima
O tua amata,
dal core mio seppi essere abbandonata
E tu
tu la trovasti
sotto al cipresso andato
di cui fu detto solo,
malandato
ch'a l'occhi tuoi,
solo povero amato..
La raccogliesti e fu la cura
docile,prematura
amore originario
al tempo sfuggito
dall'altra carne putrida
mal capito,
il riso,quel cuore impazzito.
e sapeste insieme andare
via
dove dal basso,
cipresso andato
si può volare.


Share |


Poesia scritta il 15/11/2017 - 23:14
Da Ludovica Gabbiani
Letta n.232 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?