Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
CENERENTOLA LA NOTTE...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...
All'amore per la pot...
Taglio e ricucio...
Fuori stagione...
-Haiku- è andata via...
Poi arrivi tu...
Gocce di vita...
Armiamoci ed entriam...
Senza passato...
L’Artista...
FUORI CATALOGO...
Ottobre...
E io sorrido...
Il sogno...
L'uomo è come la lun...
tu...
Davanti a un dilemma...
La cena delle beffe...
COLORA L'AUTUNNO...
PANCHINA...
CONOSCIAMOCI MEGL...
I'm...
La morte...
Il vento è più fredd...
Scriverò di te...
E'inutile...
Esiste un forte lega...
CIMICI CHE INVASIO...
ottobre...
Mele marce...
Molto e molto altro ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

8 marzo. Educare gli alunni al rispetto/4

Ti chiedo scusa… compagna di classe
(Brano letto dagli alunni delle Scuole medie inferiori in italiano e dialetto siciliano)


Ascoltami ragazza, compagna mia di classe!
Voglio confidarti una sola cosa
perché sono davvero pentito
e mi sento come una spina
a confronto di te che sei una rosa.


Ti prometto che da oggi non farò più
Il ragazzo spaccone, il superiore
l’altezzoso,
l’uomo aggressivo e pure dispettoso.


Ti chiedo scusa per i troppi soprusi
che ho fatto con questa testa
da imbecille e prepotente,
che t’ha fatto intendere
che di sale nella zucca,
ne ho poco e niente!


Cosa valgo senza di te,
che sei una ragazza intelligente?
Sarei di certo come una foglia secca
gettata ai quattro venti.


Ti prometto che ti rispetterò
così come sei fatta.
Lo sai… senza la tua femminilità mi sento
come una patata fritta
senza sale e pure scotta.


Porgimi adesso la tua mano
per stringerla e fare pace
e darti la mia totale simpatia.


Adesso m’inchino di fronte a te
e a questa bella,
allegra compagnia.


IN DIALETTO SICILIANO
Ti dumannu scusa…


Senti carusedda, cumpagna mia!
Ti vogghiu diri na cosa
pirchì ora sugnu daveru pintutu,
e mi sentu comu ma spina
a confrontu di tia
ca sì na bedda rosa.


Ti promettu ca da oggi nun fazzu chiù
u carusu spaccuni,
u superiori e
l’omu smaccusu e brucculuni.


Ti dumannu scusa pi troppi spirtizzzi
ch’haiu fattu cu chista testa
scumminata e preputenti,
ca t’ha fattu intendiri
che di sali nu cirveddu
ci ‘nnhaiu pocu e nenti.


Iu… chi valu senza di tia,
ca sì na fimmina intelligenti?
Fussi comun a tinta fogghia
ittata e quattru venti.


Ti promettu ca da oggi
ti rispettu d’accussì comu sì fatta.
Proprio pirchì sì diversa ed io,
senza di tia
mi sentu comu na patata fritta
senza sali e pure scotta.


Porgimi a to manu pi stringerla e fari paci,
pi dariti a me totali simpatia.
Ora m’inchinu di fronte a tia
e a chista bedda cumpagnia.



Share |


Poesia scritta il 12/03/2018 - 16:23
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.172 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Poesie come questa andrebbero lette più spesso, a scuola e non..

Francesco Gentile 14/03/2018 - 10:24

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?