Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Luce incerta...
IL TUO VOLO...
DANZA...
QUELLA SERA...
QUALE POESIA?...
SONO CIO' CHE VUOI...
CON LEI VOLEVO RIPAR...
CHE STRANO...
Romanzo autobiografi...
ADESSO...
03:00...
haiku - giusto il te...
Haiku' - Giù -...
Scoccata La Scintill...
Bivio...
Il Poeta percepisce ...
La poesia in una ser...
UNA SERA...
Ai coraggiosi...
Vintage...
La sera...
Particolari esperien...
Non è più debole chi...
verità...
IL GIOCATTOLO...
Ancora piove...
Jonny il Pulcino...
La ragazza di Meana...
LA SECONDA GIOVINEZZ...
Lupin...
DOLCEZZE...
La sera....
Lancillotto abita qu...
@ Rossana...
Di notte...
Comunicazione non ve...
Nel mio nulla...
Infinito...
La gallina dalle uov...
Due parole...
MILKY CUCCIOLO...
Pensiero notturno...
Sillabari...
Ad Oriente...
La ferita...
Parole nel vento...
FRAMMENTI...
Caccia Misericordios...
Valigie....
Dolce amica......
STERILITA'...
Un ricordo...
Canto Aprico...
Pomeriggio...
Implacabile divenire...
Poesia in “Codice Be...
Una lacrima sul viso...
Serenata d'inverno...
Non c'è...
Vento...
Ode a Cuore di Burro...
Attendo la notte...
Cose così...
Gloria...
COMPLEANNO...
Un gatto in cielo...
LUCERTOLE...
La ragazza che diven...
AMORE MIO...
DOVE NASCE L’ALBA...
L'inconscio, follia,...
Chi è il malvagio?...
Haiku...
La notte dell'uomo...
Senryu nr. 4...
omaggio a san Paolo ...
La carne è fragile...
Verde...
Legami...
Incipit d\'amore...
Haiku'...
IL NOSTRO PARA...
Vita...
L'impulso...
FILASTROCCA IMPROVVI...
MI PIACI...
Nonna sorridi...
L’intero...
PER QUESTO AMORE AMA...
La venditrice d'amor...
Un angelo possiede u...
Le stagioni...
Più avari siamo di m...
SUSSULTI D'AMORE...
Canzone popolare...
Ma che cavolo !...
e non mi sento più s...
Così...
RICORDO UN BAMBINO...
il merlo canterino...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Paura degli spettri

Gli spettri fan paura
lo sapevi e l'hai sempre saputo
fan scricchiolare scale e cuori
comprimendo vesciche allo stremo
pur di poter incidere sui muri
le urla che non trovano spazio
nei nostri animi.
Gli spettri fan paura
e ridono di notte
quando la coperta è troppo corta
e i mostri si nascondono dappertutto
negli armadi
sotto i letti
dietro le orbite.
Gli spettri fan paura
e ridono di te
quando in cerchio non trovi parole
e vuoi strapparti i capelli
gettandoli nel pozzo
e verniciando volti
con le tue strilla
mentre attorno auto
scorrono più forte.
Gli spettri fan paura
ma perché sono vestiti così
spogliandoli con garbo
vedremo le cicatrici d'insicurezze
che hanno alla fine
la forma del sorriso
delle nostre madri
quando le notti
gli alberi grattavan la finestra.


Share |


Poesia scritta il 21/08/2018 - 01:20
Da martino colombo
Letta n.66 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?