Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
CENERENTOLA LA NOTTE...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...
All'amore per la pot...
Taglio e ricucio...
Fuori stagione...
-Haiku- è andata via...
Poi arrivi tu...
Gocce di vita...
Armiamoci ed entriam...
Senza passato...
L’Artista...
FUORI CATALOGO...
Ottobre...
E io sorrido...
Il sogno...
L'uomo è come la lun...
tu...
Davanti a un dilemma...
La cena delle beffe...
COLORA L'AUTUNNO...
PANCHINA...
CONOSCIAMOCI MEGL...
I'm...
La morte...
Il vento è più fredd...
Scriverò di te...
E'inutile...
Esiste un forte lega...
CIMICI CHE INVASIO...
ottobre...
Mele marce...
Molto e molto altro ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L'ultimo ciabbattino

Ecco qui a gran richiesta
tutti in coro come orchestra.
Or vi voglio poetare
di questo calzolaio
che da giovane undicenne
aggiusta le scarpe del paese.
si chiama Salvatore
nel vicoletto la sua casa
ottant’anni suonati
lavorando per gli altri.
Due metri quadri di locale
ma tanti lavori nello scaffale
e pochi macchinari
se li vedi anche strani.
Ma io posso raccontare...
Qui in paese oramai son pochi
e neanche giovinotti.
Ma il suo filo, mai impeciato
non è ancora invecchiato,
ma sarà lieto il vicinato
che la scarpa ha risuolato;
sempre curvo sul banchetto
batte e ribatte il cuoio col martelletto,
ma lo conosco pure io da giovinetto,
lui ancora taglia col trincetto,
affilato e perfetto,
rendendo liscio e bello
questo e quello.
Suole e tacchi, canticchiando,
un sorriso nello sguardo,
riparando attentamente
sperando che li rompono nuovamente.
Taglia, impecia, tira, batte,
per passare le giornate,
non andrà mai in pensione
perché lo fa con passione,
fino a sera senza posa
ma i lavori saranno fatti
e sereno poi riposa,
con accanto la sua sposa.
E tutti grazie gli diranno
ci vediamo anche un altr’anno
perché ancora “Crucueu” ti chiameranno
ma il soprannome qui non è un danno
perché tutti lo portiamo.


Share |


Poesia scritta il 20/09/2018 - 19:38
Da Francesco Cau
Letta n.91 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Grazie a tutti gli autori che sempre mi commentate un abbraccio
Francesco

Francesco Cau 21/09/2018 - 23:17

--------------------------------------

Una filastrocca perfetta, per un gran lavoratore che fa il suo mestiere con arte e abnegazione. Complimenti e lodi Francesco.

Paolo Ciraolo 21/09/2018 - 20:20

--------------------------------------

è bellissima Francesco non ce ne sono più è uno dei pochi ciabattini

gcr poeta lupo dell'amiata 21/09/2018 - 20:02

--------------------------------------

Rallegra il tuo cuore
leggendo il poeta Francesco
che sia caldo o sia fresco
svanirà il malumore!

Grazia Giuliani 21/09/2018 - 13:50

--------------------------------------

Questa bella poesia denota da parte tua sensibilità ed attenzione. L'hai descritto veramente bene questa figura di ciabattino forse un omaggio ad un mestiere che sta scomparendo.

Antonio Girardi 21/09/2018 - 09:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?