Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
L\'architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
CENERENTOLA LA NOTTE...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...
All'amore per la pot...
Taglio e ricucio...
Fuori stagione...
-Haiku- è andata via...
Poi arrivi tu...
Gocce di vita...
Armiamoci ed entriam...
Senza passato...
L’Artista...
FUORI CATALOGO...
Ottobre...
E io sorrido...
Il sogno...
L'uomo è come la lun...
tu...
Davanti a un dilemma...
La cena delle beffe...
COLORA L'AUTUNNO...
PANCHINA...
CONOSCIAMOCI MEGL...
I'm...
La morte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Quel momento in cui ci siam amati

Strano pensare
a quando eravamo lì a ballare.


Adesso sono qui,
a narrare
di quanto ingenui siam stati
quel momento in cui, per la prima volta,
ci siam amati.


Ricordi i miei occhiali?


Tuttavia non ricordi le mie ali,
quelle che hanno reso te e me reali.


Eravamo a caccia
di qualcosa che potesse abbattere
quella gran roccia
che ci ha uniti e che ora ci scoccia.
Quel macigno che trasforma in pesante
ogni nostro pensiero fluttuante.
Quel male costante
che rende tutto così assordante.


Non mancano mai
tutti questi guai
eppure per un solo attimo
tutto si fermò in un unico battito.


Le nostre spalle entrarono in contatto
come se quel impatto
mi abbia subito assuefatto
e abbia reso
tutto quello che, qualche secondo dopo,
sarebbe diventato il mio principale scopo.


È mentre scrivo
che quegli attimi rivivo,
utili quasi come un antidepressivo.


Non credi che sia l'antidoto giusto
a questo trambusto?


Chiudo gli occhi e ahimè,
immagino di averti ancora lì con me.


Eravamo sincronizzati
o forse ipnotizzati
quando ci siam voltati e osservati.
Sembravamo bendati
e con un piccolo gesto
ci siam condannati
o più semplicemente baciati.
Sebbene fossimo impreparati,
i nostri occhi erano offuscati
da quei baci rubati.
Eravamo così gasati
che non ci saremmo mai dimenticati
di quanto ci fossimo desiderati.


Sappi dolore:
non c'è condanna migliore
del saper attribuire un colore
al proprio grigiore.


Sappia amore:
sei tu il mio chiarore.



Share |


Poesia scritta il 24/09/2018 - 11:27
Da Domenico Urgo
Letta n.50 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Bella e ricercata poesia.

Antonio Girardi 24/09/2018 - 19:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?