Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il matusa innamorato...
Sindrome di Guillain...
Passione...
Pasqua...
Il canto del Servo...
Nuovo anelito...
L'urlo di Cristo...
PADRE...
LA GIOSTRA...
Passaggio...
Fra il silenzio e la...
Alba...
Via Crucis...
The Cards of Life...
Il pittore profeta...
Nostalgia...
L'abbraccio...
L'ottavo vizio...
Haiku 4...
panchina...
memento...
'Na stella che sfavi...
OASI...
Voglio che tu sorrid...
Dammi La Pace...
Haiku 3...
Avevo conosciuto all...
Mai...
POVERO CRISTO...
Tra le luci dell’alb...
SOLO UN TATUAGGIO...
Orizzonte...
Vicoli...
Vivo...
Omnia...
UN AMORE SPECIALE...
UN GIORNO LE DIRÒ...
NON DIRMI...
Insieme...
QUANDO DOMANI......
Coraggio...
SOLITUDINE EMOZION...
Dicono le gargolle...
Pasqua che verrà...
Viverti ogni tuo ist...
Come ogni volta (ded...
#4...
CREPUSCOLO...
Alterata coscienza...
Anima spezzata...
Venerdì Ore quindici...
IL GATTO...
Haiku a...
Le cose che ci siamo...
Il telefono (second...
Emozioni...
VIVRAI PER SEMPRE...
La terza età...
Haiku 3...
Haiku D...
Una finestra illumin...
Brucia la storia...
Sentire la musica...
Haiku#38...
notre dame de paris...
Viaggetto avventuros...
Fare il massimo di q...
Pietra Rosa - Storia...
Sono attimi che pass...
La Floridiana...
Un giorno uggioso...
Uomini E Donne...
Le gambe titubanti d...
IL RITORNO DELL...
In questa Pasqua...
Casa mia...
La Libertà...
Dal significato mele...
RESTA QUI...
Vespino 50...
STORIA DI NINA...
Diario ottanta...
Nel buio dell'incosc...
HAIKU D...
Madre natura...
Mamma...
Nella vita bisogna i...
Il Sorriso di Chiara...
CREDIMI...
C'è di più....
Note di silenzi...
La farfalla...
Ai confini del cielo...
Italiani italiani...
I fiori sbocciano an...
E' come stare nell' ...
E POI IL SILENZIO...
Carme- giglio d’acqu...
LETTERA DI UN ...
Mia madre era una ba...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

16 Ottobre 1943

Odo ancora quei rumori, quelle voci,
quelle corse disperate per le strade del Ghetto
inseguiti come animali da macello
da belve inferocite con gli occhi
carichi di sangue e odio infinito.
Sento ancora il gelo e l'odore dei carri merci
stracarichi di cuori spaventati
di speranze e dignità calpestate.
Vedo la neve cadere fra le fessure delle assi
di legno fradicio
la neve che ci attende nella nostra discesa verso la follia.
Le luci spietate dei riflettori, l'assalto dei cani in un inferno senza direzione né senso abitato da demoni urlanti.
Il resto è disperazione è fumo è fuoco...è rassegnazione.
Ricordo tutto...perché la mia anima è rimasta qui
insieme a molte altre fra i legni delle baracche, fra le docce traditrici, attaccata alle pareti degli stanzoni come il fumo uscito attraverso disumane bocche di fuoco.
Non dimenticateci....non dimenticate mai
perché come qualcuno ha scritto
"E'successo...e quindi può succedere di nuovo."


Share |


Poesia scritta il 17/10/2018 - 18:48
Da MAURIZIO R. MASSARI
Letta n.180 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Poesia molto bella.

Antonio Girardi 18/10/2018 - 16:33

--------------------------------------

Bellissima
Emozionante, commovente

laisa azzurra 18/10/2018 - 08:29

--------------------------------------

Qualunque commento non sarebbe all'altezza della tragedia inumana che hai vissuto..un forte abbraccio dice più di tante parole.

santa scardino 18/10/2018 - 00:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?