Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

A TE...
Il Paradiso terrestr...
HAIKU N.8...
Ricordo 'a notte...
...scappa fanciulla,...
Dicembre...
La bellezza dei prep...
Ninfea...
CASTELLI DI SAB...
Stella Cadente...
SI L'AMMORE...
Il padre che sta dom...
La piovra...
Anche questa è vita!...
Canto libero...
SOGNI...
Ombre e precipizi...
matto...
Bigliettini...
Il cassetto terzo a ...
QUELLA TUA FOTO...
Vent'anni senza di t...
Per capire chi ti vu...
Ombra...
Un mondo migliore...
Di passaggio...
Dal mio balcone...
Vorrei poter ricorda...
DA SOLI NON SI...
DICEMBRE(acrostico)...
TU LUNA...
Un raggio di luna...
Mendico...
Ritratto...
La bellezza della vi...
Languidamente...
Poesia in Codice Del...
IO CREDO...
Rinunce...
Solo allora...
Il senso della giust...
Soltanto il tuo prof...
INTENSO SENTIMENTO...
Nel mio cassetto mag...
haiku ....non andò p...
La Vela...
Lo stolto pensa di a...
La slealtà non fa ri...
Se ami, lavori e ti ...
Ma giurerei...
Auschwitz 2020...
Il veglio solo...
Donna preziosa...
Tu, sole e luna...
L\'ultimo viaggio...
LO SPAZIO ATTORNO...
Lacrime di stelle...
Non perdonare, figli...
SCELTE DI VITA...
Danziamo?...
TARALLUCCI E VINO...
Luna...
ACQUAZZONE D'ESTATE...
PRINCIPESSA O ...
Solo uomini...
Dialogando presumibi...
Color di mora...
Non sento il battere...
Nuvole...
La mia regina...
Autunno in collina...
NOI...
amore proibito...
Solerte musa...
L'AMORE E' MOLTO DI ...
Di sera...
Armonia e Musica...
HAIKU N.6...
La Marescialla...
e la notte m\'appart...
FIN CHE VERRA' IL MA...
Attimo...
Briciole...
Fino all'ultimo resp...
Canto della Sinfonia...
Un desiderio, è una ...
Bacio e decollo...
MAGNIFICA CREATU...
Erba fresca...
'Stu còre è pazzo...
CHIESI SOLO DI SOGNA...
Sa pattadesa...
la lampada dimentica...
Quando ti guardi...
Ora o mai più...
Il mare è sempre tem...
Me stessa...
Stella polare...
Dall'alto la città...
Membra stanche d'amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Bellezza e miopia

Fu durante la visita a un castello
sulla bella collina fiorentina
che io mi sentii dir: “Quanto sei bello!”
da una ragazza proprio assai carina.


Era la prima volta in vita mia
che un tale “bello” dato mi veniva,
sentiti nel cuore scender l'allegria
e urlai fra me: “Brutto non sono, evviva!”


Visitammo il maniero per l'intero
e lei continuava a dir sicura:
“Ma lo sai che sei bello per davvero,
mai vidi una bellezza così pura!”


“Vedi tu un poco” io fra me pensavo,
“lei dice il vero, sono una bellezza,
e dire che io sempre mi fissavo
a dispiacermi per la mia bruttezza.


Come fa a vedermi così bello,
eppur lo dice in tanta convinzione,
evviva questa visita al castello
che m'ha prodotto gran così emozione.”


Andammo poi insieme alla fermata
del tranvai che ci avrebbe riportato
in basso alla città sotto adagiata,
ed io di grande gioia ero ammantato.


Siccome sono miope leggermente,
quando vidi un tranvai che lì s'immette
chiesi a quella bambina dolcemente:
“Forse è il numero nostro, il ventisette?”


Lei con sorpresa allora mi ha guardato
e m'ha detto: “Non vedo alcun tranvai,
l'occhiale a casa l'ho dimenticato...
ho gran nebbia negli occhi, sono guai!”



Share |


Poesia scritta il 14/11/2013 - 18:56
Da Lorenzo Crocetti
Letta n.357 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?