Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Chi vien, chi va...
Ma da che pianeta vi...
Notte...
forse è meglio...
strofinano lenzuola...
Mille giorni di te e...
renga (a catena)...
Domenica mattina...
In giorno da dimenti...
Auto-racconto...
Vigili anni 60...
ANGELI...
Libera...
los angeles the nigh...
Mentre l’afa della n...
Promesse...
COLORI...
Sfumature...
Al primo incontro...
Derubricando...
L'ETNA È UNA CREATUR...
Ridi e piangi...
Forse quel posto è l...
L'incertezza...
Fischia la vaporiera...
Solo l'essenza...
L'amore cos'è...
PICCOLO ANGELO E MOR...
Viste dall'alto le c...
Dolce incanto...
Mi chiamo Maria...
Nello sguardo della ...
Prelude...
Il dolore che non vi...
Chimere...
Amore...
La Piscina sulla Col...
Un uomo era disteso...
Il coraggio di guard...
In quella notte...
La folla...
Insonne...
Il tempo e le Rose...
Addio rondini...
LA FRAGILE FO...
Asia...
NON PUOI...
Notti calde d'estate...
Sera su Poliscia...
Corre invano la mia ...
Divenire rugiada...
A MIO PADRE...
La vita e la nuvola ...
NONNA LUCIA...
Bolle......
ODE AL BIKINI...
Il mare...
Tulipano...
Alle amiche...
L’EVOLVERSI DEGLI AR...
La cura...
Lascerei...
Gli errori più gross...
Melodia...
Abuso...
Notte d'Inverno...
L\\\\\\\'anima delle...
La notte...
su selvaggi temporal...
Trenino verde...
Na jurnata cu ' tte...
Triangolo...
Tay Mahal...
HAIKU II...
Haiku n°5...
VITA AMARA...
My dear Perugia....
IL CAFFE\'...
Ricordi...
Quando potremo di nu...
Manicomio...
A bocca piena...
Aspetterò il tramont...
Mi piace pensare che...
PREGHIERA...
Nostalgia della nott...
CORLETO PERTICARA...
Ho visto i tuoi occh...
Il respiro del mare...
Pioggia...
Niente potrà...
L’ECO E LA LUCE...
Nadia...
La notte fa paura...
Settembre...
Parte di me...
Profugo...
UN SOLO MINUTO...
PONTE...
souvenir d'un amore ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Alterata coscienza

L'abbraccio più non sento
del ramo della vita
che mi stringeva a sé
come la madre
il proprio figlio al seno



il ticchettio della pioggia
o il soffio della brezza
lieve come un respiro
o una tenera carezza.


Più non m'è dato udir
dell'usignolo il canto
d'ascoltarlo amavo tanto,
il rinsecchito nido
ora osservo affranto.


L'abietto tempo passa
ed io qui all'addiaccio
estraneo all'erba aulente
col corpo inerte giaccio


al cielo senza più il sole
lo sguardo mio volgo
mentre lento affondo
nel limaccioso fango.


Vedo prati verdi
immensi, senza confini,
odori di alberi in fiore
né freddo né dolore.


Nel mio stato
d'alterata coscienza
dello spazio infinito
della luce, del silenzio
ora avverto l'essenza.



Share |


Poesia scritta il 17/04/2019 - 16:15
Da Vincenzo Cassano
Letta n.137 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Particolare e originale!!!

Maria Isabel Mendez 18/04/2019 - 00:54

--------------------------------------

Bella!

Grazia Giuliani 17/04/2019 - 18:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?