Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sogno...
QUESTO NATALE GALOPP...
SOFFIO DI VITA...
Sussurro della vita...
Domani ancora noi...
Riflessioni...
Donna avvolta...
LA VITA...
LA NOIA SI VE...
Frenesie...
Fai presto a dire an...
Dovrei...
Natale all'improvvis...
Il futuro...
La vita ( Il respiro...
Rumore...
Senza possibilità di...
La sedia...
Lontano da qui...
Adesso......
Sul Tuo viso...
MARTA...
La vita e il mare...
I silenzi della nott...
Un giorno una person...
SOLO PER UN ATTIMO...
Natale...
Sole d'inverno...
Volo di uccelli...
All'ombra...
Finalmente...
Amare....
SE SOLO AVESSE UN CU...
Bella dentro...
gelida pioggia...
Persa...
A te che vaghi nell'...
bagnati di lillà...
COS' E' LA VIT...
Il pesciolino e il p...
La vita è negli occh...
Segnali...
Esordire....
Instabilità...
Haiku- l'angoscia so...
LA FEDE...
Prospettiva di un'Es...
Consapevolezza...
Sento il bisogno di ...
Prima di amare...
Un incontro per la v...
Fase di rotazione...
È Natale...
La poesia...
Il Natale che non c’...
Vita...
Vorrei amarti.......
A TE...
Il Paradiso terrestr...
HAIKU N.8...
Ricordo 'a notte...
...scappa fanciulla,...
Dicembre...
La bellezza dei prep...
Ninfea...
CASTELLI DI SAB...
Ma non ne abbiamo ab...
Stella Cadente...
SI L'AMMORE...
Il padre che sta dom...
La piovra...
Anche questa è vita!...
Canto libero...
SOGNI...
Ombre e precipizi...
matto...
Bigliettini...
Il cassetto terzo a ...
QUELLA TUA FOTO...
Vent'anni senza di t...
Per capire chi ti vu...
Ombra...
Un mondo migliore...
Di passaggio...
Dal mio balcone...
Vorrei poter ricorda...
DA SOLI NON SI...
DICEMBRE(acrostico)...
TU LUNA...
Un raggio di luna...
Mendico...
Ritratto...
La bellezza della vi...
Languidamente...
Poesia in Codice Del...
IO CREDO...
Rinunce...
Solo allora...
Il senso della giust...
Soltanto il tuo prof...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu picuraru

A llu 'rizzonti sponta già lu soli.
Lassa la massarìa lu picuraru;
penza all'amori e lu cori nci doli,
penza alla bbedda figghia t'lu massaru,
a cuiddi uecchj vierdi comu mari
ca l'hannu fattu propriu 'nnamurari.


Si ssetta sotta 'n arvulu t'aulìa,
'uarda li picureddi pasculari,
nci veni 'n'ogna ti malincunia,
sapi ca no' nci pó ccussì campari;
poi, cu ssi lleva tutti li pinzieri,
pigghia lu flautu e si metti a sunari.


Lu soli già shta pponni a chianu a chianu.
Ti giurni com'a ccuddu n'havi assai;
lu giurnu ti l'amori è assa' luntanu
e ppi iddu no' nci 'rriva quasi mai.
Shtraccu, scuntientu, e , amaru amaru
torna alla massarìa lu picuraru.


Traduzione:
Il pecoraio


All'orizzonte spunta già il sole.
Lascia la masseria il pecoraio;
pensa all'amore e il cuore gli duole,
pensa alla bella figlia del massaio,
a quegli occhi verdi come mare
che l'hanno fatto proprio innamorare.


Si siede sotto un ulivo,
guarda le pecorelle pascolare,
gli viene un po' di malinconia,
sa che non può così campare;
poi, per togliersi tutti i pensieri,
prende il flauto e si mette a suonare.


Il sole già tramonta a poco a poco.
Di giorni come quello ne ha parecchi;
il giorno dell'amore è assai lontano
e per lui non arriva quasi mai.
Stanco, scontento e amareggiato
torna alla masseria il pecoraio.


Nota: Poesia in vernacolo sanvitese con
relativa traduzione. Descrive la malinconica
giornata del pecoraio.



Share |


Poesia scritta il 29/03/2014 - 09:35
Da Giuseppe Vita
Letta n.660 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Stupenda! :)

Ivan Pirani 26/04/2014 - 20:48

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?