Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ANGELS...
Il Cilento...
HAIKU N. 2...
Bagliori...
In questa vastità...
L'ultimo ebanista...
Farò la maestra...
A volte le parole so...
Haiku amoroso...
Aquilone...
SILENZIO...
Quello che nascondi ...
Dolce stagione.... (...
Haiku...
Perduta la mia voce...
Rebirth...
Vola dove l'eternità...
DOVE SCORRONO LIEVI ...
Una risposta...
ricordo che......
Il Mio Nome È Uragan...
MIO PADRE PIU' TARDI...
QUEL SETTIMO GRUPPO...
ALL' OMBRA DEGLI UL...
O tempora - Haiku...
Gius, il Testa Mura...
Gleba...
Lo Specchio...
SCRIVO PER TE...
FORUM HAIKU SITO (ve...
SCRIVERE...SCRIVERE....
Canto di libertà...
La calma di un giorn...
l'indagine...
Fragili promesse...
COLOMBIA...
La verità sull'amici...
Ci sono, anche buone...
MI MANCHI...
Il primo amore...
Battito d'ali...
Crediamo che una cos...
Luci e Ombre...
Di quale amore, di q...
Il ponte...
Canterò...
Inettitudine...
È CARNEVALE...
Anche in mezzo alla ...
Launedas...
SFIORO I CAPELLI...
Oltre il fiume...
Umore...
La nebbia e la luce...
Amare...
Nel crogiolo della v...
Buon viaggio fratell...
Tutti in sella !...
Morti inutili....
Il conte e il pappag...
Ci dev'essere vento ...
Peccato originale...
LA MADRE...
Ho visto gli abissi...
f.a.t.a. – il triton...
Neve...
PASSI NELLA NEBBIA...
Fredda e senza lacri...
DARK LADY...
La forza del mio Gig...
Nella boscosa distes...
scegliere l'amore...
AVRO' CURA DI TE...
Sul tuo cuore...
Soldato...
Rose Rosse...
L'oro bianco della v...
Come un angelo......
Amore......
La serenità...
LO SCEGLI TU...
Haiku-mania...
Canzone dei limoni...
Vuoto ricordo...
Morfeo...
IL DUBBIO...
Girandole...
..ti racconto l\'inc...
...in volo...
Rimiro Stelle...
Masai...
Profumo...
Non dormi...
E viene sera...
BUONGIORNO...
PIOVEVA...
Homo sapiens...
f.a.t.a. – materia p...
FREDDO...
TRE HAIKU...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu chiantu nueshtru

Ci nui pinzamu a tuttu cuddu chiantu
ca n'hamu fattu ti quann'hamu natu,
sintimu comu ci no' nn'è bashtatu
e ni mittimu a chianci', comu 'ncantu.


Lu chiantu, ca èti 'n attu sacrusantu,
faci sfucà' lu cori 'nduluratu
ca, sulamenti quannu s'è binchjatu,
senti ca s'è risullivatu tantu.


Pi cuiddi ca hannu ddivintatu vecchj
è ccosa ca ti tantu tiempu sannu
e ca purtroppu s'hava suppurtà'


Lu chiantu nueshtru no' nci spiccia ma'.
Ni faci cumpagnìa fign'a quannu,
pi ssempri, no' ssi gghiùtunu li uecchj.


Traduzione:
Il pianto nostro


Se noi pensiamo a tutto quel pianto
che abbiam versato da quando siam nati,
sentiamo come se non ci è bastato
e ci mettiamo a piangere, come incanto.


Il pianto, che è un atto sacrosanto,
fa sfogare il cuore addolorato
che, solamente quando s'è saziato,
sente che s'è risollevato tanto.


Per quelli che son diventati vecchi
è cosa che da tanto tempo sanno
e che purtroppo si deve sopportar.


Il pianto nostro non finisce mai.
Ci fa compagnia fino a quando,
per sempre, non si chiudono gli occhi.


Nota: Sonetto classico in vernacolo sanvitese
con relativa traduzione. Schema rimico:
ABBA/ABBA, CDE/EDC.



Share |


Poesia scritta il 07/05/2014 - 12:42
Da Giuseppe Vita
Letta n.442 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?