Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Non smetteranno mai...
L 'inganno della mor...
Ti sei presentato...
UN'EMOZIONE CHIAMATA...
Dimentica...
Impalcato sul Polcev...
Non oggi...
Pistoia 1970...
Amore di luglio....
Erano perle...
Chat Intrigante...
L\'incanto del glici...
Scrittura, cinema, f...
UN GOCCIO D'ESTATE...
Paura degli spettri...
Fiamme all'orizzonte...
ANGELO MIO...
amare...
Come i temporali coi...
Com'è pesante questo...
Se ancora potrò sopr...
Ti appartengo...
Girasole...
Caffè...
Il Nascer di un gior...
Primavera...
Pioggia d’agosto...
La vita è bella L...
Ponte...
Se scrivi i codici d...
DOV'ERI?...
I MIEI ARTI...
Ohibo`!...
IO E TE...
La disillusione è co...
UN SALTO NEL ...
e quell\'uomo lonta...
L'hai mai visto il m...
Solitudine...
Un ponte per la vita...
In me...
Resto a guardare...
Pensieri...
Sere d'estate...
QUEL FILO SOTTILE DE...
Per Eraclito gli opp...
Funerale di Stato...
In omaggio alle vitt...
Tratto Dionisiaco...
Mi sei entrato sotto...
Scriverei il mio dia...
Madre terra...
MORIRE AD AGOSTO...
Quell'arancia...
Giardini giapponesi...
MASTURBAZIONE MENTAL...
Catena senza chiave...
La festa...
AMICI VERI...
il prodigio...
TEMA: UN AMORE SUL W...
Una carezza al cuore...
La più grande ricche...
Un amore virtuale di...
Prendimi l'anima...
ACCADE...
I Poeti non guardano...
Molte persone posseg...
I peggior cattivi so...
SEMPRE MIA...
Alba...
Canzone maldestra...
La Dea che canta...
chiedetelo a Siri...
Il Pirata...
Davanti al mare......
Vietnam anni sessant...
Orca Assassina...
Brecciame...
Sognare o arrendersi...
Errore umano...
Se mi guardi e non p...
BOSCO...
Segni indifferenti...
QUANDO TI ABBRACCIO...
ricordare...
L'amore e l'amicizia...
Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Distanze apparenti

A separarci
la vastità del tirreno cobalto
e delle brulle coste smeralde
che di napoleone furono madri.
Ci divisero le pianure
estese ai piedi del gennargentu
che paternamente ombreggia
su un'isola che rifugge la sua patria.
Ma non poterono allontanarci
né le acque impetuose
che investono i traghetti
alle bocche di bonifacio
né l'orgoglio dei sardi
con le loro sabbie color del granito
a nulla valsero i chilometri
che la fisica impose tra di noi
eravamo come i gemelli monozigoti
per la cui empatia
tutti ardono di un'invidia atroce.
Veloci
come le mani di un pianista
irrequiete sull'ebano di una polonaise
così ci affrettavamo
a trasmetterci quotidiane emozioni
puerili pensieri
filosofie mai scritte
soavi canzoni
che i nostri piedi ballavano
a ritmi susseguenti.
Prima un do,
ecco un fa diesis,
ed infine spunta un sol.
Incuranti del vasto tirreno
e delle napoleoniche coste
dipingemmo su un pentagramma
la melodia della nostra distanza.
E a nulla servì
il pianto
della nobile arte del nostro peso.


Share |


Poesia scritta il 12/06/2014 - 08:00
Da Rosalba Caraddi
Letta n.367 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?