Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ti guardo... Ti sent...
L’aforisma è… L’a...
Papaveri...
Mare nero...
...negli aranci dei ...
MUORI...
Io sono...
OGGI...
Il buon pirata ...
il sistema e la norm...
Genesi...
A Leopardi ( Parte 1...
giocosi attimi...
Notte sui Lungarni...
HAIKU N.20...
La giostra Felicità...
Salpare verso le ste...
È tardi...
Felicità...
Tovaglioli...
L'ornitolo...
UNA VOLTA E' S...
La maledizione dell’...
Di bianchi...
ACCOMPAGNAMI ALLA VI...
Sole di nebbia...
'O Puvuriello - Il p...
Invidia...
In pace con se stess...
Analisi del mio scet...
Volare...o forse no!...
Chi sei......
Canto di lei che ven...
La lucciola...
La mia storia- OTTOB...
Le Odle...
ODE AL MIO SORRISO...
Loro non c'entrano...
Il sole è amore...
SOLCHI PROFONDI SULL...
Vacanze virtuali...
A mia moglie...
Una storia d'amore...
Aspettando l'amore...
Sogni e Incubi...
Ci siete...
Il tempo...
HAIKU N.18...
La vita in un attimo...
LEGAMI...
La domenica...
IL SOGNO DI DOM...
Lettera dal carcere...
Parvenze teatrali...
CATERINA...
Il ciottolo e la nuv...
Il figlio del male...
Dentro...
addio veramente a...
Il bacio del mattino...
A MALI ESTREMI...
ISTANTI...
Macedonia Onirica...
L'UMANO...
Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Distanze apparenti

A separarci
la vastità del tirreno cobalto
e delle brulle coste smeralde
che di napoleone furono madri.
Ci divisero le pianure
estese ai piedi del gennargentu
che paternamente ombreggia
su un'isola che rifugge la sua patria.
Ma non poterono allontanarci
né le acque impetuose
che investono i traghetti
alle bocche di bonifacio
né l'orgoglio dei sardi
con le loro sabbie color del granito
a nulla valsero i chilometri
che la fisica impose tra di noi
eravamo come i gemelli monozigoti
per la cui empatia
tutti ardono di un'invidia atroce.
Veloci
come le mani di un pianista
irrequiete sull'ebano di una polonaise
così ci affrettavamo
a trasmetterci quotidiane emozioni
puerili pensieri
filosofie mai scritte
soavi canzoni
che i nostri piedi ballavano
a ritmi susseguenti.
Prima un do,
ecco un fa diesis,
ed infine spunta un sol.
Incuranti del vasto tirreno
e delle napoleoniche coste
dipingemmo su un pentagramma
la melodia della nostra distanza.
E a nulla servì
il pianto
della nobile arte del nostro peso.


Share |


Poesia scritta il 12/06/2014 - 08:00
Da Rosalba Caraddi
Letta n.418 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?