Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...
Tempi d'essere...
Se rivivi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Groppo amaro

Appeso alla parete
sta quel ritratto ad olio
ch'io feci di mia madre
allor che ancor viveva.


Ridente come quando
guardò l'ultima volta
chi allor le stava attorno
mentr'era agonizzante.


Partì senza una lacrima
né emise alcuno gemito,
ma solamente un fremito
rimasto nel mio cuor.


Or, che la vedo al quadro,
rammento che patì
nell'attimo che fu,
allor che lei spirò.


Se adesso fosse viva
e stesse accanto a me,
sarebbe centenaria
con figlio vecchio già.


E stendo la mia mano al suo ritratto
pensando che lei possa ancor vedermi,
ma inutilmente cerco il suo contatto
ergendomi sui piedi un po' malfermi.


La man carezza il viso sulla tela,
quel viso che ora a me divien più caro
e, mentre in corpo il cuor mi si raggela,
avverto in gola un groppo troppo amaro.



Share |


Poesia scritta il 21/08/2014 - 09:24
Da Giuseppe Vita
Letta n.888 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Oltre alla poesia ed alla musica, mi sono dedicato anche alla pittura e tra i miei quadri spicca il ritratto di mia madre la cui dipartita risale ad oltre vent'anni fa. Ogniqualvolta ammiro il suo ritratto appeso al muro avverto un groppo in gola, per cui ho voluto dedicare questa poesia a lei che non c'è più. Ringrazio tutti i commentatori.

Giuseppe Vita 09/09/2017 - 05:09

--------------------------------------

Riesci a trasmettere con i tuoi versi,bellissime emozioni!

Anna Rossi 23/08/2014 - 08:53

--------------------------------------

bellissima :)

Andrea Calcagnile 22/08/2014 - 17:38

--------------------------------------

Il groppo di chi ha compreso l'amore e le sofferenze di una madre, anche le ultime. Un momento che neanche il tempo riesce ad annullare.

Salvatore Linguanti 22/08/2014 - 16:36

--------------------------------------

Sì, ti capisco, Giuseppe, e condivido il commento di Genoveffa. Molto particolare il cambio di ritmo in questa tua, dalle prime cinque quartine in settenari alle ultime due in endecasillabi. Bravo come sempre, un fiore e una preghiera per la tua mamma, un caro saluto a te, Marina

Marina Assanti 22/08/2014 - 12:30

--------------------------------------

La perdita della mamma è una ferita che non si rimargina ,il nostro punto di riferimento,ci sentiamo vecchietti con tutte le responsabilità ,se poi c'è l'età che avanza (ben venga)abbiamo vissuto,sono gli acciacchi che disturbano la nostra serenità.Hai dipinto un delizioso quadro dedicato alla mamma ma anche all'avanzar dell'età

genoveffa 2 frau 22/08/2014 - 00:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?