Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Infinito...
Dirti ciao...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Quiescente......
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
PER FAVORE,POETI...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...
Una amicizia special...
L ' ultima Thule...
Al rincasar degli sb...
Gli anni vanno via e...
POETARE...
In riva al mare...
NON FRIGNARE PIÙ...
Ho bisogno di te...
IL QUINTO ANNIVERSAR...
Nello spazio senza g...
Io e l’estate....
Giovani...
Come rugiada...
Senso di colpa...
quando il tutto sara...
Tu mi colori la vita...
HO CONOSCIUTO L'AMOR...
L'inverno nel cuore...
L'AMORE...
Sul Meeting di Rimin...
NAVIGO DENTRO UNA ...
A RISCHIO DI COTTURA...
Fiordifragola...
L’Abete...
Uno scorcio di io(C)...
Ho cercato di amarti...
Non andar via...
Le esistenze non son...
L' AMORE SUL WE...
Un ombrellone...
Amore virtuale...
NUMMERI di Enio 2...
Sullo scoglio...
Er chiodo fisso...
Zacchete !...
Vivimi...
UN FIORE NEL CIELO...
AGOSTO...
Il Volo...
Punti di vista...
21 aprile...
I tuoi momenti...
Bugie allo specchio....
I figli piccoli sner...
In un giardino...
Il profumo della pio...
Come un \'albero...
PICCOLO AMORE...
Son fermo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Via dell'orologio

Di follia ramingai
muti e vissuti gl’archi
nell’offrir sguardi al vico silente,
stanche mura oramai
in penombra dei varchi
caddero nel pensier mio fuggente.
Potei udir strida di pargoli
pieni forti e lascivi
dalle scale a celarsi,
che s’innalzarono in falsi voli
quegl’echi che non capivi;
il tempo andò placarsi.
Magie di primavera?
Schiava l’alma ne fu cosa
poi scomparve quel mite evento,
come un’alba di sera
c’addormentandosi posa
l’eterno risplender che in me sento.
Comprendo ora l’innocenti dita
di color ch’ancor non sanno
cos’è la vuota pienezza,
così quegl’attimi d’azzurra vita
in uno spirar vi stanno…
E non v’è più fanciullezza.


Share |


Poesia scritta il 24/09/2014 - 14:25
Da domenico pesci
Letta n.403 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


I ricordi dell'infanzia non si possono cancellare,belli o brutti ci accompagneranno nel nostro percorso di vita,complimenti già a quindici anni promettevi bene nella poetica,complimenti
Domenico

genoveffa 2 frau 25/09/2014 - 17:31

--------------------------------------

Paradossalmente ogni volta che ci ritorno sento e rivedo me ma non sfuocato bensì nitidissimo.

domenico pesci 25/09/2014 - 14:34

--------------------------------------

L'ho composta a 15 anni è il mio primo componimento e la via esiste davvero dove io giocavo da piccolo.

domenico pesci 25/09/2014 - 14:32

--------------------------------------

Il tempo che vola..la fanciullezza che sfiorisce velocemente... rimangono solo ricordi sfuocati, come i tuoi versi!!

Lory C. 25/09/2014 - 14:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?