Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Parlami...
Vattene che sei in t...
Avvento...
Solstizio d'inverno...
Ogni attimo...
Struggenti note....
Ombra di luce...
Il sole a quadri...
Risurrezione...
haiku 31...
Dolore e felicità...
E sussurrai al vento...
Che fatica !...
nostro?...
LA MIA CITTÀ (Tries...
IL MITO DEL MO...
Le porte del sogno...
Trieste...
Tempo, nostalgia e m...
L’avvita...
Siti di quiete....
Anna e Filippo...
Senza volto......
DISEGNAVO CHITARRE E...
Dolce sconosciuta....
I più veloci del mar...
Scrissi di noi...
Dicembre...
Risveglio...
La forza interiore s...
Si deve...
GIORNO SPECIALE...
HAIKU N.10...
L'artista...
Stupore...
SCUSAMI...
Egoismo...
A piedi nudi...
Come neve...
Il Natale...
Inverno...
Un senso di me...
Natale 2018...
Figlia...
Non c\'è posto per m...
Scrivimi...
Dedicata a......
Il biglietto d'ingre...
LA POETESSA DEL...
31 ottobre...
Bambino caro...
Eternamente Tu...
Uomo (vita)...
QUELLA FINESTRA APER...
ERA BIZZARRA...
Messaggio di Natale...
In questa mia sera...
CONFUSO...
Inverno...
e guardo i papaveri...
IL GIARDINO DELLE PA...
Fantasia furfante....
IL FANTASMA DELLA BI...
Forse un giorno...(m...
Mi piace guardare l'...
Troppi sentimenti fa...
dio esiste perchè ha...
Piccolo uomo...
Trepidi richiami...
Nuovo Evento...
NATALE 2...
Un ponte...
Abbiamo la coscienza...
HAIKU' ***...
Decoupage...
Connessione....
Nella sua meraviglia...
La nostra stella......
HAIKU N.9...
Sogno...
QUESTO NATALE GALOPP...
SOFFIO DI VITA...
Sussurro della vita...
Domani ancora noi...
Riflessioni...
Donna avvolta...
LA VITA...
LA NOIA SI VE...
Frenesie...
Fai presto a dire an...
Dovrei...
Natale all'improvvis...
Il futuro...
La vita ( Il respiro...
Rumore...
Senza possibilità di...
La sedia...
Lontano da qui...
Adesso......
Sul Tuo viso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Via dell'orologio

Di follia ramingai
muti e vissuti gl’archi
nell’offrir sguardi al vico silente,
stanche mura oramai
in penombra dei varchi
caddero nel pensier mio fuggente.
Potei udir strida di pargoli
pieni forti e lascivi
dalle scale a celarsi,
che s’innalzarono in falsi voli
quegl’echi che non capivi;
il tempo andò placarsi.
Magie di primavera?
Schiava l’alma ne fu cosa
poi scomparve quel mite evento,
come un’alba di sera
c’addormentandosi posa
l’eterno risplender che in me sento.
Comprendo ora l’innocenti dita
di color ch’ancor non sanno
cos’è la vuota pienezza,
così quegl’attimi d’azzurra vita
in uno spirar vi stanno…
E non v’è più fanciullezza.


Share |


Poesia scritta il 24/09/2014 - 14:25
Da domenico pesci
Letta n.427 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


I ricordi dell'infanzia non si possono cancellare,belli o brutti ci accompagneranno nel nostro percorso di vita,complimenti già a quindici anni promettevi bene nella poetica,complimenti
Domenico

genoveffa 2 frau 25/09/2014 - 17:31

--------------------------------------

Paradossalmente ogni volta che ci ritorno sento e rivedo me ma non sfuocato bensì nitidissimo.

domenico pesci 25/09/2014 - 14:34

--------------------------------------

L'ho composta a 15 anni è il mio primo componimento e la via esiste davvero dove io giocavo da piccolo.

domenico pesci 25/09/2014 - 14:32

--------------------------------------

Il tempo che vola..la fanciullezza che sfiorisce velocemente... rimangono solo ricordi sfuocati, come i tuoi versi!!

Lory C. 25/09/2014 - 14:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?