Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

CONTRO LE REGOLE-Sec...
Un uccello, un uomo ...
Notte in periferia...
Riflessi d'amore...
Spire...
Amore virtuale...
INVITO ROSSO MARTE...
PROPOSIZIONI...
Haiku #3...
Alexander una storia...
Vecchio borgo...
LETTERA AL FIG...
BAMBOLA DI PEZZA...
Soliloquio...
Quando mi cerco...
Squaw...
Pentirsi...
Che senso ha......
Haiku...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Come l'eu de toilett...
AGONIA D'UN AMORE...
IN UNA MATTINA D\'AU...
che cos'è questa sol...
Fantasmi d'Autunno...
Cribbio !...
Contrasto a colori...
Il segreto della fel...
Misica classica...
Amarti...
haiku - in autunno, ...
mestizia di una tavo...
la Storia...
L’ESILIO DEL SALUTO...
l'amore...
PASSI...
Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Germogli di felicità

È da circa un'ora che mi trovo nella sala d'aspetto della mia fisioterapista. Ho voluto accompagnare un'amica che da molto tempo soffre di un dolore alla spalla che non le dà tregua e sarei felice se colei che definisco una vera "scienziata" per la sua preparazione in materia, potesse aiutarla a risolvere il problema.
A dire il vero, più che una sala, è uno stretto corridoio, le due pareti letteralmente tappezzate di quadri di dubbio gusto e di diplomi recenti e più datati conseguiti appunto dalla scienziata.
Sono seduta su una panca in vimini, a due posti, alquanto scomoda, perciò ogni tanto mi alzo e vado su e giù per i tre metri di corridoio, non mancando di osservarmi in uno specchio a muro un po' nascosto da un piccolo appendiabiti.
Mi risiedo, non posso chattare, non ho internet, ma la cosa non mi dispiace affatto. Mi giunge dall'alto una musica molto rilassante, tipo ambient, una chitarra dolce e malinconica che riesco a malapena a percepire. Chiudo gli occhi e cerco di rilassarmi.
Le palpebre si fanno pesanti, mi sto quasi addormentando, quando suona il campanello.
Aprono dallo studio, ma non entra nessuno...
Dopo qualche minuto, varca la soglia una bella signora giovane che mi saluta cordialmente. Mi dice che ha tardato ad entrare perché stava osservando una grossa crepa lungo il muro delle scale. " Speriamo sia superficiale!" commenta preoccupata, e, in effetti, dopo il recente terremoto, forse ha ragione di allarmarsi.
Le faccio posto vicino a me sulla panca, mi ringrazia dicendo di sentirsi stanca e affaticata. Di notte dorme bene, ma di giorno sente di essere sempre in ansia, agitata, ha la colite spastica e poi c'è la scuola, che la mattina è gratificante, con i ragazzi , ma i pomeriggi passati a scrivere carte su carte durante i consigli la stressano tantissimo.
La osservo mentre mi parla: è molto carina, ancora giovane, eppure avverto il suo malessere, oltre le sue parole. Sebbene non ci conosciamo, ha sentito la necessità di raccontarmi tanto di lei in questi pochi minuti.
Io le do corda, di solito sono restia con chi non conosco, ma in questo caso sento che il mio stare lì semplicemente ad ascoltarla può esserle di aiuto.
L'ora è passata e la fisioterapista, puntuale come un orologio svizzero, fa capolino nel corridoio insieme alla mia amica Teresa che ha terminato la seduta.
La conversazione con la simpatica signora viene bruscamente interrotta e, quasi a malincuore, ci salutiamo frettolosamente.
Tornando a casa, Teresa mi ringrazia dicendosi soddisfatta dei massaggi: forse questa è la volta buona che risolverà i suoi problemi.


Le sorrido e mi sento bene; in fondo è stato un bel pomeriggio. Ho indicato la via alla mia amica ed ho ascoltato una perfetta sconosciuta che in quel preciso momento aveva bisogno di me.
Penso che la vita è bella, nella sua infinita semplicità, e che sono i piccoli gesti quotidiani, ripetuti, che spesso riteniamo inutili, che invece sono preziosi per noi e per gli altri.
Sono germogli di felicità vera per chi li sa cogliere e apprezzare e ancor più per chi li vuole offrire.




Share |


Racconto scritto il 21/11/2017 - 18:36
Da Mimmi Due
Letta n.273 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


mi è molto piaciuto scorrevole lettura 5*

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 22/11/2017 - 18:34

--------------------------------------

Germogli di felicità nel saper ascoltare,
molto bello

genoveffa frau 22/11/2017 - 12:31

--------------------------------------

Che bello questo tuo racconto che fa della semplicità la bellezza della vita...!
Mi è piaciuto molto leggerlo
Un saluto

Grazia Giuliani 21/11/2017 - 21:09

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?