Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Elogio alla Margherita

Ho sempre amato la pizza, nello specifico la Margherita, tanto da annoverarla come il mio cibo preferito.
Ora, non so se i gusti delle pizze vanno scritti in maiuscolo, mettiamo non fosse necessario, la cosa mi starebbe bene tranne sulla già citata pizza in quanto per me è la Regina delle pizze.
Sono talmente fissato che se qualche donna si dovesse chiamare in questo modo, non penserei mai e poi mai al fiore ma direttamente la pizza in questione, non ci posso fare niente.
Idem la ‘Margherita’ di Riccardo Cocciante specie la parte finale del brano:


Perché Margherita è tutto, ed è lei la mia pazzia (dato il mio elogio ci starebbe la parola "pizza")
Margherita, Margherita
Margherita, adesso è mia
Margherita è mia


È cosi semplice, pochi ma appetibili ingredienti ovvero farina, acqua, lievito, mozzarella, pomodoro, olio crudo e come ciliegina sulla torta, pardon, sulla pizza del basilico fresco.
Riguardo l'impasto prediligo il tipo sottile, odio la pizza gomma, a tal proposito non potrò mai dimenticare una Margheritona degna di nota, (giusto per usare un eufemismo) mangiata con autentico sdegno circa 8 anni fa, precisamente durante le vacanze in Grecia, a Rodi, quando in una pizzeria italogreca mi fu servito un autentico copertone col sugo e del formaggiazzo di cattivo gusto.
Senz'altro la Margherita peggiore della mia vita, una pizza da Michelin e non mi riferisco alla famosa Guida francese che tra le tante cose prende in esame pure la gastronomia.
Vi starete chiedendo se a volte mi è capitato di cambiare pizza, vero?
Di norma prendo sempre la stessa però ogni tanto mi concedo qualche diversivo, ad esempio mi capita di scegliere la Biancaneve avente solo mozzarella, olio e origano o la quattro formaggi, oppure la Margherita con würstel, insomma sempre e comunque delle pizze derivate della Regina anche se in verità dopo averle divorate rimango spesso con quel senso di insoddisfazione e tanto per (non) cambiare, le volte successive tendo sempre e comunque a ritornare al mio vecchio amore.
Probabilmente in termini di gusti posso apparire scontato, me ne rendo conto, ebbene a questo punto, dopo aver fatto 30, faccio 31 e mi sembra doveroso raccontare un aneddoto.
Tanti anni fa, mentre svolgevo il mestiere di soldato, in una trasferta per un campo militare in Campania, precisamente a Battipaglia, una sera, io e miei ex commilitoni, essendo in libera uscita, dopo un certo girovagare su dove andare a mettere qualcosa sotto i denti, decidemmo di mangiare una pizza in uno dei locali migliori della città che ci fu consigliato da un maresciallo originario di quei luoghi.
Appena entrati al BattiPizza ci sedemmo in un lungo tavolo, ci vennero portati dei grossi menù e mi risulta impossibile descrivere lo stupore derivato dalla sterminata tipologia di pizze, ben 500!!!
C'era la pizza con i fagioli, la pizza col radicchio, la pizza con svariati salumi, la pizza al sushi, la pizza ai surimi, la pizza alla brasiliana con palmito ed il catupiry (un formaggio cremoso) per non parlare delle pizze alla frutta (ananas, mela, cocco, avocado, alla macedonia etc.) fino ad arrivare alle pizze dolci tipo quella al cioccolato, alle nocciole, alla marmellata e pizze gelato.
Sotto il menù c'era scritto:
"Guaglione, se non sei contento del menù, dimmi che pizza vuoi e ti di dirò chi sei!"
Ridemmo su queste parole scritte in grassetto poiché nella lunghissima lista, pensammo che ogni fantasia tendeva ad essere già soddisfatta a priori.
Per circa mezz'ora o poco più, restammo a decidere quale pizza ordinare, giustamente leggere tutte le 500 tipologie richiedeva tempo, alla fine ognuno fece la sua scelta e indovinate quale pizza prese il sottoscritto?
Ma è logico la Margherita, pizza che si ama non si cambia!
Non nascondo che questa mia preferenza fece e fa storcere il naso a più di una persona, infatti solo Dio sa quanto mi irrito quando qualcuno fa osservazioni su cosa mangio, inoltre odio da morire la frase: "Sempre la stessa cosa!"
Ad esempio le mie ex due fidanzate, durante le nostre serate in pizzeria tendevano a criticarmi, ogni tanto addirittura gracchiavano più del dovuto riguardo appunto la mia solita ed insindacabile scelta, solo una volta le accontentai entrambe prendendo due pizze diverse, cioè una pizza con le noci e una norma, sebbene in quest'ultimo caso mi fu ordinata a tradimento mentre ero in bagno a lavarmi le mani ma per non creare polemiche, strinsi i denti e la mangiai in maniera inappagata.
"Toglietemi tutto ma non il mio Breil" recitava un famoso spot sugli orologi.
"Toglietemi tutto ma non la mia Margherita" affermo invece io.
Visto che seguo Eros Ramazzotti, adesso faccio una parodia di alcune note de ‘Più bella cosa’, con la speranza che il cantante non la prenda a male, del resto è per una giusta causa.


"Ne mangerei di più. Per dirtelo ancora per dirti che, più buona cosa non c'è, più buona cosa di te. Unica come sei. Soffice quando vuoi. Grazie di esistere!"


Ok, penso di aver reso perfettamente l'idea, credo di aver detto abbastanza, per evitare che il mio componimento diventi una pizza e siccome tra breve è orario di cena, se stasera deciderete di mangiarvi una rotonda o ovale oppure una quadrata a teglia non mi resta che dire "buona pizza a tutti!" mentre agli intenditori faccio un augurio speciale:
"Buona Margherita a tutti!"


Ah, mi raccomando:
non dimenticate le birre, pazienza se lievita la pancia, si vive una volta sola!




Share |


Racconto scritto il 16/03/2018 - 13:38
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.265 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Ciao Paola il tuo "gustoso" commento l'ho molto gradito e mi fa piacere sapere che sei una "Margheritara" pure tu o comunque ritieni questa pizza la Regina!
Io la amo così tanto che non è raro che me la faccio fare doppia mozzarella oppure che quando vado in una pizzeria d'asporto ne compro due, mangiandone una e mezza e l'altra metà la divoro il giorno dopo non prima di averla riscaldata nel fornetto.
Ti ringrazio, sei sempre molto gentile!!!

Giuseppe Scilipoti 22/03/2018 - 15:11

--------------------------------------

Ciao Giuseppe...troppo simpatico questo tuo racconto.
Poi mi ha incuriosito parecchio, essendo io originaria dei luoghi da te menzionati, dove da militare ti sei recato per gustare una buona Margherita...
Che dire? Hai perfettamente ragione, di Regina ce n'è una sola...le altre solo umili ancelle!!
Ciao caro e buona giornata!!

PAOLA SALZANO 22/03/2018 - 08:09

--------------------------------------

Mirella, Millina e Grazie grazie per i vostri commenti "variegati" e che sebbene la Margherita non rientra tra le vostre pizze preferite avete "divorato" con "gusto" questo mio racconto autobiografico che espone con humour le mie personali considerazioni personali unite ad alcuni aneddoti (forse) simpatici.
La pizza è una cosa seria, l'importante e non criticare i gusti altrui, anche se fossero sempre gli stessi, questo le mie due ex in questione non lo volevano capire. Vi ringrazio ancora.

Giuseppe Scilipoti 21/03/2018 - 22:24

--------------------------------------

buona la margherita piaciuto racconto e pizza

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 17/03/2018 - 00:12

--------------------------------------

Per me capperi e acciughe...
comunque sia questo nostro splendido piatto merita poesie, prose e canzoni

Grazia Giuliani 16/03/2018 - 22:20

--------------------------------------

A me piace provarle tutte, o quasi, così come mi piace provare i piatti all'estero affidandosi alla musicalità del nome, a me comunque incomprensibile.
Ma diffido dei menu litania: c'è un limite a tutto!

Millina Spina 16/03/2018 - 22:07

--------------------------------------

GIUSEPPE SCILIPOTI...Bel racconto, sono anch'io un amante della pizza e precisamente "Napoli con le acciughe e a cummarola in coppe" Ciao vado in pizzeria......

mirella narducci 16/03/2018 - 19:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?