Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un ponte per la vita...
In me...
Resto a guardare...
Pensieri...
Sere d'estate...
QUEL FILO SOTTILE DE...
Per Eraclito gli opp...
Funerale di Stato...
In omaggio alle vitt...
Tratto Dionisiaco...
Mi sei entrato sotto...
Scriverei il mio dia...
Madre terra...
MORIRE AD AGOSTO...
Quell'arancia...
Giardini giapponesi...
MASTURBAZIONE MENTAL...
Catena senza chiave...
La festa...
AMICI VERI...
il prodigio...
TEMA: UN AMORE SUL W...
Una carezza al cuore...
La più grande ricche...
Un amore virtuale di...
Prendimi l'anima...
ACCADE...
I Poeti non guardano...
Molte persone posseg...
I peggior cattivi so...
SEMPRE MIA...
Alba...
Canzone maldestra...
La Dea che canta...
chiedetelo a Siri...
Il Pirata...
Davanti al mare......
MURO ANTICO...
Vietnam anni sessant...
Orca Assassina...
Brecciame...
Sognare o arrendersi...
Errore umano...
Se mi guardi e non p...
BOSCO...
Segni indifferenti...
QUANDO TI ABBRACCIO...
ricordare...
L'amore e l'amicizia...
Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PRIMI AMORI

Mi trovo al bar dell’oratorio. Non lo frequento abitualmente, ma nel paese in cui vivo sono pochi i bar aperti di domenica, e quando la voglia di espresso chiama, io devo rispondere.
E’ affollato di ragazzini, come è logico che sia. In particolare, un piccolo gruppo attira la mia attenzione. E’ formato da due bambini - avranno sette o otto anni - ed una bimba, presumibilmente loro coetanea, anche se più minuta. Il più alto dei due maschi, con fare impaziente intima all’altro: “Muoviti Alex, andiamo a giocare a pallone!” Alex scruta il campo da gioco al di là delle vetrate, posa per un istante il suo sguardo sulla bambina, quindi lancia un’occhiata circolare all’interno del bar, come per ispezionarlo, ed alla fine domanda: “Giulia, ti va di giocare a calcetto?” Lei, seria seria, risponde affermativamente, senza sollevare gli occhi dal pavimento. E così, un attimo dopo, Alex annuncia, con un tono che non ammette repliche: “si gioca a calcetto.”
Sono in tre, numero dispari, per il calcio balilla non va bene. Giulia pare avere la soluzione: si allontana, ma per poco; quando torna, trascina per mano un bambino più piccolo. Immagino sia il fratellino.
Le squadre sono chiaramente squilibrate. Dal fare navigato col quale si sono approcciati al gioco, si capisce che i due maschi sono esperti, di quelli che hanno dimestichezza con le rullate quanto con le caramelle gommose delle quali pare non possano fare a meno di nutrirsi. Devono dare dipendenza, queste caramelle. Così come il caffè, del resto. Giulia invece è una principiante. Si vede subito. Quanto al fratellino, che non deve avere più di quattro anni, fa una gran tenerezza con le sue braccine sollevate per impugnare le manopole: secondo me non arriva nemmeno a veder il tavolo da gioco. Non ci sarà partita.
Mi allontano per perseguire lo scopo che mi ha condotto fuori di casa. Vado al bancone, sorbisco il mio caffè e intanto chiacchiero un po’. Il tempo passa in fretta, specie se la conversazione è gradevole. Quando torno al calcetto, mi accorgo che la partita è terminata. Giulia sta segnando sul segnapunti rosso il goal decisivo che le ha consegnato la vittoria. Un enorme sorriso le illumina il bel viso di bimba. Il bambino alto, paonazzo, visibilmente imbestialito, fissa incredulo il compagno di squadra ed esclama con voce rotta: “sei… sei… sei proprio una… una gigantesca pippa!”. Alex si stringe nelle spalle, rapido come un furetto gira attorno al calcio balilla e raggiunge Giulia. “Ti devo fare i complimenti” esclama con gli occhi che brillano, “hai giocato una bellissima partita” Le stringe la mano, per congratularsi. E non gliela lascia



Share |


Racconto scritto il 23/04/2018 - 12:22
Da Roberto L
Letta n.192 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Bel tema, bel racconto, ben narrato punteggiatura compresa, belle immagini. Se dovessi inserire questo racconto in una delle correnti letterarie, lo collocherei a metà strada tra il minimalismo e l'impressionismo letterario.

Corrado B. 03/05/2018 - 13:23

--------------------------------------

Una bellissima scena,
riesco a vedere i bambini e sentire le loro emozioni.
Bravo!

Grazia Giuliani 30/04/2018 - 18:24

--------------------------------------

Grazie mille Mimmi è laisa. Siete sempre molto gentili. Felice vi sia piaciuto in particolare questo pezzo. Un caro saluto

Roberto L 24/04/2018 - 18:45

--------------------------------------

...e non gliela lascia
ecco, l'essenza...la vera essenza

laisa azzurra 24/04/2018 - 09:54

--------------------------------------

Bello, scorrevole, scritto davvero molto bene. Situazioni che un po’ tutti noi abbiamo vissuto come spettatori, ma anche in prima persona qualche tempo fa...
Hai dipinto benissimo la tenerezza e dolcezza dei primi approcci con l’amore che, è proprio vero, non ha età!

Mimmi Due 23/04/2018 - 14:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?