Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
È AUTUNNO...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lupo Solitario

USA, Texas, 1858 o giù di lì.


Per tutti era il Lupo Solitario della valle solitaria, non poteva essere altrimenti, in quella valle c'era solo lui.
Correva in lungo e in largo per la valle, tutto il giorno, tutti i giorni. Almeno una o due volte al mese correva anche di notte, forse la luna, chissà! Cacciava qualche coniglio, ogni tanto e lo nascondeva nella sua tana. Quando pioveva non andava a caccia e la fame mordeva.
Fortunatamente in quella valle c'erano tanti conigli e poche giornate piovose.
Un giorno, Lupo Solitario, vide un branco di suoi simili attraversare la valle. Non si mosse dal suo nascondiglio.
Il capo branco si staccò, lo aveva visto dietro ai cespugli.
Cominciò una furiosa lotta, per la conquista del territorio l'uno, per la conservazione l'altro.
Il capo branco fu sconfitto e se ne andò con tutti i lupi.
Quell'anno l'inverno cominciò prima che l'estate finisse. A settembre già nevicava e la valle si coprì di una spessa coltre di neve. Lupo Solitario continuò a correre e a cacciare come se nulla fosse successo tanto che, dalla neve, gli uscivano solo le lunghe orecchie grigie.
La cosa fece il giro delle valli vicine.
C'è sempre qualcuno che vuole vedere un paio di orecchie muoversi da sole sulla neve.
Quel qualcuno si chiamava Jack, aveva una moglie e una cagnolina, Daisy... splendido esemplare meticcio.
Quando arrivò la neve era ormai sciolta e la valle era colma d'acqua. Jack pensò allora di aver sbagliato strada. D'un tratto però... due orecchie a pelo d'acqua. Era Lupo Solitario che nel frattempo aveva imparato a nuotare.
Titubante e guardingo per l'umana presenza, notò Daisy e da lupo quale era, diede una annusatina alla piccola e capì che la sua vita era stata troppo solitaria.
Jack e sua moglie capirono e non fecero nulla.
Qualche giorno dopo partirono lasciando Daisy nella valle solitaria. In breve tempo la valle assorbì tutta l'acqua e il lupo decise che era arrivato il momento di metter su famiglia.
Insieme a Daisy cercò una nuova tana, cercarono tanto e trovarono una vecchia palafitta a forma di barca.
Lupo Solitario pensò che era l'ideale per le annate e gli inverni piovosi.
Inverni così non ce ne furono più per tanti anni.
Lupo e Daisy rimasero sempre insieme e crebbero tanti piccoli.
Un anno però, le piogge iniziarono presto e la valle fu inondata. Piovve così tanto e forte che i sostegni non ressero all'impeto dell'acqua e la tana cominciò a navigare.
Navigarono tanto!
Furono trovati mesi dopo da un gruppo di colòni, durante una perlustrazione. La valle era un immenso lago.
"Guardate", disse uno degli uomini,"Guardate dentro", sembra l'arca di Noè.
Ora la valle solitaria é popolata, piena di case e strade, come tutte le valli del mondo.
La chiamano la Valle dell'Arca, ma nessuno si ricorda il perché!




Share |


Racconto scritto il 07/07/2018 - 19:35
Da Loris Marcato
Letta n.134 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Sergio Endrigo l'avrebbe cantata "Sarà come l'arca di Noè il lupo la Daisy e lupacchiotti...!

Glauco Ballantini 11/07/2018 - 10:32

--------------------------------------

Molto bello...ma è vero?

Franca M. 08/07/2018 - 19:15

--------------------------------------

Molto bello...ma è vero?

Franca M. 08/07/2018 - 19:15

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?