Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ti ricordi luna?...
Il campanaccio...
Haiku T...
Caterina...
DEAMICISIANA PRIMA :...
I magnifici sette...
Notte bianca a San F...
Fragili...
HAIKU n...
Se il mio vivere......
È necessario riparar...
Inquieto pensiero...
il bisogno di te...
Piombo...
DELIRIO.......
Il Tempo Sottrae...
Vita ordinaria...
MALINCONIA...
Eppure la palla di v...
Una bimba mora deve ...
Da una gentilezza, p...
C'è sempre un vento...
La verità, quando vu...
Episodio...
Alcune volte nella n...
unto di femminicidi...
Il mio senso vive so...
Proposte particolari...
Donna Fugata...
IL GRUPPO BASE...
L'amore per la Natur...
Il sole cieco...
e poi, e poi ancora...
Il pane...
VIVERE NEL VUOTO...
L’aprimitilli...
Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...
ATTIMI MINUSCOLI UNI...
Casa rude...
Simulacro ingannator...
IL SOGNO DI GREAT SW...
Il mio analista è in...
Io vivrò per te...
TU...
Viandante...
Immenso mare...
I miracoli esistono,...
C\'era una volta......
Talora la sincerità ...
Una tunica bianca...
Uomo bianco e uomo n...
a commuovermi ci pen...
Quaderno delle poesi...
Ironia dell'alcool...
Non è tardi...
INVENTIAMOCI LA ...
L'estremo punto le o...
Un cretino che crede...
Non chiamatemi poeta...
Quel sogno irreale!...
Timidezza...
Se ti chiedi se farà...
Immagina il mio sile...
Gioconda del cielo...
UN KILLER VENUTO DAL...
Mare...
ETERNO PIACERE......
La poesia...
Lo scrigno...
Sotto un cielo di st...
Passerei la notte a ...
L'incidente...
Il silenzio...
Notte di luna...
cos'è la nostalgia ...
Una rondine...
Sul filo corre la vo...
Haiku 10...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LETTERA APERTA A GRAZIA

Cara Grazia,
vorrei con questo scritto dare un contributo più ampio alla questione da te posta con la tua pubblicazione relativa alla solidarietà femminile.
E, il mio, uno stralcio di racconto d'un episodio davvero accaduto molto tempo fa, quando cominciavano a circolare idee femministe in contrapposizione al maschilismo imperante che, poi, si concretizzavano con festeggiamenti in pizzeria fra sole donne; con slogan del tipo: la vagina è mia e me la gestisco io...e via dicendo.
Propongo un dialogo ascoltato al tavolino di un bar fra un uomo non più adolescente, diciamo sulla trentina, ed una ragazza appena uscita dall'adolescenza, diciamo non ancora ventenne. L'epoca era di piena turbolenza di giudizi sul maschilismo e sul femminismo. Il linguaggio allora era diretto e schietto ed anche poco pudico. Naturalmente il dialogo che segue rispecchia la morale del periodo, diciamo intorno agli anni '70.


““... ma alla fine come mai non sei in compagnia del tuo boy friend?”, chiese l'uomo incuriosito.
-Non ho fidanzati, nè mai ne ho avuti fino ad ora, rispose la ragazza.
-Non ti interessano gli uomini?
-Accidenti che mi interessano! Ma non quelli stronzi.
-Ma mica son tutti stronzi... dai!
-Quelli da me conosciuti, si.
-E come fai a decidere se un uomo è stronzo? - Cominciò a preoccuparsi l'uomo!
-E' facile per una donna. Ma molte amiche mie non percorrono la strada dell'accertamento per paura poi di rimanere zitelle. E si accontentano del primo che capita a raccontar loro bugie...o favole...o della loro agiatezza...
-E come si fa seriamente l'accertamento se uno è stronzo oppure no? ...spiegami ...ti prego … Pensi che la donna in esclusiva abbia tale capacità? - L'uomo passò così la palla alla ragazza che cominciava a sembrargli più saggia di lui.
-Io dico alle amiche di stare attente a fare dono della cosa più preziosa che possiedono scegliendo un uomo capace di comprendere realmente il valore della unicità del dono femminile che tra l'altro tanto loro piace ed alle mammine comprese. Il donarsi di entrambi, poi, deve avere effetti nel concreto visibili e tangibili: per esempio, il non vergognarsi, solo al pensiero, di farsi trovare in casa dalla propria madre e parenti vari, con il grembiulino per lavare i piatti o a cambiare il pannolino al bambino o a fare da infermiere alla propria donna influenzata... Queste cose vanno dette prima, subito, con convinzione al candidato fidanzato, per non rimanere poi nella condizione di sognarle e cadere fra le braccia di stravaganti amanti.
-Basta... basta... ho capito...tu sei una candidata zitella...
-Ma chi ha detto che il matrimonio sia il principale obiettivo di vita? E' la dignità il principale... Io dico alle compagne di essere superbe donne indipendenti e libere con accanto il loro superbo uomo indipendente e libero...E con dei figli da educare a divenire dei superbi figli...Io sono contraria alla mimosa regalata per la festa della donna: sottolinea l'inferiorità! A meno che non ci organizziamo a creare una festa dell'uomo intesa proprio come “fargli la festa”. E scoppiò in una risata assai coinvolgente, a giudicare da ciò che vidi dopo ””.


Con i miei devoti saluti e l'apprezzamento per il difficile compito che persegui nello scrivere di argomenti ancora molto complessi sui quali doverosamente dovremmo riflettere di più con il contributo pratico dei genitori a non educare uomini superbi ma superbi uomini e, meno che mai, donne superbe ma superbe donne.


Ernesto




Share |


Racconto scritto il 16/06/2019 - 18:47
Da Ernesto D'Onise
Letta n.193 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


La questione mi riporta ad Atena, simbolo del preservarsi dal rapporto con l'altro senza perdere il controllo della dimensione emotiva facendo appello all’uso e alla protezione dell’intelletto. Atena è corazzata, propone l’idea di una donna indipendente e libera in grado di affermarsi escludendo il maschile, così come fanno le vespe, gli anfibi.
Ricordo che una mia insegnante diceva spesso: il migliore uomo è da impiccare…

Ciao Ernesto


GiuliaRebecca Parma 17/06/2019 - 22:27

--------------------------------------

Per la mia esperienza personale non ringrazierò mai abbastanza Dio per avermi fatto incontrare un uomo speciale, e forse proprio per questo lo ha voluto con sé! Incisiva ed interessante la tua lettera. Ciao!

santa scardino 17/06/2019 - 15:08

--------------------------------------

Bellissimo argomento! La parità dei sessi...un'amica dice che ci sarà mai perché noi donne siamo superiori, ovviamente scherza! Ho sempre pensato che essere donne non significano essere uguali agli uomini e viceversa, che il femminismo non vada confuso con la femminilità e che ogni persona in quanto tale vada rispettata la sua autonomia ed indipendenza. L'amore sta nel ricevere piacere nel dare piacere.

santa scardino 17/06/2019 - 15:05

--------------------------------------

Come dar torto a questa ragazza , il significato è molto profondo su alcuni punti tutt' ora.

Graziella Silvestri 17/06/2019 - 12:28

--------------------------------------

Ad alcuni il dialogo potrà sembrare scontato, ma in quegli anni non lo era affatto. Una ragazza emancipata, decisamente più di quanto lo fossi io...che ho impiegato più tempo per capire alcune cose...
vorrei si potesse presto parlare di "persone" da rispettare senza dover distinguere tra uomini e donne...
Mi fa piacere averti suggerito uno spunto, giro la lettera alle autrici del sito e a te dico "Grazie"

Grazia Giuliani 16/06/2019 - 20:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?