Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Cerchiamo...
Vista sul golfo di T...
Nebbie...
Val d’Ultimo....
Dolce luna...
RISURREZIONE E S...
Haiku 12...
Chi pur nell'ira la ...
Conte e il topo assa...
Cielo incommensurabi...
Il Consenso...
I capricci della scr...
Il lento fluire del ...
LUNA...
Un tempo...un mondo....
Punti di vista...
Come un randagio...
Post meridiem...
SCRIVERE LIBERA D...
PROGETTO ESTETICO (C...
Le chiavi del paradi...
GROVIGLI DI SOSPIRI...
NeRA...
La realtà percepita ...
Haiku...
La calunnia...
A TUTTE LE DONNE...
L\'unica verità...
Questo è il Natale...
GENTILEZZA...
IL MITE PORTINAIO...
Conserviamo la genti...
HAIKU 1...
Femminicidio...
Far del giorno...
La luce vince l'ombr...
GRIDARE MI FA BEN...
Scegli la Vita...
Sole o pioggia?...
Se le persone dedica...
DOVE FINISCE IL CIEL...
C'era una volta il r...
Colmi...
Un sogno anelato...
Le domande di Nicola...
Dove tutto ebbe iniz...
n° 28 (R/P)...
Oggi scrivo di te...
Il green pass cultur...
La malinconia è una ...
Ci sono sogni che mu...
Leggera...
Qual è la nazionalit...
Altrove ......
IL TEMPO FATTO ...
La panchina di front...
Un solo attimo...
Poi...
Guardo l'acqua......
L'altra metà del Cuo...
Lunghe passeggiate t...
Anima mia...
Creare, immaginare, ...
L'attimo dopo...
Sul bordo di un terr...
Gino...
PROGETTO ESTETICO (C...
Il mio tempo...
n° 24 (R/P)...
Una sera in Plaza de...
Ci amavamo...
nulla...
Ignoto pensiero...
Le tue parole...
Luminarie ingannatri...
Non voglio che il tu...
IL TEMPO...
Rattoppo...
UNA LETTERA MAI ...
Riscalda o sole!...
PUNTO E A CAPO...
Un giorno...
È stato un attimo ...
Il tuono...
L'alba ramata...
Il pianto di un bimb...
In Aspromonte...
Al tempo dei sogni...
LEGGERE...
Brividi...
In un lento fluire d...
Non spaventarti...
LA NOTTE MIA ALLEATA...
La vita è più forte ...
Ocra...
Diva...
QUEL CHE RESTA ...
Nomination...
C'e' un posto specia...
I ricordi....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

LA VILLA

Un pomeriggio di novembre di qualche anno fa, sono stata invitata a casa di un ragazzo.
Dopo aver parcheggiato la macchina, inizio a percorrere la strada indicata, cercando il numero della via.
Non ero mai stata prima a trovarlo.
Davanti a me, una folta vegetazione con alberi enormi, mi faceva proprio pensare d' essere finita in un bosco.
C' era pure la nebbia, assieme allo scricchiolio delle foglie sotto i miei piedi.
Camminavo leggera come una piuma,  finché sento una voce dirmi: <<non avere paura, sono qui>>
All' improvviso mi trovo davanti a una villa enorme del medioevo.
Forse sono ritornata in gita, chissà!
Mi avvicino al ragazzo chiedendogli se abita in un castello.
Tra poco apparirà il mio principe, speriamo non una rana.
Lui mi dice che è casa sua, la villa era di un conte,  poi l' ha comprata suo nonno.
Conte Federico ottavo di Udine, scherzo.
Ah però, figo te e la casa inquietante!
Lo seguo ed entro facendo Scherlok holmes con la borsetta panna, sospettosa di trovare Dracula o qualche mostro!
Entriamo in un sala enorme, con quadri del 1800, che sembrano osservarci con i loro occhi neri, meno male non hanno i denti lunghi!
Aspetta che controllo meglio.
Mi siedo in una sedia da regina, almeno secondo me e non so nemmeno dove appoggiare la borsa, quindi la tengo sulla pancia.
Lui mi guarda e mi dice: <<ma sei nervosa?>>
Io :<<no, figurati, anche i fantasmi bevono con noi?>>
<<Vuoi una camomilla per rilassarti?>>
<<No, grazie, mi riprendo con un pezzo di sacher.
Ma quale forchetta tra queste devo prendere?
<<Prendi pure quella che vuoi.>>
Gli faccio cenno di si e inizio a mangiare la sacherina, guardando il grande lampadario.
Sembra di essere a Versailles, a parte i quadri inquietanti, mi sento osservata e pensando ad alta voce lo dico.
Lui mi fa che in effetti ci stanno guardando!
Dopo queste parole scatto dalla sedia stile trappola per topi.
Chi? ho paura, andiamo via!
Lui ride e mi dice che all' estremità della stanza cè un buco dove puoi guardare all' interno.
Ah allora ci hanno ascoltato i tuoi mentre parlavamo?
Non siete parenti di Dracula giusto?
Certo che no! se vuoi te li presento.
Ok, solo se la prossima volta mi porti nella prigione!
Prigione? guarda che non cè!
Nemmeno topi, ragni, passaggi segreti?
<<No!>>
Allora scaviamo noi un passaggio segreto, facciamo la stanza segreta dei dolci!



Share |


Racconto scritto il 26/10/2021 - 13:38
Da Mary L
Letta n.105 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Sei speciale tesoro... divertente, ironico e colmo di suspense tvtb un abbraccio

Margherita Pisano 27/10/2021 - 16:26

--------------------------------------

Divertentissimo raccontino tra ironia di vampiri, trappole, cunicoli e fantasmi il sorriso è sempre assicurato con te carissima Mary.

Paolo Ciraolo 26/10/2021 - 19:27

--------------------------------------

Bellissimo!

Laura Lapietra 26/10/2021 - 16:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?