Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT

Le istruzioni sono:

Scrivi una storia che inizi così: "Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne" (tratto da J.D. Salinger - Il giovane Holden).


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

L\'amore per la lettura

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e cosa facevano i miei genitori e compagnia bella, prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne"(tratto da J. D. Salinger_Il giovane Holden)


Non ho voglia di ricordare la mia infanzia, perché non avrei nulla di bello da ricordare... o forse no... forse qualcosa di bello in quello squallore c'era...
Guardo il mare, in questo giorno d'autunno inoltrato, ed ammiro un tramonto colorato, che si tuffa nell'acqua... La mente vaga...
Un nugolo di bambini sempre affamati ed una casa piccola, troppo piccola per contenere tante persone.
Bimbetta, mio padre mi trascinava con sé nella terra, a raccogliere sasso. Diceva che il campo doveva essere sgombro e dall'età e dai sassi.
Eppure li toglievo..., ma sembrava che lì il buon Dio, avesse scaricato tutti i sassi della terra. Per quanto sforzo facessi, le pietre si moltiplicano, come nel miracolo della molti
plicazione dei pani e dei pesci.
Ritornava a casa stanca e mi addormentavo quasi subito, su quel giaciglio approntato ai piedi del letto dei miei genitori.
Non conoscevo la felicità.
Poi, appena adolescente, ci fu per me un cambiamento. Fui inviata a servizio presso la famiglia di un medico, che aveva due figli della mia età.
Cominciai a conoscere altri modi di vita. I ragazzi erano viziatissimi:mangiavano poco e giocavano troppo. Feci amicizia con loro, anche se il padre li redarguiva e cercava di non farli familiarizzare con me.
Arturo andava a scuola, frequentava la IV ginnasio, Lucilla frequentava la prima media.
Avevano tanti quaderni con la fodera nera ed i bordi rossi. Sembravano dei messali e forse per questo, mi incuriosivano.
Quando non c'era nessuno, io ero libera di sbirciare tra i quaderni e scoprii i segni convenzionali con cui si poteva scrivere e leggere.
Rubai un quaderno ed una matita e cominciai a ricopiare a pappagallo, tutto ciò che scriveva Lucilla.
Trovai un abecedario e capii che ad ogni segno corrispondeva un suono. Ormai sapevo scrivere tutte le lettere, ma non sapevo leggere. Feci un patto con Lucilla e in seguito cominciai a fare i compiti con lei.
Ero felice.
Avrei potuto conoscere tutte le cose scritte nei libri, leggere dei romanzi, sognare l'avventura e l'amore.
Piccolo mondo Antico di Fogazzaro, mi affascino'. Lessi così anche Piccolo mondo moderno, Leila e Malombra.
Fu la volta di Grazia Deledda.
Canne al vento mi incanto'... Mi piacque tanto anche Elias Portola... Lessi così tutto ciò che trovai nella biblioteca molto fornita del mio padrone.
Lessi quando tutti dormivano...
Lessi al lume di candela ed ero felice...
Non avevo mai viaggiato, ma la mia fantasia mi consentì di andare in Sardegna, di visitare l'africa selvaggia, di ammirare il mare, di viaggiare su un vaporetto e di sfoggiare splendidi abiti.Immaginai persino un principe, che mi chiedeva in sposa.
Ero felice... Avevo dimenticato il pagliericcio ai piedi del letto, avevo dimenticato le ginocchia sbucciate e le mani tagliate dall'asperità dei sassi...
Una notte mi addormentai sul libro che stavo leggendo, quando mi sentii sollevare da due mani forti, che mi adagiarono dolcemente sul letto.
Sbarrai gli occhi, quando vidi il signore, che chiudeva piano il libro, con un sorriso sulle labbra.
Ero stata scoperta! Forse Lucilla non c'è l'aveva fatta a mantenere il segreto...
Inconsciamente iniziai a tremare... Non volevo ritornare nella mia casa, piccola e sprovvista di libri...
Sarebbe stata la giusta punizione.
Ma quel signore, che non dimenticherò mai, mi guardava con un sorriso affettuoso.
Non ero da punire, ero da premiare! Avevo dato prova di grande volontà e sacrificio. Avrei dato gli esami con Lucilla.
Ben presto divenni una maestra di scuola.
Da allora insegno ai miei bambini a leggere e a scrivere... Ma cerco di inculcare in loro soprattutto l'amore per la lettura.



Nb. È una storia vera, ma non la mia.




Share |


Scrittura creativa scritta il 15/11/2017 - 17:28
Da Teresa Peluso
Letta n.394 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


incantato 5* Teresa un

enio2 orsuni 17/11/2017 - 13:05

--------------------------------------

Una bellissima storia...il miracolo della lettura, affascinante, apre mondi sconosciuti, come è capitato alla tua piccola protagonista... "Canne al vento" di Grazia Deledda incantò anche me... e la mia isola è splendida. Complimenti Teresa un bacio

margherita pisano 16/11/2017 - 21:32

--------------------------------------

una stupenda scrittura che ti tiene attaccato alle parole veramente bella 5*

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 16/11/2017 - 18:40

--------------------------------------

...ed è una bellissima storia...
Brava!

Grazia Giuliani 16/11/2017 - 17:38

--------------------------------------

Una storia bella da fiaba che tu hai saputo arricchire con il tuo stile che incanta il lettore. I miei complimenti. Ciao

Francesco Scolaro 16/11/2017 - 15:50

--------------------------------------

Complimenti decisamente bello 5*

donato mineccia 16/11/2017 - 15:11

--------------------------------------

Bello questo racconto autobiografico, una bimbetta portata a spasso dal papà che cerca i sassi ed ogni giorno il mare ne porta di nuovi. Giulio Soro

Giulio Soro 15/11/2017 - 18:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?