Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

haiku - giusto il te...
Haiku' - Giù -...
Scoccata La Scintill...
Bivio...
Il Poeta percepisce ...
La poesia in una ser...
UNA SERA...
Ai coraggiosi...
Vintage...
La sera...
Particolari esperien...
Non è più debole chi...
verità...
IL GIOCATTOLO...
Ancora piove...
Jonny il Pulcino...
La ragazza di Meana...
LA SECONDA GIOVINEZZ...
Lupin...
DOLCEZZE...
La sera....
Nuova sera...
Lancillotto abita qu...
@ Rossana...
Di notte...
Comunicazione non ve...
Nel mio nulla...
Infinito...
La gallina dalle uov...
Due parole...
MILKY CUCCIOLO...
Pensiero notturno...
Sillabari...
Ad Oriente...
La ferita...
Parole nel vento...
FRAMMENTI...
Caccia Misericordios...
Valigie....
Dolce amica......
STERILITA'...
Un ricordo...
Canto Aprico...
Pomeriggio...
Implacabile divenire...
Poesia in “Codice Be...
Una lacrima sul viso...
Serenata d'inverno...
Non c'è...
Vento...
Ode a Cuore di Burro...
Attendo la notte...
Cose così...
Gloria...
COMPLEANNO...
Un gatto in cielo...
LUCERTOLE...
La ragazza che diven...
AMORE MIO...
DOVE NASCE L’ALBA...
L'inconscio, follia,...
Chi è il malvagio?...
Haiku...
La notte dell'uomo...
Senryu nr. 4...
omaggio a san Paolo ...
La carne è fragile...
Verde...
Legami...
Incipit d\'amore...
Haiku'...
IL NOSTRO PARA...
Vita...
L'impulso...
FILASTROCCA IMPROVVI...
MI PIACI...
Nonna sorridi...
L’intero...
PER QUESTO AMORE AMA...
La venditrice d'amor...
Un angelo possiede u...
Le stagioni...
Più avari siamo di m...
SUSSULTI D'AMORE...
Canzone popolare...
Ma che cavolo !...
e non mi sento più s...
Così...
RICORDO UN BAMBINO...
il merlo canterino...
Bellissimo sarà vede...
PARVENZE...
Nel raggio di un sol...
GIALLO...
Una persona che ama ...
haiku - nonostante...
LA SECONDA GIOVINEZZ...
Giugno 2015...
Il gioco a scacchi...
NEL BOSCO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL CONVIVIO

Le istruzioni sono:

A tavola, davanti al cibo e al vino, nascono riflessioni, si realizzano confronti e talvolta si vivono conflitti. Scrivete un racconto dove la protagonista sia una tavola imbandita intorno alla quale i personaggi discutano senza riserve.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



un equivoco?

-Non me l’aspettavo sai? Non pensavo che sarei stata invitata anch’io. Beh, in fondo, è anche ora che conosca i tuoi colleghi.
-Spero che riuscirai a non annoiarti e poi, ti prego, limitati con il vino
-Mi stai dando dell’alcolizzata?
-No, no…per carità, sto solo dicendo che sai, vorrei il direttore ti vedesse in tutta la tua bellezza, eleganza e compostezza. Sono un uomo fortunato e tu non sei il valore aggiunto, sei la mia fortuna.
-Ho sentito le tue unghie sui vetri ahahahahah! Va beh! A, senti, metto il nero o il blu?
-Metti il rosso, ti sta d’incanto….
-Ecco, sempre il bastian contrario, comunque sono pronta….eccomi, come sto?
-Incantevole….dovrò tenere a bada il collega ed il direttore prrrrrrrrr


Giulia e Giacomo raggiunsero a piedi il ristorante, la serata era splendida ed il locale era a solo un chilometro da casa.


Non appena entrarono, si trovarono innanzi un responsabile di sala che liberò Giulia e Giacomo dei cappotti e si fece seguire sino al privèe dove i colleghi e rispettivi coniugi, attendevano sorseggiando un prosecco, chi seduto sui divanetti, chi in piedi a conversare amabilmente.


Giacomo cominciò con le presentazioni e si accomodarono.


Erano in 7, 3 signori e 4 signore, 4 colleghi (di cui 3 uomini e 1 donna). Lei, l’unica collega donna, era senza accompagnatore, si chiamava Giorgia ed era estremamente affascinante. Il direttore, Matteo, sedeva accanto alla moglie Paola che, a sua volta aveva accanto Giorgia. Accanto a Giorgia c’erano Giacomo e Giulia vicina alla quale sedeva Giovanni, il diretto collaboratore di Giacomo e poi Loredana, la moglie, che, quindi, era anch’essa accanto al direttore.


Una bellissima tavola circolare, apparecchiata ad arte con argenteria, cristalli e vini di pregio.
I camerieri cominciavano a servire gli antipasti mentre le signore dialogavano amabilmente. Giulia, però, notò che Giacomo guardava insistentemente Giorgia e che la stessa rispondeva agli sguardi con altrettanto interesse. Mentre dialogava con Paola e Loredana, non poteva che non accorgersi degli ammiccamenti, tanto che, innervosita, continuava a farsi versare del vino dal responsabile di sala, ma Giacomo pareva non accorgersi di nulla…..


Giorgia esibiva uno splendido corpo in un tubino avvolgente ed un volto altamente sensuale…parlava poco, sorseggiava con grazia il vino, elegantemente muoveva le proprie mani nell’uso delle posate. Un vero incanto. Giulia era visibilmente nervosa, rideva con sgarbo, alzava la voce e più di una volta le cadde la forchetta.


Giacomo, nulla…….


Servirono altre pietanze, piccole porzioni "coreografiche ed appetitose", com'è buona regola nei ristoranti di classe.


Quando Giulia ebbe terminato il suo quarto calice di vino, Paola cercò di correre ai ripari. Chiese a Giulia di accompagnarla alla toilette e, aiutandola ad alzarsi, la condusse fuori dal privèe. Immediatamente fuori le chiese:
-Giulia, non la conosco, ma ho capito che qualcosa non va. Vuole parlarmene? E le chiedo perdono se sono indiscreta, ma vorrei esserle d’aiuto.


Giulia, sotto l’effetto dei fumi del vino, si mise a piangere e confidò alla gentile signora il motivo del suo comportamento. Paola aiutò Giulia a sistemarsi il trucco e cercò di rassicurarla dicendole che sicuramente si stava sbagliando.


Tornarono al tavolo. Giorgia, nel frattempo, stava intrattenendo una conversazione con Loredana. Loredana era, anch’ella, una bella donna, architetto, non giovanissima ma estremamente elegante. Parlavano di arredamento, dei lavori che Gorgia avrebbe voluto fare nel proprio appartamento e della tappezzeria. Tutto questo mentre gli uomini, tra un bicchiere e l’altro, discutevano di marketing, di prossimi acquisti, di personale, insomma, di lavoro. Ma quando a un certo punto Matteo si alzo per raggiungere la toilette, con l’eleganza di un cigno si alzò anche Giorgia e, delicata e sensuale, uscì dal privèe.


Entrambi si assentarono per 8/10 minuti, ma nessuno, tranne Giulia, si accorse dell’assenza, o meglio, nessuno diede peso alla cosa.


Rientrò prima Giorgia e, qualche istante dopo, Matteo. Giorgia aveva i capelli in disordine, il trucco lievemente sfatto. Ed anche stavolta, nessuno, tranne Giulia, fece caso al lieve cambiamento. Poco dopo, rientrò Matteo e si sedette tranquillamente al suo posto in attesa di essere servito.
Ma, innanzi allo stupore generale, Giulia alzò il proprio calice e disse:
-Un brindisi a chi stasera, a casa propria, riuscirà a guardarsi allo specchio senza alcun senso di colpa!
-Ma cosa dici tesoro? Disse nervosamente Giacomo
-Quello che ho appena detto, vuoi che lo ripeta?
-Cosa significa? Chiese sorridendo Matteo
-Significa che a questo tavolo ci sono dei giocatori scorretti e che qualcuno si dovrebbe vergognare!


Si guardarono tutti perplessi e Giacomo si alzò di scatto


-Giulia, ti avevo chiesto....
-Di non bere? Fidati, sono sobria
-Non credo, andiamo!


E mentre Paola, Giorgia, Loredana, Matteo e Giovanni si guardavano con aria interrogativa, dalla porta principale del privèee entrò una splendida donna…


-Amici, Signore, lei è Isabella, la mia compagna, la mia sposa. Disse Giorgia con occhi innamorati
-Voleva essere una sorpresa e mi spiace se qualcuno ha frainteso, ma l’idea è stata di Matteo e Giacomo. Ecco, vorremmo ci consideraste una coppia normale, come voi, nulla di più e nulla di meno.
Giulia cara, non ti conosco, ma voglio complimentarmi con Giacomo perché hai dimostrato di essere una donna schietta e sincera, una donna che non si pone il problema della carriera piuttosto che del fallimento lavorativo del marito se qualcosa non la convince. Quindi, Giacomo, non prendertela con lei, anzi, tienila stretta, è merce rara!
Loredana, sei fantastica…sei una donna colta e bellissima! E tu, Paola, l’unica che sa, da sempre….ti voglio bene!
Giovanni, tu non sapevi e ti chiedo perdono, ma sei arrivato da poco in questa piccola famiglia e non abbiamo mai avuto troppa confidenza.
Grazie amici cari, grazie di cuore a Matteo per questa opportunità!


La cena era terminata, Giorgia e Isabella erano raggianti, Paola e Matteo, sereni, rassicuranti. Loredana e Giovanni, positivamente sorpresi.


E Giulia? Beh, chiese ovviamente scusa a Giorgia ed a tutti i commensali e si diresse velocemente verso l’uscita, profondamente costernata, con l’unico desiderio di sprofondare.


La raggiunse Giacomo, l’abbracciò, la baciò sussurrandole che l’amava infinitamente e che, in fondo, conoscendo la sua attenzione, il suo senso del dovere e la sua indiscussa serietà, aveva sbagliato a non dirle nulla. I loro "sguardi intensi" erano dovuti all’organizzazione dell’evento. Isabella stava tardando e Giorgia era preoccupata, tant’è che subito dopo, con Matteo, l’avevano, con estrema difficoltà, contattata telefonicamente.


Giulia e Giacomo tornarono nel privèe dove gli altri ospiti li attendevano e brindarono, si!….ma questa volta né alla sincerità, né al lavoro.


Brindarono all’amore!




Share |


Scrittura creativa scritta il 19/10/2018 - 19:47
Da laisa azzurra
Letta n.175 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Davvero molto, molto bello! Complimenti!

Francesca B 25/10/2018 - 15:43

--------------------------------------

Bravissima tesoro
Una scrittura affascinante e intensa

Mary L 21/10/2018 - 14:24

--------------------------------------

grazie di cuore

laisa azzurra 21/10/2018 - 09:47

--------------------------------------

Sei bravissima i tuoi racconti mi rapiscono sempre! La scrittura di una donna ha sempre quel qualcosa che riesce a conquistarmi! Stesura interessantissima!! Bellabellabella

Rossella P 21/10/2018 - 00:42

--------------------------------------

Racconto affascinante, descritto egregiamente, con finale a sorpresa. Sei sempre bravissima cara Laisa, le mie più sentite lodi e buona serata.

Paolo Ciraolo 20/10/2018 - 20:55

--------------------------------------

LAISA...Siamo nel 2018 e questi matrimoni fra donne non ci meravigliano più. Nel tuo racconto hai portato all'attenzione l'argomento tabù che in una cena movimentata è esploso in una esilerante farsa coinvolgendo tutti i commensali. Brava come sempre

mirella narducci 20/10/2018 - 16:47

--------------------------------------

BELLO! Ed ho detto tutto.

Antonio Girardi 20/10/2018 - 12:42

--------------------------------------

Care amiche di OS vi siete mese d'impegno....bravissime!
Laisa devo dire che la fantasia di certo non ti manca: hai imbastito una storia niente male, che si dipana attorno ad una tavola, dove il cibo passa nettamente in secondo piano.
Le vicende si intrecciano, ma in fondo sei una romanticona ed il finale lo dimostra...
Piaciuto cara!!

PAOLA SALZANO 20/10/2018 - 09:50

--------------------------------------

Sei una dinamite anche nei racconti! L'ho letto tutto di un fiato e ti faccio un sacco di complimenti, sei sempre all'altezza di ogni cosa! Un bacione!

Ilaria Romiti 20/10/2018 - 09:13

--------------------------------------

Ecco la misura della mia stanchezza,
ho scritto il commento per te sotto il mio testo!
A questo punto, Buonanotte a tutti!

Grazia Giuliani 19/10/2018 - 22:19

--------------------------------------

Laisa le coppie sedute intorno ad un tavolo sono sempre e comunque mine vaganti, spesso si innescano conflitti di coppia o di gruppo. Tu ci descrivi una cena di lavoro che, tra tensioni ed equivoci, alla fine si esalta nell'amore.
Sei bravissima nei dialoghi e nelle atmosfere, in amore spesso vediamo ciò che non c'è e non vediamo ciò che c'è: Giulia, in questo caso è fortunata...
Le nostre due S azzurre una sopra l'altra mi hanno fatto sorridere: fili invisibili, similitudini...a me intrigano queste cose...
Grazie, stupenda Laisa
La scrittura creativa è un gioco con se stessi e con chi ci confrontiamo...
Facciamolo, giocare fa bene!

Grazia Giuliani 19/10/2018 - 22:18

--------------------------------------

Non ti avevo mai letto come stupenda narratrice. Proprietà di linguaggio, conoscenza delle "cene di lavoro" capacità molto accattivante nel sorprendere il lettore, quanto basta per voler arrivare fino in fondo.
Narrazione molto bella.
Complimenti, sai distinguerti in tutto ciò che scrivi, con eleganza, arguzia e intensità espressiva.

ALFONSO BORDONARO 19/10/2018 - 21:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?